Fastweb-Vodafone, il matrimonio è ufficiale: Swisscom al 100%

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Tech Master
Fastweb-Vodafone, il matrimonio è ufficiale: Swisscom al 100%

Sembra che la storia della vendita di Vodafone, iniziata con il duplice interessamento di Iliad, il rifiuto e l'intromissione di Swisscom, stia per giungere al termine. È oggi ufficiale che Swisscom ha stipulato accordi vincolanti con il gruppo Vodafone per acquisire al 100% la divisione italiana.

Sul tavolo ci sono 8 miliardi e l'obiettivo è quello di integrare Vodafone all'interno dell'operatore Fastweb, sempre di proprietà di Swisscom. La cifra è la stessa che aveva offerto Iliad, che però proponeva di realizzare una fusione alla pari (50/50) e non una acquisizione del totale della società, fattore che potrebbe aver spinto Vodafone a preferire l'offerta della società svizzera.

Swisscom nella sua nota fa sapere che "la combinazione di infrastrutture mobili e fisse complementari di alta qualità, nonché delle competenze e asset di Fastweb e Vodafone Italia, darà vita a un operatore convergente leader in Italia". Il nuovo gruppo infatti diventerà il più grande di Italia con circa 9000 dipendenti, oltre 7 miliardi di ricavi e 33 milioni di clienti mobile.

L'accordo dovrebbe essere concluso in meno di un anno, ovvero a inizio 2025, previa ovviamente approvazione delle autorità. Non verrà però chiesto il voto degli azionisti Swisscom. Nel contratto firmato il gruppo svizzero potrà usare il marchio di Vodafone nel nostro paese per un massimo di cinque anni.

A tutta fibra

L'operatore che nascerà da questa fusione non avrà solo una notevole potenza di fuoco per quanto riguarda il mercato mobile. Parlando di rete fissa, il nuovo polo Fastweb Vodafone vanterà il 34,7% del mercato della fibra FTTC, e al contempo sarà a tutti gli effetti l'operatore più importante nel campo della fibra FTTH, con il 36% del market share. Cifre importantissime visto quanto il mercato, gli operatori e lo stato stiano spingendo verso l'adozione delle reti in fibra ottica.

Che succede a Vodafone

Se seguite il mondo delle telecomunicazioni saprete probabilmente che la divisione italiana di Vodafone non era l'unica in vendita.

A fine ottobre dello scorso anno, Vodafone Group Plc aveva annunciato il suo accordo con Zegona Comunications Plc per la vendita del 100% delle quote di Vodafone Spagna. A tal proposito, dopo l'annuncio per l'Italia, si è espressa anche Margherita Della Valle, CEO di Vodafone Group, confermando che le transazioni in Italia e Spagna porteranno diversi proventi anticipati al gruppo, utili per la revisione dell'allocazione del capitale in programma da tempo all'interno della società.

Vodafone comunque non sparirà così velocemente dall'Italia. Tanto per cominciare, nell'accordo firmato da Swisscom sono compresi altri 5 anni di sfruttamento del marchio. Vodafone Group ha poi partecipazioni in 25 paesi, in diversi dei quali opera con il proprio marchio.

Tips, tricks e news!
Tutto il meglio della tecnologia in video brevi!
Seguici