Spotify non vede l'ora di farvi pagare (però senza Apple di mezzo)

Antonio Lepore
Antonio Lepore
Spotify non vede l'ora di farvi pagare (però senza Apple di mezzo)

L'entrata in vigore del nuovo regolamento europeo DMA (Digital Markets Act) comporterà dei cambiamenti anche per la nota app di streaming musicale Spotify. In particolare, dal 7 marzo sarà possibile pagare l'abbonamento alla piattaforma direttamente da iPhone, così come gli utenti potranno approfondire i dettagli delle promozioni e dei relativi prezzi.

La società, in una nota, ha evidenziato che "Per anni, anche nella nostra app, Apple ha imposto regole che non ci consentivano di comunicare le offerte, il costo di un prodotto o addirittura dove o come acquistarlo. Lo sappiamo, è una follia". Tuttavia, dal 7 marzo tutto questo sarà possibile: "Presto sarà possibile fornirvi informazioni nell'app Spotify sui prezzi di prodotti come abbonamenti Premium e audiolibri. Inoltre, comunicheremo chiaramente con voi nell'app Spotify i nuovi prodotti in vendita, le campagne promozionali, i superfan club e i prossimi eventi, compreso quando articoli come gli audiolibri saranno in vendita".

Dunque, dal prossimo marzo sarà possibile pagare l'abbonamento direttamente da iPhone senza che Apple trattenga fino al 30% di commissione. Tuttavia, la società di Cupertino potrebbe non stare qui a guardare.

Difatti, negli Stati Uniti, dopo che una decisione della Corte Suprema ha costretto Apple a consentire agli sviluppatori di vendere direttamente le loro app, la società ha replicato chiedendo comunque una commissione del 27%. In tal senso, un nuovo rapporto ha ipotizzato che l'azienda potrebbe pianificare qualcosa di simile in Europa.

Il canale degli sconti tech +50k
Tutti i migliori sconti e coupon per la tecnologia
Seguici