Chrome per Android sta per rinnovare la gestione delle schede aperte: diamogli un'occhiata

Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Chrome per Android sta per rinnovare la gestione delle schede aperte: diamogli un'occhiata

Nonostante l'arrivo del Digital Markets Act, che permetterà agli utenti di scegliere il browser predefinito sul proprio dispositivo, molto probabilmente Chrome resterà l'app per navigare su Internet più usata al mondo (se invece non vi soddisfa, date un'occhiata alle migliori alternative).

Questo però non significa che Google non cerchi costantemente di migliorarlo in ogni aspetto e a quanto pare starebbe per arrivare una diversa gestione delle schede aperte

Attualmente, potete passare tra le diverse schede aperte scorrendo con il dito verso destra o verso sinistra sulla barra degli indirizzi, chiamata anche "omnibox", oppure toccando l'icona con il quadrato e il numero di schede aperte in alto a destra. Qui potrete riordinare le schede, chiuderle o aprire una nuova scheda toccando il pulsante + Nuova scheda in alto a sinistra (o toccando i tre puntini in alto a destra e poi + Nuova scheda). 

Nelle ultime versioni di test di Chrome, Dev, Beta e Canary, però, sono apparse nuove opzioni che consentono di attivare un'interfaccia che dovrebbe sostituire la schermata attuale.

Attivando il flag android-hub andando a questo indirizzo

chrome://flags/#android-hub

Avrete accesso a una nuova funzione descritta come "Sostituisce il Tab Switcher con una superficie Ul contenente più tipi di dati". Toccando il menu a tendina troverete diverse opzioni oltre ai soliti Enabled, Disabled e Default: Enabled Phase 1 w/ FAB, Enabled Phase 1 w/o FAB, Enabled Phase 2 w/ Icons, Enabled Phase 2 w/ Text, Enabled Phase 3, Enabled Phase 4.

AssembleDebug è riuscito ad abilitare la nuova schermata con il FAB, ovvero con il nuovo pulsante "+" flottante, e ne ha condiviso la schermata su X.

Fonte: AssembleDebug

 

Leopeva invece ha scoperto su Chromium Gerrit una serie di patch relative allo sviluppo di questa funzione, come una che "aggiunge un cursore per configurare il livello di contrasto del testo", ovvero "il livello di contrasto delle dimensioni tra le dimensioni dei diversi caratteri su una pagina Web".

Nella descrizione si legge anche "Questa funzione è anche chiamata zoom non lineare, perché consente agli utenti di ingrandire su uno schermo il testo più piccolo più del testo più grande".

Come si legge su Gerrit, abilitando la funzione si rischiano di incontrare errori critici, ed è proprio quello che è accaduto a noi quando abbiamo provato ad attivare una delle opzioni del flag android-hub.

In pratica attivando una qualsiasi voce non abbiamo più avuto accesso ai recenti e per ripristinare la situazione originare abbiamo dovuto disabilitare il flag. Questo suggerisce che la funzione sia un cantiere aperto, ma il fatto che sia presente anche nella Beta dell'app suggerisce che il suo sviluppo sia in fase piuttosto avanzata e che i problemi che abbiamo evidenziato siano risolvibili nelle prossime versioni.