I controlli per la domotica di Android ora funzionano con Home Assistant

Un grande passo in avanti per la gestione della propria casa connessa
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca
I controlli per la domotica di Android ora funzionano con Home Assistant

Al giorno d'oggi la domotica è un concetto alla portata di tutti, con dispositivi di ogni genere che, anche grazie ai costi abbordabili, sono presenti nelle case di milioni di utenti. Parte di questi si affida a Google Home e ai controlli smart che troviamo su Android.

A partire da Android 13 infatti Google ha rilasciato una sezione del suo sistema operativo che contiene tutti i controlli associati ai dispositivi connessi in casa. Questo significa che direttamente dallo smartphone è possibile controllare l'attivazione delle lampadine smart, termostati, telecamere di sicurezza e tanto altro.

La parte fastidiosa è che i dispositivi domotici sono prodotti da tantissime aziende, e alcune di queste chiaramente non sono immediatamente compatibili con i controlli smart che troviamo su Android. Ma per coloro che hanno questo tipo di dispositivi e vogliono controllarli da Android non è tutto perduto.

Lo scorso settembre è stato infatti rilasciato, un po' in sordina, il supporto di Home Assistant per i controlli integrati nei dispositivi Android.

Home Assistant è un hub di automazione, completamente open-source, che può essere eseguito in locale sulla rete dell'utente, garantendo così maggiore velocità e riservatezza rispetto a soluzioni basate sul cloud.

Grazie a questo supporto, potrete avere a portata di tap anche i controlli di quei dispositivi che non siano compatibili nativamente con Android, ma con Home Assistant (che dovrete già aver configurato sulla vostra rete). Gli screenshot in galleria mostrano un esempio, ma logicamente i casi possono essere molteplici.

L'alternativa finora poteva essere l'app ufficiale di Home Assistant, ma non è così immediata come dei controlli integrati a livello di sistema. Detto questo, rispetto a sistemi cloud che sono immediatamente disponibili, Home Assistant richiede un po' di know-how in più, perché deve essere prima installato e configurato dall'utente per poter funzionare.

Su WhatsApp le breaking news tech!
Solo il meglio della tecnologia
Seguici