Google al lavoro su un tracker Bluetooth "in stile AirTag"

Google al lavoro su un tracker Bluetooth "in stile AirTag"
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Nel corso degli anni, sono arrivati sul mercato diversi tracker Bluetooth, come FiloTagTile con i modelli Mate, Slim e Sticker e Galaxy SmartTag+ di Samsung e ovviamente AirTag di Apple (qui trovate un confronto di tutti i tracker appena citati). Google però non è rimasta a guardare e sembra che stia lavorando al proprio tracker Bluetooth.

Offerte Amazon

I riferimenti a questo ipotetico prodotti "in stile AirTag" sono stati trovati nella console dedicata agli sviluppatori di Fast Pair, la funzionalità di Google che permette di abbinare allo smartphone diversi device in maniera rapida: secondo Mishaal Rahman, Fast Pair supporterà presto dispositivi di tipologia "Locator tag", chiaro riferimento ai tracker Bluetooth.

Inoltre, Google sta lavorando ad una sua rete di comunicazione per questi dispositivi: si chiamerà Finder Network e funzionerà in maniera del tutto simile alla rete Find My di Apple, che permette a dispositivi diversi di comunicare fra loro (utile ad esempio per ritrovare un dispositivo smarrito).

L'ultima grande conferma circa un tracker Bluetooth made in Google arriva dal leaker Kuba Wojciechowski: il team Google Nest si sta occupando dello sviluppo di un dispositivo che supporterà le tecnologie Bluetooth Low Energy e Ultrawide band (entrambe utilizzate proprio dai tracker) e con nomi in codice "grogu", "groguaudio" oppure "GR10".

Al momento questo è tutto quello che sappiamo: probabilmente, il palcoscenico ideale per presentare un prodotto di questo genere è il Google I/O 2023, che si terrà a maggio, magari insieme al prossimo smartphone di BigG.

Mostra i commenti