World of Darkness: in mano agli sceneggiatori di Tenebre e Ossa e The Witcher lo sviluppo di serie TV e film

Federica Papagni

Con lo sviluppo di Vampire: The Masquerade – Bloodlines 2 ancora in alte acque, tant’è che la sua uscita è stata posticipata al 2022, Paradox Interactive ha iniziato a collaborare con gli sceneggiatori e produttori Eric Heisserer di Tenebre e Ossa e Christine Boylan insieme alla casa di produzione Hivemind di The Witcher per la realizzazione di nuovi  contenuti ispirati all’universo horror di World of Darkness.

I primi passi del franchise sono stati compiuti nel settore dei giochi da tavolo, quando nel 1991 comparve Vampire: The Masquerade gettando i giocatori nell’oscuro ventre soprannaturale dei clan di vampiri in guerra, combattendo nell’ombra dell’America contemporanea. Il panorama si è poi sempre di più allargato finendo per includere titoli del mondo videoludico, come Werewolf: The Apocalypse, Mage: The Ascension, Wraith: The Oblivion, ma anche progetti di altro tipo.

LEGGI ANCHE: Mafia Trilogy in offerta su Amazon

Infatti, secondo quanto dichiarato da Variety, i due sceneggiatori starebbero lavorando a un qualcosa che avrà a che fare con serie tv e film. Boylan ha dichiarato per l’occasione:

“L’universo di World of Darkness è inclusivo e diversificato. È sempre stato importante includere personaggi dello stesso sesso, protagonisti e antagonisti di ogni razza e rappresentazione di tutti i credi. Il pubblico femminile e la comunità LGBTQ si sentono i benvenuti in questo franchise, e siamo molto orgogliosi di poter dare vita a queste storie”.

A queste parole si aggiungono poi quelle di Heisserer:

“L’eredità di queste storie è stata in anticipo sui tempi, ha affrontato problemi e questione ignorate per anni da altri giochi. Questo ci sembra il passo successivo per il genere.”

Al momento non sono noti maggiori dettagli suoi piani destinati a questo lavoro, ma certamente saranno pian piano rivelati nel corso del tempo. Per cui rimanete sintonizzati per non perdervi le future novità.

Via: Gizmodo