Ecco il primo trailer di Ghostbusters Legacy (Afterlife): è praticamente Stranger Things… con i fantasmi (video)

Lorenzo Delli - Sarà un bene o un male?

Come promesso da Sony, esce oggi il primissimo trailer di Ghostbusters Afterlife, conosciuto in Italia con il titolo Ghostbusters Legacy. Si tratta del vero seguito della coppia di film di Ivan Reitman che all’epoca segnarono letteralmente una generazione. Già sapevamo alcune informazioni chiave su questa nuova pellicola, diretta tra l’altro da Jason Reitman, figlio del regista dei primi due film.

Ghostbusters Legacy è ambientato circa 30 anni dopo gli eventi di Ghostbusters. Ci troviamo in una cittadina rurale e i protagonisti sembrerebbero essere… dei bambini! Ma il paragone con Stranger Things non finisce qui: tra i bambini c’è Finn Wolfhard, uno dei protagonisti della celebre serie TV Netflix!

Phoebe, interpretata invece da Mckenna Grace e sorella del personaggio interpretato da Wolfhard, è palesemente la nipote di Egon Spengler. In una scena proprio Phoebe ritrova quella che sembra essere la celebre “collezione di spore, muffe e funghi” di Egon. Nel cast c’è anche Paul Rudd (Ant-Man) nei panni di uno dei professori dei ragazzi. Insomma: cambia il contesto (non più New York), non c’è più una vera e propria squadra di Ghosbusters e, almeno nel trailer, non si vedono i vecchi attori che comunque in un modo o nell’altro dovrebbero riapparire nella pellicola. Vi lasciamo con il trailer così potete giudicare voi stessi. Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti. Ah, arriverà nei cinema durante l’estate 2020.

Ghostbusters Afterlife Trailer ENG

Ghostbusters Legacy Trailer ITA

  • Karon MKN

    Sono affascinato e allo stesso tempo titubante.
    Ispirante il lato alla Strangers Things dove la cittadina, più che attaccata da spiritelli burloni, sembra attacata da presenze potenti da scatenare un putiferio alla Gozer del primo. Certo, Ghostbuster aveva anche una vena comica in sé che qui sembra assente, ma se l’hanno diminuita rispetto a come hanno fatto con il rebbot al femminile mi va più che bene, cavolo! Mi piace tanto l’atmosfera che ci accompagna nel trailer. Perplesso il far passere gli zaini protonici a dei bambini. Certo, non critico che i Ghostbusters devono essere solo gli originali, il far formare la squadra a un discendente del Dott. Egon è così elettrizzante che la tradizione continua, ma non potevano farli più grandi questi nuovi Acchiappafantasmi?!!

    • Domenico Rongone

      Sono d’accordo con te in tutto, per spiegare invece l’età dei discendenti basti pensare che dovendosi rifare dal flop dell’ultimo squallore, probabilmente hanno pensato di coinvolgere oltre al pubblico nostalgico del mito originale, anche un pubblico più giovane, per l’appunto ragazzi tra i 10 e i 16 anni.
      Speriamo che questa scelta non vada a rovinare quello che si potrebbe prospettare un ottimo film.

  • Marko4646

    questo è il momento del copia e incolla dei telefilm. Questo ghostbuster che sembra la copia di stranger things, c’è anche lo stesso attore, mi pare, V-War che è la copia di the passage,tante similitudini.non ho niente contro i telefilm con ragazzi, ma mentre stranger things è nato con protagonisti giovani, ghostbusters è ispirato a una serie di film con protagonisti adulti, perché cambiarlo così?