Come cambieranno i servizi di Google per accontentare l'Europa

Antonio Lepore
Antonio Lepore
Come cambieranno i servizi di Google per accontentare l'Europa

Molti servizi di Google verranno presti aggiornati così da adeguarsi alle ultime leggi europee sulla protezione dei consumatori. La società di proprietà di "Alphabet", infatti, ha accettato di introdurre alcune modifiche al Google Store, Google Play Store, Google Hotels e Google Voli. A questo proposito, il commissario europeo per la Giustizia, Didier Reynders, ha dichiarato: "Vediamo che un numero crescente di consumatori si rivolge a Internet per prenotare le vacanze, fare acquisti o consultare una recensione. I consumatori dell'UE hanno diritto a informazioni chiare e complete in modo che possano fare scelte informate. Gli impegni presi da Google sono un passo avanti in questa direzione".

Nello specifico, Google Voli e Google Hotel distingueranno tra i servizi offerti direttamente dal colosso di Mountain View e quelli in cui funge da intermediario per altre società. Inoltre, l'azienda chiarirà che l'app riservata agli Hotel non verifica le recensioni, accettando dunque gli stessi impegni sulla trasparenza assunti da altre piattaforme come Booking ed Expedia.

Per quanto riguarda il Play Store ed il Google Store, invece, le modifiche interesseranno l'introduzione di informazioni più chiare sui costi di consegna, il diritto di recesso e sulla disponibilità di opzioni di riparazione o sostituzione, ove disponibili. Verranno inoltre forniti ulteriori dettagli sulle società, inclusi nomi commerciali, indirizzi e informazioni di contatto. Tra l'altro, Google chiarirà come navigare nelle versioni di Google Play Store di altri paesi e faciliterà l'accessibilità alle app in tutta l'UE, oltre a consentire ai consumatori di utilizzare i metodi di pagamento di qualsiasi paese dell'UE.

Infine, la società ha accettato di limitare il proprio diritto di annullare autonomamente gli ordini o di modificare i prezzi nel Google Store. Tuttavia, Google continua ad essere sotto osservazione da parte delle autorità europee per quanto concerne alle normative sui blocchi geografici. Il commissario europeo Reynders difatti ha dichiarato: "Chiediamo a Google di rispettare pienamente il regolamento sui blocchi geografici, garantendo che i consumatori possano godere degli stessi diritti e accedere agli stessi contenuti, ovunque si trovino nell'UE".

Tutte le news sulla tecnologia su Google News
Ci trovi con tutti gli aggiornamenti dal mondo della tecnologia
Seguici