Decisione di Xiaomi: niente aggiornamenti HyperOS sugli smartphone con bootloader sbloccato

Antonio Lepore
Antonio Lepore
Decisione di Xiaomi: niente aggiornamenti HyperOS sugli smartphone con bootloader sbloccato

Xiaomi recentemente ha lanciato la nuova serie di smartphone Xiaomi 14 in Cina. Tra le caratteristiche di questi dispositivi, spicca la presenza della nuova interfaccia HyperOS, che ha sostituito la storica MIUI. A riguardo, però, è emersa una notizia non proprio positiva, soprattutto per gli appassionati del modding.

In particolare, alcune indiscrezioni hanno ipotizzato che Xiaomi avrebbe impedito ai suoi utenti di sbloccare i bootloader dei dispositivi con HyperOS e MIUI per qualche tempo. Successivamente, questa restrizione è stata parzialmente rimossa per gli utenti MIUI, citando la manutenzione del server. Tuttavia, gli utenti HyperOS non potevano sbloccare il bootloader fino a oggi. Xiaomi ha infatti confermato ad Android Authority che lo sblocco del bootloader sarà disabilitato sugli smartphone che hanno la nuova interfaccia grafica.

La società ha aggiunto che si tratta di una decisione presa per garantire maggiore sicurezza ai dispositivi ed evitare, così, la perdita di dati. Insomma, l'obiettivo sarebbe quello di assicurare agli utenti un'esperienza più sicura e stabile.

Tuttavia, l'azienda ha poi aggiunto che occorrerà richiedere l'autorizzazione tramite il forum della sua comunità per sbloccare il booloader dello smartphone.

Inoltre, secondo quanto affermato dagli utenti, in Cina bisognerà raggiungere il "livello cinque" sui forum per procedere a questa operazione. Tra l'altro, le autorizzazioni avrebbero dei limiti temporali e numerici, con un massimo di tre dispositivi sbloccati all'anno. Inoltre, Xiaomi ha confermato che gli utenti MIUI con dispositivi sbloccati non riceveranno alcun aggiornamento di HyperOS. A riguardo, la società cinese ha aggiunto che l'utente riceverà gli update soltanto se bloccherà nuovamente il suo dispositivo.