Winamp riceve il primo aggiornamento da anni: ritorno al futuro?

L'aspetto è sempre lo stesso, ma sotto il cofano tanti aggiustamenti
Winamp riceve il primo aggiornamento da anni: ritorno al futuro?
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Solo pochi mesi fa avevamo parlato di Winamp, lo storico lettore di file audio che negli anni Novanta era una delle scelte più comuni per ascoltare MP3, grazie alla sua compatibilità con i formati più comuni e alle skin personalizzabili.

Il motivo per cui il programma era balzato agli onori delle cronache non era però dovuto allo sviluppo, ma più a un'iniziativa "pop", cioè l'intenzione di entrare nel mondo degli NFT. Ora però sembra che le cose siano andando per il verso giusto, e gli sviluppatori hanno annunciato il primo aggiornamento in quattro anni.

Segui SmartWorld su News

Lettore audio o piattaforma di streaming?

Lo sviluppo di Winamp era stato abbandonato nel 2013, con la decisione dell'allora proprietario AOL di terminare i lavori. Questi erano poi ripartiti con il nuovo proprietario, Radionomy, e nel 2018 era trapelata una build, v5.8, che Radionomy, aveva poi deciso di rilasciare. 

Nel 2021 era poi apparso un nuovo sito, molto moderno, un nuovo logo e il team a capo del progetto aveva promesso un'esperienza "totalmente rimasterizzata", con podcast e funzionalità radiofoniche, nonché una connessione più stretta con gli artisti.

Ora però tutto sembra congelato nel tempo. Con un annuncio sul forum ufficiale, dall'aspetto molto più "concreto" (immagine sotto) e piuttosto stridente con il nuovo sito, gli sviluppatori hanno pubblicato l'ultima build del popolare programma (5.9 RC1 Build 9999). L'aspetto è rimasto sostanzialmente lo stesso, ma i partecipanti al progetto affermano che questo rilascio rappresenta il "culmine" di anni di duro lavoro. Nel post gli sviluppatori parlano di significativi cambiamenti, inclusa la migrazione a una piattaforma di sviluppo molto più recente.

Ora la domanda è cosa vuol fare da grande Winamp. Proseguirà sulla strada del lettore audio, o come da proclami dell'anno scorso si orienterà verso una piattaforma di streaming con ambizioni, viste le promesse di una stretta collaborazione con gli artisti, di competizione con Soundcloud? Solo il futuro potrà rispondere, per il momento è piuttosto curioso come l'aggiornamento sia stato annunciato solo sul forum, quasi "in sordina", mentre il sito ufficiale tace. 

Mostra i commenti