Vodafone Casa prepara rimodulazioni da metà settembre

Vodafone Casa prepara rimodulazioni da metà settembre
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

Vodafone è tra gli operatori telefonici maggiormente attivi nel mercato italiano, con le sue offerte destinate al segmento mobile e a quello per la fibra presenti ormai da decenni.

Trova Fibra / ADSL

Nelle ultime ore sono emerse online delle spiacevoli notizie per i clienti Vodafone di rete fissa, soprattutto per alcuni tra coloro che hanno attivato l'offerta Vodafone Casa. L'operatore rosso ha appena iniziato ad annunciare delle rimodulazioni al contratto, le quali causeranno degli aumenti delle tariffe mensili.

Nello specifico si tratta di aumenti che consisteranno in un incremento pari a 1,99€ della tariffa mensile per le offerte coinvolte. Tali rimodulazioni entreranno in vigore a partire dal prossimo 15 settembre. Pertanto l'operatore rosso ha iniziato ad avvertire gli utenti coinvolti tramite una comunicazione personalizzata in fattura.

Al momento non si conosce la lista delle offerte coinvolte nella rimodulazione. Questo è il testo che dovreste aspettarvi in fattura se coinvolti nella rimodulazione:

A partire dal 15 settembre 2022, il costo di alcune offerte di rete fissa aumenterà di 1,99 euro al mese, consentendoci di continuare a investire sulla rete per offrire ai nostri clienti la massima qualità dei nostri servizi.

A partire dal 14 luglio 2022, i clienti interessati dalla modifica saranno informati con una specifica comunicazione personalizzata presente in fattura. Se i clienti non volessero accettare le modifiche contrattuali in questione, ai sensi dell'art. 98 septies decies, comma 5 del Decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259, della Delibera 519/15/CONS e delle Condizioni Generali di Contratto, potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore mantenendo il loro numero senza penali né costi di disattivazione fino al giorno indicato nella stessa comunicazione, cioè entro 70 giorni dalla data di emissione della fattura, specificando come causale del recesso "modifica delle condizioni contrattuali".

Ad ogni cliente, sarà inviata una comunicazione in fattura specificando la data entro cui poter recedere, sulla base del proprio ciclo di fatturazione, ma pur sempre garantendo un periodo minimo di recesso di 60 giorni.

Potranno esercitare il diritto di recesso, senza costi aggiuntivi diversi da quelli eventualmente legati al metodo scelto, su voda.it/disdettalineafissa, nei negozi Vodafone, inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), scrivendo via PEC a disdette@vodafone.pec.it, specificando la causale sopraindicata.

Le eventuali rate residue del costo di attivazione e/o del/i dispositivo/i associato/i a tale offerta verranno pagate con la stessa cadenza e con lo stesso metodo di pagamento precedentemente indicati, in alternativa, comunicandolo nella richiesta di recesso, potranno richiedere il pagamento in un'unica soluzione.

Pertanto, se doveste ricevere tale comunicazione in fattura allora dovreste prendere atto dell'aumento. Dal momento della comunicazione intercorrono 60 giorni per l'entrata in vigore della rimodulazione. Il conseguente aumento verrà applicato alla prima emissione di fattura utile dopo i 60 giorni dall'avvenuta comunicazione.

Come sempre sottolineiamo in questi casi, i clienti coinvolti nella rimodulazione potranno recedere dal contratto fino al giorno precedente all'entrata in vigore della rimodulazione. Per farlo sarà sufficiente accedere alla propria area personale Vodafone, da PC, oppure darne comunicazione all'operatore tramite PEC all'indirizzo disdette@vodafone.pec.it. Nel caso aveste bisogno di parlare con un operatore Vodafone, qui vi spieghiamo come fare.

Mostra i commenti