LEGO VIDIYO: la nuova esperienza di gioco che fa diventare i bambini dei video maker (video e foto)

Federica Papagni -

L’esperienza di gioco offerta da LEGO conquista una nuova frontiera grazie all’ultima partnership siglata con Universal Music Group che ha generato come risultato LEGO VIDIYO, il modo perfetto per giocare e allo stesso tempo far esplodere la creatività dei più giovani facendogli produrre e montare dei video musicali sul ritmo dei brani internazionali più famosi degli artisti di UMG.

Questa novità è pensata per i bambini dai 7 ai 10 anni e richiede da parte dei genitori il consenso, a cui si aggiunge il controllo dei contenuti caricati sul feed dell’app, così da garantire il massimo della sicurezza. Oltre che contenere un’incredibile miscela di elementi LEGO, minifigure, musica, realtà aumentata e una nuova App, LEGO VIDIYO è completato da moltissime combinazioni di opzioni di montaggio video attraverso il nuovo effetto speciale ‘BeatBits’.

LEGGI ANCHE: Alexa diventa più intelligente e capisce da sola quando spegnere le luci

Usando la nuova tecnologia di realtà aumentata, i bambini potranno giocare con minifigure in nuove scale, reali e ingigantite, in aggiunta all’iconica scala LEGO. Inoltre attraverso l’app potranno anche personalizzare lo stile di tutti i membri della propria band, deciderne il nome, disegnare la cover degli album e fare anche molto altro.

Il primo set sarà disponibile a partire dall’1 marzo e per non far finire mai la musica e il divertimento, l’app sarà costantemente aggiornata con nuove musiche e nuovi contenuti

Video

Immagini

La nostra prova

Abbiamo avuto modo di provare alcuni set di LEGO VIDIYO. L’applicazione è disponibile gratuitamente su smartphone e permette di animare i propri personaggi andando a mixare il brano scelto e l’animazione del personaggio, con suoni, grafiche e modifiche alla musica in base ai BeatBits che abbiamo scelto di utilizzare. Il filmato viene registrato in modo da poter essere rivisto e condiviso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Emanuele Cisotti (@_ciso)

Aggiornamento26/03/2021

Abbiamo aggiornato l’articolo con alcune foto e video della nostra prova.