Google accusa Apple di discriminare gli utenti

Google accusa Apple di discriminare gli utenti
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Google ha dato il via a una nuova campagna contro Apple, per spingerla (o quantomeno sensibilizzare i suoi utenti) ad adottare gli RCS, e questa volta non si è risparmiata, come potete vedere dall'immagine di apertura o dal nuovo video che trovate qui sotto.

La questione è in vigore da diverso tempo, e sicuramente ne avrete sentito parlare: Apple si ostina a non voler adottare lo standard RCS (Rich Communication Services, qui trovate un nostro approfondimento), preferendogli il proprio iMessage, e Google non perde occasione di "punzecchiarla" accusandola di bullismo

Segui SmartWorld su News

Ma qual è il problema? Per gli utilizzatori (più negli Stati Uniti, dove Messaggi è un'app molto usata, che da noi) significa che quando un utente Android manda un messaggio a un utente Apple, questo viene evidenziato con una bolla verde, invece che blu.

Più nello specifico, visto che la casa di Cupertino utilizza il proprio servizio per i Messaggi (completo di funzionalità come crittografia end-to-end, supporto per chat di gruppo e trasferimenti di immagini e video di alta qualità), quando un utente Android manda un messaggio (compatibile con lo standard RCS) a un possessore di iPhone, questi "tornano" a SMS normali, quindi senza le moderne funzionalità di messaggistica su cui le persone fanno affidamento.

Google si è stufata, e la lanciato la campagna #GetTheMessage, che più chiara non può essere:

Apple trasforma i testi tra iPhone e telefoni Android in SMS e MMS, tecnologie obsolete degli anni '90 e '00. Ma Apple può invece adottare RCS, il moderno standard del settore, per questi thread. Risolvete il problema senza cambiare le conversazioni da iPhone a iPhone e migliorare la messaggistica per tutti.

Google ha proposto delle soluzioni al problema, visto che supportare lo standard RCS non impatterebbe in maniera significativa sull'esperienza degli utenti iPhone (anche se alcune funzionalità in effetti si perderebbero), ma ci sono due grossi problemi: la posizione di Apple e la diffusione dello standard RCS.

Apple ha solo da guadagnare in questa situazione, in quanto prima di tutto riserva ai suoi utenti un "giardino dorato" in cui gli utenti Android appaiono come "una classe inferiore", cosa che sembrerà ridicola ma secondo un'analisi del Wall Street Journal impatta considerevolmente sui più giovani (che addirittura hanno il terrore di apparire sulle bolle verdi).

In seconda battuta i manager della mela hanno dichiarato (in un rapporto interno trapelato un anno fa) che portare iMessage ad Android sarebbe più dannoso che altro

Per quanto riguarda lo standard RCS, invece, è vero che all'inizio ha avuto dei problemi di diffusione a causa della dipendenza dagli operatori telefonici, ma nel 2019 Google ha preso in mano le redini e ora è praticamente ovunque nel mondo Android, con la stessa Samsung che nei suoi Galaxy S22 ha messo l'app Messaggi di Google come predefinita per spingere la piattaforma. 

Inoltre gli RCS ora supportano la crittografia end-to-end (E2EE) nelle chat individuali e nelle chat di gruppo dovrebbe arrivare per la fine dell'anno, quindi come abbiamo detto non è troppo indietro sul versante delle funzionalità. Basterà a convincere Apple? Forse, a ben vedere il sito GetTheMessage di Google, l'intento del gigante della ricerca non è tanto convincere i dirigenti della mela, quanto i suoi utenti, che se passassero ad altri servizi di messaggistica manderebbero un segnale forte dalle parti di Cupertino, e chissà, forse incrinare il muro che protegge il famoso e ambito giardino.

Mostra i commenti