Ecco lo strumento che segnala un testo generato dall'intelligenza artificiale

Il progetto è firmato da OpenAI, la società dietro a ChatGPT
Antonio Lepore
Antonio Lepore
Ecco lo strumento che segnala un testo generato dall'intelligenza artificiale

OpenAI, la società dietro a ChatGPT, ha diffuso uno strumento gratuito che ha la missione di distinguere un testo scritto da un essere umano da uno firmato dall'intelligenza artificiale. Tramite una nota stampa, la società ha chiarito che il tool "non è completamente affidabile e non dovrebbe essere utilizzato come strumento decisionale primario".

Per quanto riguarda l'utilizzo è molto semplice. Dopo aver creato un account OpenAI, è sufficiente incollare il testo in una casella, cliccare sul pulsante apposito e lo strumento vi dirà se appartiene ad un essere umano oppure all'IA. Ovviamente, vi sono alcune limitazioni, come ad esempio il minimo di caratteri richiesti per l'utilizzo, ovvero 1.000 caratteri. Inoltre, come accennato in precedenza, il classificatore non è sempre accurato: in tal senso, il testo generato dall'IA potrebbe facilmente essere modificato per raggirare questo sistema. Insomma, c'è ancora da lavorare.

Questa nuova tecnologia, tra l'altro, supporterà OpenAI nel delicato compito di convincere le scuole sulla bontà di piattaforme come ChatGPT.

Diversi istituti, infatti, hanno vietato l'utilizzo del programma: la società, quindi, ha affermato che "identificare il testo scritto per AI è stato un importante punto di discussione tra gli educatori". 

Infine, ChatGPT, recentemente, ha ricevuto un update che contiene una novità abbastanza di rilievo. Nel registro delle modifiche, infatti, si può leggere: "Abbiamo aggiornato il modello ChatGPT con una migliore fattualità e capacità matematiche".

Mostra i commenti