Pop

LEGO Fuga del Tirannosauro, la foto Recensione

Quanto mi secca avere sempre ragione...
LEGO Fuga del Tirannosauro, la foto Recensione
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Il 17 aprile scorso è uscito il nuovo set LEGO Fuga del Tirannosauro #76956 appartenente alla linea Jurassic World. Si ispira ovviamente all'omonima scena di Jurassic Park, ma la linea di prodotti LEGO prende il nome dalla saga più recente. In concomitanza con questo set infatti ne sono usciti tanti altri dedicati al terzo film della nuova trilogia, Jurassic World: Il Dominio, in arrivo al cinema il 2 giugno prossimo.

Il giorno stesso della sua uscita, il set è andato letteralmente a ruba, obbligando LEGO ad aprire le prenotazioni con spedizioni previste addirittura per questa estate. Per fortuna la situazione si è sbloccata rapidamente e anche chi lo ha ordinato dopo la prima ondata lo ha ricevuto in questi giorni. Ma passiamo al modello vero e proprio. Si tratta, per chi non lo avesse intuito dalle sole immagini, di un vero e proprio diorama. Non possiamo quindi parlare di set interattivo nel senso stretto del termine: si presta quindi molto poco come "giocattolo" e molto di più come set da esposizione. A suggerire la natura del set c'è anche un bel 18+ sulla confezione per quanto riguarda l'età suggerita. Se quindi il T-Rex, una volta assemblato, risulta personalizzabile nella posa, altri elementi sono molto più statici. Il fuoristrada "intero" ad esempio non ha nemmeno gli sportelli apribili.

Il diorama è composto da 1.212 pezzi e misura poco più di 50 centimetri di larghezza. Sulla pagina ufficiale del set si parla di 58 centimetri, ma in realtà lo abbiamo collocato in una nicchia larga 54. La coda del Tirannosauro è pieghevole, in modo da assumere la posa che si preferisce (e risparmiare qualche centimetro). Oltre al T-Rex, il set comprende 4 minifigure (Alan Grant, Ian Malcolm, Tim Murphy e Lex Murphy), una Ford Explorer "intera", una ribaltata e semi distrutta e la base da esposizione in cui collocare gli elementi.

Davvero molto carine le minifigure, con dettagli particolarmente azzeccati su ciascun personaggio. Ian e Alan ad esempio sono bagnati, visto che corrono sotto la pioggia con i flare in mano per cercare di distrarre il Tirannosauro. Alan può essere tenuto con il suo classico cappello o con i capelli. I due bambini, Tim e Lex, sono invece sporchi di sangue, visto che nella scena riprodotta sarebbero posti sotto la Ford Explorer ribaltata. Da notare che Lex ha la mano destra sporca di fango mentre Tim quella sinistra, un piccolo dettaglio che riflette la loro posizione all'interno della vettura.

Molto, molto carina anche l'iconica Ford Explorer verde. Come accennato non ha sportelli apribili, ma compensa con la possibilità di rimuovere facilmente il tetto per godere dei dettagli. E ce ne sono davvero tanti: si notano lo schermo touch interattivo che usano i bambini prima di arrivare alla gabbia del T-Rex, gli iconici bicchieri d'acqua che anticipano l'ingresso del dinosauro, la torcia che usa Lex per far infuriare ulteriormente il Tirannosauro e il visore notturno che indossa Tim. Peccato per l'assenza della minifigure di Gennaro, che a questo punto della scena era già scappato verso i bagni.

Non è solo la Ford Explorer a nascondere tanti dettagli che i fan del film ameranno. All'estrema destra della base troviamo il cartello che annuncia l'arrivo delle vetture al recinto del T-Rex. Sul retro del recinto si notano, oltre alla fitta vegetazione, anche la catena dove era legata la capra (non inclusa, per non risvegliare traumi infantili). Troviamo poi i cartelli di alta tensione e le luci che segnalano la presenza della corrente, le impronte del T-Rex, il tracciato su cui scorrono i due fuoristrada elettrici, uno pneumatico mancante alla jeep ribaltata (viene letteralmente masticato dal dinosauro nella scena) e tante altre piccolezze che rendono il diorama bello sia nell'insieme che nel dettaglio. Sulla parte frontale c'è la classica targhetta da esposizione con i loghi LEGO, Jurassic Park e con una citazione di Ian Malcolm, "Boy, do I hate being right all the time", che in italiano è "Quanto mi secca avere sempre ragione". 

L'elemento su cui avevamo dubbi maggiori era probabilmente quello più vistoso di tutto il diorama: il Tirannosauro. Le foto ufficiali presenti anche sullo store non ci avevano convinto appieno. Dal vivo l'effetto è fortunatamente diverso. Nonostante le fattezze meno realistiche e più spigolose del resto del set, il dinosauro posto in posizione d'attacco con la zampa sulla Ford Explorer ribaltata fa la sua sporca figura. Le 4 zampe, la coda, la testa e la mascella possono essere mosse per adattarle alla posa che preferite.

In definitiva LEGO Fuga del Tirannosauro è un bellissimo set da esposizione, venduto tra l'altro ad un prezzo non troppo esoso per quelli che sono gli standard LEGO. Unica altra nota da segnalare: ci sono tanti sticker, sia per le due fuoristrada che per altri elementi del set (come gli occhi del T-Rex e i cartelli della recinzione).

Mostra i commenti