Le strade di Google e Samsung si incrociano al CES: Nearby Share cambia nome

Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca
Le strade di Google e Samsung si incrociano al CES: Nearby Share cambia nome

Google risponde presente al CES di Las Vegas, la nota fiera tecnologica che ogni anno si tiene negli Stati Uniti e dove tutti i grandi produttori tech partecipano per mostrare le loro innovazioni.

Abbiamo visto come Google ha rinnovato Android Auto con alcune novità interessanti, e ora parliamo delle novità da Google che invece riguardano il mondo smartphone (ecco la raccolta con i migliori smartphone del momento). BigG infatti ha appena confermato uno dei rumor più consistenti delle ultime settimane.

Nearby Share, la funzionalità per la condivisione rapida dei file in modalità wireless che in Italia conosciamo come Condivisione nelle vicinanze, cambia ufficialmente nome in Quick Share.

La funzionalità che era nata come l'antagonista naturale di AirDrop per il mondo Android prende dunque il nome della stessa tipologia di funzionalità presente sui dispositivi Samsung, ovvero Quick Share.

Google ha riferito esplicitamente di aver collaborato con Samsung nel rebranding di Nearby Share.

L'ipotesi, secondo Mishaal Rahman, è che Google abbia integrato l'SDK del suo Nearby Share nel client Quick Share di Samsung. Questo permetterebbe una perfetta compatibilità tra tutti i dispositivi che in precedenza erano interconnessi con uno dei due servizi.

Google ha inoltre riferito che con Quick Share sarà possibile condividere file in maniera rapida tra dispositivi Android e Chromebook. E che sta collaborando con LG per integrare Quick Share come app preinstallata nei PC Windows. In realtà sappiamo già come usare la neonata Quick Share su PC Windows.

Il nuovo nome per Nearby Share dovrebbe arrivare a partire dal mese prossimo, quando ci aspettiamo un aggiornamento via server dopo il quale leggeremo Quick Share al momento della condivisione.

Tutte le news sulla tecnologia su Google News
Ci trovi con tutti gli aggiornamenti dal mondo della tecnologia
Seguici