Da novembre aumenti mensili fino a 5€ per alcuni clienti Fastweb Mobile

Antonio Lepore
Antonio Lepore
Da novembre aumenti mensili fino a 5€ per alcuni clienti Fastweb Mobile

Fastweb ha ufficializzato una rimodulazione tariffaria su diverse offerte di rete mobile. In particolare, così come riportato su MondoMobileWeb, dal 1° novembre alcune offerte mobile verranno sostituite con promozioni attualmente disponibili per nuovi clienti: questa novità, però, provocherà anche un aumento dei costi mensili a carico degli utenti. Nello specifico, i rincari saranno compresi tra 0,05 centesimi di euro a 5€. Oltre al costo, in taluni casi aumenterà anche il bundle dati mobili dell'offerta.

I clienti coinvolti riceveranno da oggi 1° ottobre una comunicazione in fattura oppure tramite SMS (comparirà un avviso anche nella propria area personali MyFastweb). Passando alle offerte interessate dalla modifica contrattuale, ecco l'elenco completo:

  • Fastweb Mobile con aumento mensile da 0,05 euro a 5 euro;
  • Fastweb Mobile Ver2 con aumento mensile da 0,05 euro a 5 euro;
  • Fastweb Mobile Ver3 con aumento mensile da 0,05 euro a 5 euro;
  • Fastweb NeXXt Mobile con aumento mensile da 2 euro a 4 euro;
  • Fastweb NeXXt Mobile Mini con aumento mensile da 0,05 euro a 5 euro;
  • Fastweb NeXXt Mobile Unlimited con aumento mensile da 2 euro a 5 euro;
  • Mobile 250 con aumento mensile da 1,26 euro a 5 euro;
  • Mobile 500 con aumento mensile da 1,26 euro a 5 euro;
  • Mobile 700 8GB con aumento mensile da 2 euro a 5 euro;
  • Mobile Freedom con aumento mensile da 1,14 euro a 5 euro;
  • Mobile Freedom 10GB con aumento mensile da 1,17 euro a 5 euro;
  • Mobile Freedom Special con aumento mensile da 2 euro a 5 euro;
  • Mobile Fuel con aumento mensile da 1,09 euro a 5 euro;
  • Mobile Giga con aumento mensile da 2 euro a 5 euro;
  • Mobile Voce con aumento mensile da 1 euro a 5 euro.

Infine, i clienti che non intenderanno accettare questa modifica contrattuale, avranno diritto di recedere dal contratto oppure di passare ad un altro operatore senza pagare penali né costi di disattivazione (entro il 15 gennaio 2024).

Mostra i commenti