WindTre aumenterà i prezzi con l'inflazione, ed il recesso non sarà gratuito

WindTre aumenterà i prezzi con l'inflazione, ed il recesso non sarà gratuito
Vito Laminafra
Vito Laminafra

La crescente inflazione ha costretto diverse aziende ad aumentare il prezzo dei propri prodotti: il caso più eclatante è stato sicuramente quello di Sony e della sua PS5, visto che la società ha dovuto alzare il costo della sua console di € 50 sia nella variante con disco che Digital.

Offerte Amazon

Ovviamente, anche gli operatori di telefonia stanno correndo ai ripari: qualche giorno fa, TIM ha introdotto una nuova clausola, che vale solo per i nuovi contratti di clienti consumer ed Enterprise, che permette all'azienda di aumentare il prezzo dell'offerta in base all'inflazione, e WindTre non è da meno.

L'operatore arancione ha infatti aggiunto una nuova clausola nei nuovi contratti stipulati a partire da oggi, 21 novembre 2022, che permetterà a WindTre di aumentare i prezzi delle offerte in caso di aumento dei prezzi al consumo di ISTAT, senza offrire però il diritto di recesso del contratto. In ogni caso, gli aumenti saranno attivi a partire gennaio 2024.

Di fatto, specifichiamo che il diritto di recesso non sarà garantito poiché questi aumenti non vanno a modificare unilateralmente il contratto stipulato dal cliente con l'operatore, come invece accade con le classiche rimodulazioni del contratto di cui spesso vi abbiamo parlato.

Secondo quanto dichiarato dall'operatore nelle note riportate di seguito, WindTre potrà aumentare il prezzo mensile dell'offerta con un importo che varierà con una percentuale pari alla variazione dell'indice ISTAT, o comunque di almeno il 5%, e l'adeguamento sarà applicato entro il primo trimestre dell'anno. I prezzi saranno soggetti esclusivamente ad aumenti (e non diminuzioni, anche nel caso in cui l'inflazione decresca).

Questa particolare clausola interessa tutti i contratti, sia di utenti privati che Business, e sia per le offerte di rete fissa che mobile. WindTre ha già aggiornato le Condizioni Generali di Contratto: di seguito le comunicazioni ufficiali.

CLAUSOLA ISTAT. Da gennaio 2024, in caso di variazione annua positiva dell'indice nazionale dei prezzi al consumo FOI rilevata da ISTAT nel mese di ottobre dell'anno precedente, WINDTRE ha titolo di aumentare entro il primo trimestre dell'anno il prezzo mensile del Servizio di un importo percentuale pari alla variazione di tale indice o comunque pari almeno al 5%, senza che ciò comporti diritto di recesso senza costi dal Contratto come meglio descritto nelle Condizioni Generali di Contratto.

da WindTre per quanto riguarda le offerte mobile

Adeguamenti: Da gennaio 2024, in caso di variazione annua positiva dell'indice nazionale dei prezzi al consumo FOI rilevata da ISTAT nel mese di ottobre dell'anno precedente, WINDTRE ha titolo di aumentare entro il primo trimestre dell'anno il prezzo mensile del Servizio di un importo percentuale pari alla variazione di tale indice o comunque pari almeno al 5%. L'adeguamento non costituisce una modifica contrattuale ai sensi dell'art. 13 delle Condizioni Generali di Contratto e, pertanto, non conferisce al Cliente diritto di recesso senza costi dal Contratto. Per ulteriori dettagli verifica le Condizioni Generali di Contratto.

da WindTre per quanto riguarda le offerte di rete fissa
Mostra i commenti