Matter fa un altro salto avanti: più dispositivi e funzionalità smart, ma i produttori?

Grande aggiornamento per Matter, che arriva alla versione 1.3 e ottiene il supporto per più elettrodomestici, gestione dell'energia, scene e ricarica delle auto elettriche
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Matter fa un altro salto avanti: più dispositivi e funzionalità smart, ma i produttori?

La Connectivity Standards Alliance (CSA) ha annunciato oggi il debutto di una nuova specifica Matter 1.3, lo standard per la smart home, disponibile per i produttori di dispositivi e le piattaforme (sapete cos'è Matter?).

Tra le novità, il supporto per più elettrodomestici, inclusi forni e piani cottura, oltre che per i caricatori di auto elettriche, la gestione dell'energia e dell'acqua e introduce nuove funzionalità per il protocollo di casting universale di Matter che potrebbe essere un concorrente di AirPlay e Google Cast. Tutto bene? Non proprio, vediamo perché.

Cos'è Matter

Matter è un nuovo standard open source di interoperabilità per la casa intelligente progettato per far comunicare i dispositivi connessi attraverso un linguaggio comune e senza necessariamente fare affidamento su una connessione cloud. È costruito per essere sicuro e privato, facile da configurare e ampiamente compatibile.

Sviluppato da Apple, Amazon, Google e Samsung (e altri), Matter funziona tramite Wi-Fi, Ethernet e il protocollo di rete mesh a bassa potenza Thread e attualmente supporta oltre 30 tipi di dispositivi.

Un dispositivo compatibile con Matter può essere configurato e utilizzato con qualsiasi ecosistema compatibile con lo standard tramite un controller Matter.

Le novità dell'aggiornamento

Matter 1.3 porta una serie di novità, principalmente aggiungendo il supporto per una serie di nuovi tipi di dispositivi, tra cui quelli per la gestione dell'acqua e dell'energia, caricabatterie per veicoli elettrici, elettrodomestici da cucina e TV.

Per quanto riguarda la cucina, i nuovi dispositivi sono:

  • Forni a microonde: gli utenti possono controllare il tempo di cottura, il livello di potenza e la modalità di funzionamento e ricevere notifiche, come "fine del ciclo" o "cibo pronto" quando il microonde completa il funzionamento. Per un forno a microonde installato in una configurazione "over-the-range", la specifica supporta anche il controllo di un aspiratore e la luce tipica in tali scenari.
  • Forni: Le configurazioni che includono built-in, stand-alone o come parte di una gamma con un piano di cottura associato sono incluse nell'aggiornamento Matter 1.3. Ogni scomparto del forno può essere controllato individualmente da una modalità operativa (standard, cottura a convezione, arrosto, vapore, griglia/griglia, prova) e da una prospettiva di impostazione della temperatura con informazioni relative allo stato del forno (cioè preriscaldamento o raffreddamento). Sono supportate notifiche come il preriscaldamento e la temperatura target raggiunta.
  • Piani di cottura: Con Matter 1.3, c'è il supporto per i piani cottura, che consentono l'accesso e il controllo remoti (in genere dispositivi basati sull'induzione). I singoli elementi del piano cottura consentono il controllo e la misurazione della temperatura (dove la regolazione lo consente).
  • Cappe per estrattori (cappe da cucina, cappe da sfiato): Matter 1.3 supporta i piani cottura e le gamme in combinazione con le cappe da cucina. Consente il controllo sia delle impostazioni della luce che della ventola in tali dispositivi, nonché lo stato/fine vita di qualsiasi materiale filtrante utilizzato (ad esempio, filtri HEPA).
  • Asciugatrici per bucato: Matter 1.3 completa il supporto di Matter 1.2 per le lavatrici con l'aggiunta del supporto per le asciugatrici. Gli utenti possono impostare la modalità di asciugatura e la temperatura di destinazione e, a seconda delle normative di sicurezza locali, avviare e arrestare l'asciugatrice da remoto. Sono supportate notifiche come "fine del ciclo" e allarmi sugli stati di errore (come specificato dal fornitore).

Per le spine intelligenti e altri dispositivi, Matter 1.3 include rapporti sulla gestione dell'energia, che consentono agli utenti di vedere le misurazioni effettive e stimate di potenza, tensione e corrente, sia in tempo reale che nel tempo.

Questo è un grande aggiornamento per la piattaforma, in quanto un ecosistema o un'app di gestione dell'energia può aiutare gli utenti a gestire automaticamente il consumo di energia nella tua casa.

I produttori di caricatori per auto elettriche sono in grado di includere funzionalità basate su Matter come l'avvio e l'arresto manuale della ricarica, la regolazione della velocità di ricarica e l'ottimizzazione dei tempi di ricarica. Per esempio si potrà dire a un caricatore di ricaricare l'auto entro le 8 di mattina per avere almeno 150 km di autonomia, ma sfruttando le fasce orarie in cui l'energia è meno cara.

Matter 1.3 supporta ora dispositivi di gestione dell'acqua come rilevatori di perdite e congelamento, sensori di pioggia e valvole dell'acqua controllabili.

Per i televisori, Matter 1.3 migliora l'inizializzazione e la ricerca del casting (Matter casting) inoltre aggiunge il supporto per messaggi push e dialoghi per esperienze ambientali, un'interattività estesa per le app TV e una migliore interazione con altri dispositivi domestici.

Questo potrebbe significare ricevere una notifica sulla TV quando la lavatrice ha finito o un avviso sul tuo display intelligente quando l'aspirapolvere robot è intrappolato sotto il divano.

Le nuove specifiche poi supportano le scene, consentendo ai produttori e alle piattaforme di impostare, leggere e attivare le scene sui dispositivi. Le scene per Matter funzionano come le scene HomeKit, consentendo agli utenti di impostare uno stato desiderato per le stanze e i dispositivi con un unico comando. I controller Matter sono ora anche in grado di raggruppare più comandi in un unico messaggio quando comunicano con i dispositivi Matter per un minore ritardo tra l'esecuzione dei comandi.

Non serve a molto se i produttori non lo adottano

Insomma, Matter procede spedito, ma l'adozione non molto. Da Matter 1.2 non è cambiato granché: nessuna piattaforma ha ancora introdotto il supporto a Matter 1.2 e Apple lo ha annunciato per Matter 1.2 e 1.3, ma solo con iOS 18 (vedremo Google la prossima settimana al Google I/O).

Prendiamo Matter casting, che consente di trasmettere contenuti su app su TV e display direttamente da un'app supportata su uno smartphone, e si propone come alternativa aperta a AirPlay e Google Cast. 

Implementato fin dal lancio di Matter, è supportato solo dall'inizio di quest'anno da Amazon (parzialmente) con contenuti Prime Video che possono essere proiettati da uno smartphone a un display intelligente Echo Show 15. Certo Apple e Google non hanno nessun interesse a supportarlo, ma allora qual è il senso?

Un altro esempio è Samsung, che non ha ancora chiarito se aprirà i suoi elettrodomestici a Matter. 

Se le piattaforme non supportano i nuovi tipi di dispositivi, i produttori non sono incentivati a spendere risorse per sostenerli, e piuttosto investono nel supporto alle piattaforme esistenti come Google Home, Apple Home o SmartThings di Samsung. D'altro canto, con pochi dispositivi, le piattaforme non investono nel supporto a nuovi tipi di dispositivi.

E questo ci porta a una situazione in cui l'adozione di Matter procede a rilento, nonostante grandi proclami e continui aggiornamenti dello standard. Speriamo che prima o poi cambi qualcosa.

Tutte le recensioni su YouTube
Le nostre recensioni esclusive e le nostre classifiche
Seguici