Recensione Acer C200: un (piccolo) cinema in tasca (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione Acer C200

Durante la pausa estiva abbiamo provato Acer C200, un piccolo proiettore portatile. Si tratta di un dispositivo destinato appunto ad essere utilizzato fuori dalla comodità del salotto di casa, grazie alle dimensioni contenute ed alla batteria integrata.

LEGGI ANCHE: Migliori tablet Android

Confezione

Nella confezione troverete solo il proiettore, l’alimentatore, ed un cavo HDMI. Considerando che è questo l’unico input video presente, non ci sarebbe bisogno di altro. Essendo però compatibile con MHL, noi l’abbiamo usato con soddisfazione anche collegandoci lo smartphone, tramite USB-C -> HDMI.

Costruzione

L’assemblaggio di Acer C200 non è particolarmente degno di nota. Bene o male è tutta plastica, ma almeno non scalda eccessivamente, né sembra particolarmente “scricchiolante”. A parte HDMI ed USB-A troviamo solo una porta audio, per collegare uno speaker esterno, e la porta di alimentazione.

In basso, nella parte anteriore, c’è un piccolo piedino per rialzare il proiettore, ma è davvero un piccolo rialzo. Peccato che la lente non abbia invece un qualche tipo di copertura. Considerando che parliamo di un dispositivo portatile, una protezione sarebbe stata senz’altro gradita, meglio ancora se integrata.

Esperienza d'uso

L’uso di Acer C200 è davvero molto semplice. L’accensione è ultra rapida, questione davvero di una manciata di secondi. Idem dicasi per il collegamento, con l’immagine che viene proiettata quasi istantaneamente. I menu disponibili sono tutti in italiano, e permettono di regolare la forma dell’immagine, per evitare il classico effetto trapezio, oltre che di gestire volume, contrasto e luminosità.

Quest’ultima è regolabile su 10 livelli, ma in un ambiente completamente buio non è consigliato andare oltre 8, perché pur di alzare il valore gamma perderete troppa saturazione. Ci sono poi tre modalità video: eco, standard e luminoso. L’ultima altera però troppo i colori, che virano al verde, pur producendo in effetti un’immagine più brillante. Consigliamo quindi di rimanere sulla standard, e andare in eco giusto se pensate di avere problemi di autonomia.

A dispetto però della risoluzione nativa di 854 x 480 pixel, dobbiamo dire che la resa complessiva non è malvagia, anche proiettando un’immagine (ad occhio) di circa 70”. Non è però il proiettore da usare in casa, nel senso che un classico televisore, se non troppo attempato, rende senz’altro meglio. In viaggio ed in situazioni particolari (Acer azzarda addirittura sulla parete di una tenda) però può rivelarsi utile ed anche divertente.

L’audio che esce dal proiettore non è certo il suo punto di forza, ma le voci sono comunque ben distinguibili, e la presenza di un jack audio vi permette comunque un minimo di flessibilità in più. LA regolazione della messa a fuoco avviene tramite opportuna rotella, anche se alle volte ci vuole un po’ di pazienza per trovare il punto migliore, dato che è fin troppo sensibile.

Autonomia

L’autonomia nominale è “fino a 4 ore”, nella realtà vi fermerete più probabilmente anche un’ora prima. Solitamente, in modalità standard, con luminosità a metà, e con volume anch’esso intorno a 5-6 su 10, abbiamo superato le 3 ore. Variando un po’ luminosità, modalità di visualizzazione ed anche il volume, le cose possono cambiare un po’, ma in ogni caso non pensiamo scenderete sotto le 2 ore. Almeno un film intero sarete sicuri di poterlo vedere con singola carica. A seconda del caso anche due.

Il proiettore può inoltre fare da powerbank, grazie all’output a 5V via USB presente sul retro. Il cavo giusto dovrete metterlo voi, ma almeno in questo modo potrete usarlo per una ricarica di emergenza.

Acer C200 costa 269€ di listino. Non sono propriamente pochi e non è nemmeno che Amazon venga troppo in nostro soccorso. La fascia in cui va a collocarsi è quindi difficile, perché non appartiene al segmento super-economico, dove potete trovare modelli da meno di 100€ che promettono prestazioni anche superiori (troppo superiori in certi casi), ma non è nemmeno un prodotto premium. Se non vi fidaste però di brand meno noti (e se avete letto quanto riportato fin qui), con Acer C200 non avrete sorprese.

Foto

Giudizio Finale

Acer C200

Acer C200

Acer C200 è un piccolo proiettore portatile da usare in vacanza o comunque fuori dal salotto della prima casa. Leggero, pratico e semplice da usare, con un'autonomia che vi permetterà di vedere circa un paio di film (ma può essere anche alimentato) e con la possibilità di fare anche da powerbank in caso di emergenza. Non aspettatevi troppa qualità generale però, e se fosse costato di meno di certo non ci saremmo mai lamentati (ma del resto, come potrebbe essere altrimenti?).

di Nicola Ligas
Pro
  • Autonomia soddisfacente
  • Semplicità d'uso
  • MHL (ovvero smartphone)
Contro
  • Risoluzione bassa
  • Prezzo non basso
  • Lente esposta