Windows 12 promette di essere la versione moderna che tutti vogliono da anni

Il progetto CorePC promette aggiornamenti più rapidi, maggiore sicurezza e... IA
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari
Windows 12 promette di essere la versione moderna che tutti vogliono da anni

Ricordate Windows Core OS, il sistema operativo che avrebbe dovuto traghettare Windows 10 verso un prodotto più modulare e moderno, leggero e facile da aggiornare, e che al contempo eliminasse le funzionalità del passato

Il progetto era risultato in Window 10X, un'idea poi accantonata, ma lo sviluppo non è mai stato interrotto, almeno stando a Zac Bowden di Windows Central (a proposito, qui trovate come personalizzare Windows 11). 

Secondo fonti interne a Microsoft, la società sta lavorando a un nuovo progetto, chiamato in codice CorePC, per modernizzare la piattaforma Windows utilizzando come base molte delle stesse innovazioni su cui stava lavorando per Windows Core OS, ma con un focus sulla compatibilità nativa per le applicazioni Win32 legacy sui dispositivi dove ha senso farlo.

Ma non solo. CorePC sarebbe pensato come una variante modulare e personalizzabile di Windows in grado di sfruttare i diversi fattori di forma (qualcuno ha parlato di pieghevoli o dispositivi con due schermi?).

Ecco perché l'accento su prodotti dove ha senso farlo: non tutti necessitano di supporto ad app Win32 legacy o di adattarsi a forme diverse, e qui entra in gioco la modularità, ovvero la possibilità con CorePC di configurare "edizioni" di Windows con diversi livelli di funzionalità e compatibilità delle app.

Windows CorePC. Fonte: Windows Central

Pensato per competere con i Chromebook...

Il cambiamento evidenziato da Bowden con CorePC rispetto a Windows 11 è la separazione dello stato, che consente aggiornamenti più rapidi e una piattaforma più sicura tramite partizioni di sola lettura inaccessibili all'utente e alle app di terze parti, proprio come su iPadOS o Android (e Core OS).

In pratica, mentre Windows 11 si installa in una singola partizione scrivibile, dove troviamo file di sistema, dati utente e programmi, CorePC suddivide il sistema operativo in più partizioni, il che consente anche una funzionalità di ripristino del sistema più rapida e affidabile, proprio come avviene nei Chromebook. 

Questi sono l'obiettivo di Microsoft, e una versione di Windows che esegue solo Edge, app Web, app Android (tramite Project Latte) e app Office, progettata per PC educativi di fascia bassa, è già in fase di test interno ed è circa il 60-75% più piccola di Windows 11 SE.

... e Apple, ma senza scordarsi l'IA, ormai il fulcro di Windows

Ma è solo l'inizio. La società sta lavorando a un livello di compatibilità con nome in codice Neon per le app legacy che richiedono anche un sistema operativo con stato condiviso per funzionare.

Ma non si dimentica Apple, che con i suoi chip proprietari ha rivoluzionato il mondo dei PC. Ecco perché è in programma anche una versione di CorePC progettata per ridurre il sovraccarico legacy, concentrarsi sulle capacità di intelligenza artificiale e ottimizzare verticalmente le esperienze hardware e software in modo simile a quello di Apple Silicon.

Come abbiamo ribadito più volte, l'intelligenza artificiale è ormai parte di Windows e rappresenta un obiettivo chiave per Windows nel 2024. Le soluzioni in via di sviluppo includono la possibilità per Windows di analizzare i contenuti visualizzati in modo da fornire istruzioni contestuali per avviare progetti o app automaticamente. Windows potrebbe anche essere in grado di identificare oggetti e testo all'interno delle immagini e consentire all'utente di ritagliare e incollare facilmente tali elementi altrove.

Bowden avverte come questi piani potrebbero sempre cambiare, ma Microsoft sta cercando di sviluppare CorePC per Windows 12 nel 2024, nome in codice Hudson Valley.

Il canale degli sconti tech +50k
Tutti i migliori sconti e coupon per la tecnologia
Seguici