Facebook ed Instagram supportano la condivisione di NFT a partire dagli USA

Facebook ed Instagram supportano la condivisione di NFT a partire dagli USA
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Vi ricordate la promessa di Meta di portare gli NFT sulle sue app social? La funzione era poi approdata per alcuni utenti selezionati su Instagram, ma ora con un annuncio ufficiale la società di Mark Zuckerberg ha dichiarato di aver esteso a tutti gli utenti di Facebook e Instagram (negli Stati Uniti) la possibilità di condividerli. 

Probabilmente non sarà la funzione più richiesta, o quella che cambierà le sorti dell'azienda, ma nondimeno ora tutti gli utenti interessati potranno pubblicare post con NFT e avere una "certificazione" (immagine sopra) che mostra "Digital collectible" verificato, e non semplicemente un'immagine copia-e-incolla.

Segui SmartWorld su News

Ma come fare una cosa del genere? Gli utenti devono collegare il loro portafoglio crittografico al profilo, dopodiché potranno creare un post con gli NFT in quel portafoglio. Secondo un post sul blog di Meta, la condivisione di un oggetto da collezione digitale comporta la possibilità di "contrassegnare automaticamente il creatore e il collezionista"

Per quanto riguarda i portafogli supportati, sono cinque, e includono Coinbase, MetaMask e Dapper.

Gli utenti possono controllarlo andando in Impostazioni e poi su Digital Collectibles (Oggetti da Collezione digitali) nella versione web di Instagram. 

I più attenti avranno notato una cosa curiosa, ovvero che non si parla di NFT, ma di "Digital collectibles". Questo perché dopo l'ondata di entusiasmo intorno alla tecnologia dell'anno scorso, ora l'interesse è letteralmente crollato.

Bloomberg ha infatti riportato che da gennaio i volumi di scambio di NFT sono calati del 97%, dato confermato da Nonfungible.com e Dappradar. 

Meta ha provato a far recuperare l'interesse, e agli MTV Video Music Awards Eminem e Snoop Dogg si sono esibiti a tema (qui sotto il video) per convincere la gente a credere nella tecnologia. Evidentemente non è servito, e così si è deciso di cambiare nome. Via NFT e dentro "oggetti da collezione digitale", nella speranza che il nuovo nome dia quella sensazione di novità a un settore morente.

Tornando alla nuova funzione di condivisione, Meta ha dichiarato che verrà resa disponibile su Instagram anche nei 100 Paesi in cui gli oggetti da collezione digitali sono disponibili (Africa, Asia-Pacifico, Medio Oriente e Americhe).

Mostra i commenti