Pop

Avete perso l'occasione di giocare ad un FPS nella vita vera! (video)

Avete perso l'occasione di giocare ad un FPS nella vita vera! (video)
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Ve lo sarete chiesti quasi sicuramente decine di volte: come vi comportereste se si verificasse un'apocalisse zombie? Magari qualcuno di voi ha già localizzato vicino a casa eventuali negozi di armi e di alimenti, magari vi immaginate di barricarvi in casa e di difendervi con vari strumenti casalinghi e non.

Sta di fatto che uno studio britannico, Realm Pictures, non solo se lo è immaginato, ma ha cercato di offrire la possibilità ad un gruppo di persone casuali di vivere proprio un'apocalisse zombie in prima persona (o quasi).

LEGGI ANCHE: Sfida tra mech: al via la campagna Kickstarter per il MegaBot statunitense!

Lo studio ha equipaggiato un attore con una telecamera posta più o meno all'altezza della testa collegata in rete, ha apportato un'ambientazione d'effetto comprensiva di cimitero, lapidi e zombie e poi, grazie a servizi webcam-to-webcam quali Chatroulette e Omegle, ha permesso a utenti casuali di controllare i movimenti dell'attore impartendo comandi vocali. Per avviare il gioco gli utenti dovevano semplicemente digitare il termine "start" in chat. Il video, che trovate di seguito, è davvero divertente e mostra quali possano essere le reazioni, più o meno intelligenti, di una persona in una eventuale situazione di panico.

Un vero e proprio sparatutto in prima persona (FPS - First Person Shooter) dal vivo insomma, comprensivo persino dei così detti Quick Time Event che richiedevano di premere velocemente, e al momento giusto, il tasto Q per scacciare uno zombie saltato fuori da un cespuglio.

Il video che avete appena visto è inoltre accompagnato da un making of in stile documentario che ci mostra come i vari attori, tecnici ed ingegneri del suono siano riusciti a mettere insieme il tutto. Solo pochi utenti poi sono riusciti ad arrivare alla fine del gioco e ad impugnare l'arma definitiva contro una specie di mostro finale evidentemente tratto dal filone di Warhammer 40,000 di Games Workshop.

Fonte: The Verge

Commenta