Sì, Qualcomm sta davvero preparando un SoC desktop anti Apple Silicon

Sì, Qualcomm sta davvero preparando un SoC desktop anti Apple Silicon
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Quando si pensa a PC desktop o portatili con processori ARM, non si può che pensare a Apple Silicon: l'azienda di Cupertino ha infatti svolto un ottimo lavoro con i suoi chip, che riescono a garantire ottime prestazioni senza sacrificare la durata della batteria e il consumo energetico dei computer.

Offerte Amazon

Ovviamente i competitor non possono rimanere a guardare, e dunque ecco che spunta un rumor secondo il quale Qualcomm starebbe lavorando alla produzione di un chip desktop in grado di competere con i SoC di Apple dal punto di vista delle performance. A dirlo è Kuba Wojciechowski, un sviluppatore molto attento anche al mondo dei semiconduttori.

Secondo Wojciechowski, Qualcomm starebbe lavorando a strettissimo contatto con Nuvia, una (ormai ex) società fondata da ex dipendenti Apple con l'obiettivo di sviluppare dei core avanzati e acquisita proprio da Qualcomm qualche anno fa. Il fatto che l'azienda voglia utilizzare la tecnologia Nuvia non è assolutamente una novità (se ne parla sin dal lontano novembre 2021), ma adesso sembra che il lavoro proceda molto velocemente.

Wojciechowski ha dichiarato che il chip di Qualcomm avrà nome in codice Hamoa (una località nelle Hawaii) e sarà formato da otto core ad alte prestazioni, perfetti per svolgere le operazioni più intense, e quattro core a risparmio energetico, per svolgere invece le operazioni più basilari e che non richiedono troppa potenza. I core d'elaborazione della CPU Hamoa saranno basati su un design sviluppato proprio da Nuvia, chiamato Phoenix.

In generale, dai rumor traspare molto ottimismo intorno a questo SoC di Qualcomm: si parla di un chip con prestazioni "estremamente promettenti", che dà il meglio di sé se unito ad una scheda grafica aggiuntiva. Purtroppo però tutte le notizie finiscono qui: Wojciechowski conclude dicendo che Qualcomm punta a lanciare i suoi chip solo nel 2024 (e non 2023 come ci si aspettava).

Mostra i commenti