È il momento di VisionOS 2, ma per ora niente Apple Vision Pro in Italia

Esperienze spaziali, nuovi gesti e tanto altro per il sistema operativo per visori della mela
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
È il momento di VisionOS 2, ma per ora niente Apple Vision Pro in Italia

Se l'anno scorso era stato il WWDC di Vision Pro, quest'anno l'attesa degli utenti per le novità riguardanti il visore della mela è stata forse in parte assorbita dalle funzioni legate all'intelligenza artificiale di Apple Intelligence e dalle sue applicazioni nei sistemi operativi. 

Nondimeno, visionOS è arrivato alla sua seconda generazione e porta una serie di quanto mai necessari aggiornamenti per migliorare l'esperienza degli utenti. Non solo, ma Apple ha anche annunciato l'arrivo di Vision Pro anche su altri mercati oltre a quello statunitense. Purtroppo, l'Italia è esclusa. 

Le novità di visionOS 2

visionOS 2 presenta una serie di novità. La più notevole è una nuova funzione di visualizzazione virtuale ultrawide che consente di collegare Vision Pro a un Mac per generare un doppio schermo ultrawide curvo di risoluzione 4K. In questo momento, la funzione di visualizzazione virtuale ne consente un singolo fino a 5K.

Verrà inoltre aggiunto il supporto del mouse al Vision Pro, che era stato lasciato fuori al lancio.

Apple Vision Pro mostrerà la Magic Keyboard fisica dell'utente, anche mentre si trova in un Ambiente o usa un'app in modo immersivo.

Un aggiornamento dovuto è la possibilità di riorganizzare le app sulla schermata iniziale, e questo include le app per iPad e iPhone. Non solo, ma ci saranno nuovi gesti per evocare la schermata iniziale, visualizzare il Centro di controllo e persino solo controllare la durata della batteria o l'ora (girando il polso, come quando si vuole guardare l'ora dell'orologio).

Una novità su cui Apple ha investito molto riguarda la possibilità di creare foto spaziali direttamente dalla libreria dell'app Foto, e sarà possibile condividerle con altre persone che hanno Apple Vision Pro, o usare SharePlay nell'app Foto con il proprio profilo spaziale (Persona). 

Come si vede nell'immagine sotto, questa funzione è piuttosto notevole, e consente anche di guardare le foto o modificare i documenti insieme nello spazio reale.

E se avete familiari o amici con cui volete condividere il visore, Apple dice che salverà i dati delle mani e degli occhi degli utenti ospiti per 30 giorni, il che dovrebbe rendere molto più semplice l'utilizzo da parte di altri utenti.

Apple ha anche menzionato un nuovo ambiente, Bora Bora.

Altre novità riguardano gli Apple Immersive Video, un formato di storytelling che sfrutta i video 3D a 8K con un angolo di campo di 180° e l'audio spaziale per trasportare l'utente al centro dell'azione, ma al momento non sono moltissimi. Apple ha dichiarato che ne stanno arrivando altri, come una nuova serie di Red Bull.

La casa di Cupertino ha anche detto anche che renderà possibile guardare i lettori video web come YouTube, Netflix e Amazon (che non hanno lanciato app native per il visore) indipendentemente dal browser Safari, mentre Apple TV ora supporta fino a cinque flussi simultanei in multiview, e la possibilità di trasmettere contenuti tramite AirPlay da un iPhone, iPad o Mac.

La società ha anche incluso un paio di altri annunci di terze parti, tra cui che Blackmagic Design sta lanciando "il primo sistema di telecamere disponibile in commercio" e un aggiornamento di DaVinci Resolve Studio per supportare gli Apple Immersive Video, mentre Canon sta rilasciando un nuovo obiettivo spaziale per la EOS R7, progettato specificamente per la creazione di contenuti per la Vision Pro

Vision Pro arriva in altri Paesi, ma non in Italia

L'altra notizia, che avevamo già anticipato negli scorsi mesi, è che Vision Pro arriverà all'estero. Dal 13 giugno alle ore 18:00 PT sarà possibile preordinarlo in Cina, Hong Kong, Giappone e Singapore il 13 giugno alle 18:00 PT, con disponibilità dal 28 giugno.

Dal 28 giugno alle 05:00 PT sarà possibile preordinarlo in Australia, Canada, Francia, Germania e Regno Unito, con disponibilità dal 12 luglio. Niente Italia, quindi. Ma almeno si avvicina. 

Tutte le recensioni su YouTube
Le nostre recensioni esclusive e le nostre classifiche
Seguici