TIM è ancora primo operatore mobile in Italia

TIM è ancora primo operatore mobile in Italia
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

L'AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) ha pubblicato il suo Osservatorio sulle Comunicazioni relativo al primo trimestre del 2022, fotografando la situazione della telefonia mobile in Italia e in generale confermando l'ottimo stato di salute di Iliad e operatori virtuali.

A fine marzo 2022, il Garante rileva, con 106,5 milioni di SIM, un incremento sia anno su anno (+2,1 milioni) che su base trimestrale (+374mila), e pur continuando a perdere quote di mercato come tutti gli operatori principali, TIM resta il primo operatore mobile.

Trova Offerta Telefonica

Telefonia mobile in Italia e quote di mercato

Per comprendere questa analisi, bisogna considerare che l'Osservatorio distingue due tipologie di linee mobili attive:

  • le SIM Machine to Machine (M2M), cioè quelle che consentono lo scambio di dati, informazioni e comandi tra dispositivi, da macchina a macchina
  • le SIM Human, cioè quelle "solo voce", "voce+dati" e "solo dati" che prevedono interazione umana

A Marzo 2022 le SIM M2M erano 28,5 milioni (+1,7 milioni su base annua e +377mila su base trimestrale), mentre le SIM Human erano 78 milioni (+409mila su base annua e stabili su base trimestrale).

Come si può vedere, quindi, sono le SIM M2M a trainare la crescita, mentre le SIM tradizionali rimangono sostanzialmente stabili. Andando a vedere la situazione delle quote di mercato dei vari operatori (su base annua), possiamo vedere come

  • per quanto riguarda le SIM totali, TIM è al comando (28,5%) davanti a Vodafone e WindTre, ma Iliad (8,3%, +1,1%) e gli operatori MVNO (PosteMobile su tutti, 4,3%) continuano a erodere punti percentuali sui maggiori operatori, tutti in perdita tra 0,4 e 1% (WindTre).
  • per le SIM Human, il leader rimane WindTre (26,2%), seguito da TIM e Vodafone, tutti in perdita intorno all'1%, mentre Iliad (11,6%, + 1,6%) e gli altri operatori virtuali crescono inesorabilmente (PosteMobile, primo tra gli MVNO è però stabile). 

I dati sopra esposti sono ancora più impressionanti se si considera che i dati dei maggiori operatori sono comprensivi dei loro rispettivi operatori virtuali (Kena per TIM, ho.mobile per Vodafone e Very Mobile per WindTre).

La situazione delle SIM Human consumer o business

L'AGCOM rileva come la crescita su base annua di Iliad e altri MVNO delle SIM Human a scapito dei maggiori operatori sia diversa a seconda del tipo di utenza, consumer (privati o residenziale) o business.

Per quanto riguarda gli utenti privati, che rappresentano l'86,8% delle SIM Human in Italia, si è vista una crescita su base annua di appena 30mila unità. Le quote di mercato sono sostanzialmente stabili:

  • WindTre resta il primo operatore (26,8%, -1,3%), seguito da TIM e Vodafone, tutti in calo intorno all'1%
  • Iliad (13%) cresce inesorabilmente (+1,9%), così come quasi tutti gli MVNO (a parte il primo, PosteMobile, che resta costante)

La situazione è differente per l'utenza business, che a scapito di una percentuale di SIM Human intorno al 13,2%, ha visto un incremento anno su anno impressionante, con +379mila unità. L'andamento delle quote di mercato qui presenta un diverso andamento rispetto a quanto visto per l'utenza consumer (Iliad e molti operatori virtuali non hanno questa opzione):

  • TIM (38,4%, stabile) resta al comando davanti a Vodafone (in lieve calo) e WindTre (22,3%), che però fa registrare il maggiore incremento (+0,7%)
  • PosteMobile è il primo degli operatori "minori" con 2,6%, leggermente in calo e seguito dagli altri

SIM Human: le quote degli operatori tra prepagate e abbonamento

Infine andiamo a vedere le quote di mercato dei vari operatori tra SIM Human prepagate e in abbonamento. Le prime sono la maggioranza, con l'88,8%, anche se registrano un minore incremento relativo su base annua con 756mila unità (rispetto alle 347mila unità in più delle SIM in abbonamento che ammontano appena all'11,2% delle SIM Human totali).

Andando a vedere la situazione degli operatori per le SIM Human prepagate:

  • WindTre (26,9%) è al comando davanti a TIM e Vodafone, seguiti da Iliad (12,7%) e gli altri MVNO (Postemobile il primo con 6,5%)
  • Tutti gli operatori maggiori operatori sono in calo con percentuali intorno all'1% (il peggiore è TIM con -1,5%), mentre Iliad e gli operatori mobili guadagnano terreno con percentuali tra l'1,7% e 1,4% 

Le SIM Human in abbonamento invece mostrano una situazione diversa (Iliad e molti operatori virtuali non hanno queste opzioni):

  • TIM è al comando con il 45,9% e continua a crescere (+3,9%), seguita da Vodafone (30,6%), in calo, e WindTre (-3,9%)
  • gli MVNO si assestano sul 2,9%, in leggero aumento

Mostra i commenti