È il momento di vedere quanto sono resistenti i nuovi Galaxy Z Fold 5 e Z Flip 5

Spoiler: Samsung mantiene le promesse
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
È il momento di vedere quanto sono resistenti i nuovi Galaxy Z Fold 5 e Z Flip 5

Domani saranno ufficialmente disponibili sul mercato i nuovi pieghevoli di Samsung, Galaxy Z Fold 5 e Galaxy Z Flip 5 (ecco la nostra recensione, in caso ve la siate persa), ed è quindi il momento giusto per scoprire se siano all'altezza dei nostri sudati risparmi, almeno dal punto di vista della resistenza. 

A metterli sotto torchio sono stati il famoso Zack Nelson del canale JerryRigEverything e Mrkeybrd: scopriamo com'è andata!

Test di resistenza Galaxy Z Fold 5

Cominciamo dal "re" dei pieghevoli, Galaxy Z Fold 5, che passa sotto le grinfie di Zack Nelson per il solito test che prevede la resistenza a graffi, calore, polvere e soprattutto alla pressione.

Lo YouTuber inizia il video notando la notevole somiglianza con il predecessore, Galaxy Z Fold 4, con l'unica differenza data dalla nuova cerniera e dal nuovo vetro esterno in Victus Glass 2, come la serie S23. Dopo aver dedicato qualche secondo alla frequenza di aggiornamento variabile dello schermo esterno, Nelson inizia a testarlo con le punte in scala di Mohs.

Com'era da aspettarci, lo schermo inizia a rigarsi a livello 6, con solchi più profondi a livello 7.

Lo schermo interno, in plastica e protetto da una pellicola proprietaria non rimovibile, è ovviamente più delicato e già a livello 2 mostra profondi solchi, che si possono creare anche semplicemente con un'unghia. 

I bordi del dispositivo sono in metallo, e così i pulsanti, con quello di accensione che serve anche da sensore per le impronte. Tutti vengono debitamente rigati da Zack, che nota come il sensore per le impronte sia molto più impreciso dopo essere stato rigato, una cosa che non accade spesso con gli altri dispositivi. 

Passando la fiamma dell'accendino sullo schermo interno, dopo pochi secondi la pellicola fonde, ma senza intaccare il pannello sottostante, mentre quello esterno mostra dopo qualche tempo una macchia indelebile. 

Nelson passa poi a testare la resistenza alla polvere, contro cui in teoria il telefono non offre ufficiale protezione, avendo una certificazione di grado X, ma nondimeno anche ricoprendolo di terriccio e sabbia la nuova cerniera non mostra cedimenti o rumori strani.

Ma veniamo al temutissimo bend test: come si comporta il nuovo Galaxy Z Fold 5? Benissimo. Applicando la pressione da qualunque lato, ma soprattutto da aperto nel senso opposto a quello di chiusura, il nuovo smartphone di Samsung non fa una piega e rimane tutto d'un pezzo, proprio come i suoi predecessori. 

Anzi, Zack conclude che potreste benissimo prendere un Galaxy Z Fold 3, tanto è sostanzialmente lo stesso telefono.

Quante volte può essere chiuso Galaxy Z Flip 5?

E il Galaxy Z Flip 5? Il nuovo "piccolino" di Samsung è passato attraverso un test di resistenza diverso. Lo YouTuber Mrkeybrd ha infatti voluto scoprire quante volte potesse essere chiuso e riaperto prima di cedere. 

Samsung garantisce più di 200.000 cicli, ma lo YouTuber ha voluto testarlo sul campo, mettendolo a confronto con il rivale Razr 40 Ultra (Razr Plus negli Stati Uniti).

L'esperimento, avvenuto in un livestream su YouTube, non è avvenuto usando i sistemi robotici che utilizzano le aziende, ma manualmente (complimenti per l'impegno), quindi con forza e angolazioni non costanti.

In totale, Galaxy Z Flip 5 ha resistito 401.146 chiusure e aperture, e anche se dopo circa 223.000 ha mostrato un guasto alla cerniera e ha iniziato ad aprirsi senza dover applicare una pressione, fino a 400.000 era ampiamente utilizzabile. Poi Mrkeybrd lo ha immerso nell'acqua, per poi coprirlo di farina e uova. La cerniera è diventata sempre più inutilizzabile, fino a quando è apparsa una linea rosa lungo il lato destro dello schermo e lo YouTuber ha dichiarato la fine dell'esperimento.

Fonte: Mrkeybrd

Altri test a cui è stato sottoposto hanno previsto il riscaldamento mentre veniva aperto e chiuso, l'apertura e la piegatura sott'acqua e l'inserimento in un sacchetto pieno di polvere. Non male: 400.000 chiusure significa che il telefono dovrebbe sopravvivere oltre 10 anni di utilizzo se lo si dispiega e lo si piega circa 100 volte al giorno.

Il risultato non è del tutto sorprendente, visto che Galaxy Z Flip 3 aveva resistito 418.500 chiusure e aperture, ma in quel caso la cerniera aveva iniziato a cedere molto prima.

E il nuovo Razr di Motorola? Non è stato altrettanto brillante e ha resistito per 126.266 chiusure e aperture, il che si traduce teoricamente in poco meno di 3,5 anni di utilizzo se si apre e si chiude il telefono 100 volte al giorno.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Samsung Galaxy Z Flip 5

Samsung Galaxy Z Flip 5

  • Display 6,7" FHD+ / 1080 x 2640 PX
  • Fotocamera 12 MPX ƒ/1.8
  • Frontale 10 MPX ƒ/2.4
  • CPU octa 3.2 GHz
  • RAM 8 GB
  • Memoria Interna 256 / 512 GB
  • Batteria 3700 mAh
  • Android 13
Samsung Galaxy Z Fold 5

Samsung Galaxy Z Fold 5

  • Display 7,6" 1812 x 2176 PX
  • Fotocamera 50 MPX ƒ/1.8
  • Frontale 10 MPX ƒ/2.2
  • CPU octa 3.36 GHz
  • RAM 12 GB
  • Memoria Interna 256 / 512 GB
  • Batteria 4400 mAh
  • Android 13
Mostra i commenti