Recensione Amazon Fire TV Stick 4K MAX: quasi perfetta!

È la più potente Fire TV Stick di sempre, nonché quella più facilmente raccomandabile. A meno che...
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Recensione Fire TV Stick 4K Max

Squadra che vince non si cambia: Fire TV Stick 4K Max è esteticamente identica al precedente modello, ed in buona parte lo è anche nella sostanza, ma laddove cambia, sono novità più che gradite. Ecco quindi quanto di nuovo ha davvero da offrire l'ultimo dongle TV di Amazon.

PRO

  • La più fluida e veloce Fire TV Stick
  • Wi-Fi 6
  • Dolby Atmos
  • Decodifica hardware AV1

CONTRO

  • Ancora micro USB
  • Interfaccia molto Prime-centrica
  • Non c'è molto spazio per il (cloud) gaming
  • Qualche problema nel mirroring da smartphone

Confezione

Niente di nuovo sotto questo fronte, a parte per la diversa colorazione della scatola. Al suo interno troviamo la Fire TV Stick 4K Max, una prolunga HDMI nel caso il dongle non avesse spazio sul retro del televisore, il cavo di alimentazione (sempre USB/micro USB) ed ovviamente l'alimentatore stesso. Non manca infine il bel telecomando con comandi vocali e controllo della TV, completato da un paio di batterie AAA Amazon Basics.

L'alimentatore potrebbe non essere necessario se il vostro televisore disponesse di una porta USB-A da 1A (con amperaggio inferiore la Fire TV Stick 4K Max potrebbe non funzionare correttamente).

In confezione c'è comunque davvero tutto ciò che occorre per essere subito operativi, e difficilmente Amazon poteva inserirci qualcosa di più, a questo prezzo.

Hardware

Fire TV Stick 4K Max aggiorna il processore, ed è probabilmente la singola cosa più importante. Si passa dal MediaTek MT8695 (quad-core a 1,7 GHz con GPU PowerVR GE8300) al successivo Mediatek MT8696 (quad core ad 1,8GHz con GPU PowerVR 8300 da 750 MHz). Questo significa semplicemente una interfaccia più fluida, assenza di occasionali scatti, ed una sensazione di maggiore affidabilità durante l'uso. 

Sale anche il quantitativo di RAM, da 1,5 a 2 GB, mentre rimane invariato lo spazio di storage interno, da 8 GB. Per fortuna Fire OS non è così avido di spazio come Android TV/ Google TV, e ci sono oltre 5 GB abbondanti a disposizione dell'utente.

Novità importanti anche sul fronte connettività. Il passaggio dal chip MediaTek MT7668 al MT7921LS porta con sé il Wi-Fi 6 (802.11a/b/g/n/ac/ax) ed il Bluetooth 5.0 LE. A parità di distanza dal router e di connessione, la Wi-Fi della Fire TV Stick 4K Max si rivela infatti più veloce del modello precedente, ma soprattutto più "future proof".

E sempre a proposito di supporti futuri, è importante sottolienare tutti i formati video supportati: Dolby Vision, HDR 10, HDR10+, HLG, H.265, H.264, VP9, AV1, tra i quali spicca appunto l'AV1, che adesso non sarà il più usato di tutti, ma che in prospettiva dona anni di vita in più alla Fire TV Stick 4K Max.

Riguardo l'audio, sulla carta non ci sono grandi differenze rispetto al passato: AAC-LC, AC3, eAC3 (Dolby Digital Plus), FLAC, MP3, PCM/Wave, Vorbis, Dolby Atmos (EC3_JOC). È da sottolineare però, che mentre nella Fire TV Stick 4K il Dolby Atmos era supportato solo su alcuni titoli di Prime Video, adesso lo è anche su Netflix e Disney+, a patto di avere ovviamente un impianto audio compatibile.

Sono insomma una serie di piccoli cambiamenti che però, sommati, fanno una bella differenza, e rendono la Fire TV Stick 4K Max decisamente più completa e longeva, rispetto al modello precedente.

L'unico vero retaggio col passato è la porta micro USB 2.0, che di per sé non sarebbe una tragedia perché viene usata al solo fine dell'alimentazione, ma con una USB-C avremmo avuto molta flessibilità in più. Intanto sarebbe stato più semplice collegare accessori esterni, inoltre avrebbe aumentato la velocità via ethernet (sempre tramite adattatori dedicati). Vero è che qui parliamo di un dongle, un dispositivo da mettere dietro la TV e dimenticarsi: chi voglia smanettare dovrebbe più orientarsi su un set-top-box. Ovviamente la vera ragione sta nei costi: in questo modo Amazon ha potuto riutilizzare lo stesso "stampo" della Fire TV Stick 4K, con conseguenti vantaggi economici in termini di produzione e, non da ultimo, nel prezzo finale.

Telecomando

Bello il telecomando di questa Fire TV Stick 4K Max, che ha davvero tutto ciò che occorre per controllare il dongle, e anche di più.

L'anello centrale è abbastanza rigido e cliccoso, e si lascia apprezzare moltissimo soprattutto se doveste inserire del testo a schermo tramite tastiera virtuale: è preciso, non perde un colpo, ed ha un feedback al tatto ben riconoscibile.

Ci sono tasti dedicati a Netflix, Prime Video, Disney+ ed Amazon Music per avviare rapidamente le omonime app. Se al posto di Amazon Music ci fosse stato YouTube sarebbe stato perfetto, ma era impossibile pretendere tanto.

Buono il microfono integrato per usare Alexa, che ha sempre svolto correttamente il suo lavoro, ed ottima anche la parte di controllo della TV. Dopo una rapida configurazione iniziale, siamo stati in grado di controllare il volume ed i canali della TV collegata, liberandoci così dalla necessità di un doppio telecomando.

In generale tutti i pulsanti hanno un buon feeling, sono riconoscibili al tocco anche senza guardare sempre il telecomando, e non ti lasciano il dubbio di essere stati premuti correttamente o meno. Sono tutti dettagli che nell'uso quotidiano si fanno apprezzare, soprattutto quando poi passi a telecomandi più "gommosi", dove poi ti ritrovi a schiacciare più volte lo stesso tasto perché non sai se il sistema sta solo elaborando la tua richiesta o non l'ha proprio mai ricevuta.

Esperienza d'uso

La fluidità della nuova Fire TV Stick 4K Max è la prima cosa che noterà un utente Fire TV. Rispetto agli altri dongle di Amazon infatti, qui è tutto più scorrevole, le app si aprono più velocemente, e potrete anche passare da un'app all'altra con meno caricamenti, perché è più probabile che siano rimaste in memoria. È una esperienza molto vicina a quella del ben più caro Fire TV Cube, nella maggior parte dei casi.

Con il passare del tempo anche l'interfaccia di Amazon è progredita, ed ora è organizzata meglio del passato, e più adatta anche ai neofiti. Il cambio rapido di utente, subito disponibile nella home, è una grande comodità se non foste i soli utenti della Fire TV Stick 4K Max, e la ricerca, in particolare quella tramite Alexa, funziona davvero molto bene, e propone risultati coerenti, e da vari servizi di streaming.

Rispetto ad Assistant su Google TV abbiamo trovato l'aiuto di Alexa più valido nella ricerca di contenuti, e non è una differenza da poco, perché usare la voce vi risparmia tanti clic sul telecomando e vi fa arrivare prima laddove volete: a guardare qualcosa che vi piaccia.

Le app sono subito disponibili, più in evidenza del passato ma al contempo non invasive perché hanno le icone più piccole: è una buona soluzione, che le rende subito a portata di mano, senza rubare spazio ai contenuti principali, ovvero quelli in streaming. Ed a proposito di app, dobbiamo dire che la quantità di quelle disponibili è davvero elevata, soprattutto in relazione allo streaming (inclusa l'app di Now, assente su Android TV / Google TV). Non mancano anche soluzioni per la riproduzione di contenuti locali, uno su tutti Plex, beneficeranno della maggiore affidabilità del Wi-Fi 6.

Ci sono però anche dei limiti nell'impostazione di Amazon, alcuni dei quali sembrano proprio fatti per restare.

  • La home presenta un numero sterminato di righe di contenuti consigliati, l'80% dei quali provengono da Prime. È logico dare priorità ai contenuti di casa, ma se non foste davvero incalliti utenti di Prime Video troverete tutti questi suggerimenti eccessivi ed anche poco utili, perché alla 20ma riga vi sarete già persi attraverso le mille proposte precedenti.
  • L'appstore non ha una funzione di ricerca, e qui non ci sono comandi vocali che tengano. Inspiegabile non esserci ancora arrivati.
  • Il lato ludico è davvero poca cosa. Ci sono gli stessi giochi vecchi di anni (Asphalt 8, Crossy Road, Beach Buggy Racing, ecc.) che troviamo anche su Android TV (perché di fatto nessuno sviluppa più per il grande schermo, e di questo la colpa non è certo di Amazon), con la differenza che lì abbiamo Stadia o GeForce Now che aprono le porte del gioco in streaming. È vero che potete sempre ricorrere al sideload o a chissà quanti altri metodi, ma stiamo parlando di supporto ufficiale, semplice, ed alla portata di tutti, non dell'ennesimo modding.
  • La prima riga di contenuti consigliati sono di fatto sponsorizzati, e con audio e video in autoplay. Lo stesso autoplay è presente di default anche per i contenuti non sponsorizzati, ma lo potete disattivare (sia audio che video) nelle impostazioni; ciò però non vale per i contenuti sponsorizzati, che ignorano tali opzioni.
  • Trovo che le impostazioni di Fire TV OS potrebbero essere organizzate meglio: ci sono troppe voci e non sempre del tutto corrispondenti a ciò che ti aspetteresti di trovare al loro interno. Vero è che, superata la fase iniziale, non dovrete probabilmente averci spesso a che fare.
  • La duplicazione schermo da smartphone mi ha dato diversi problemi. Non è sempre visibile su tutti gli smartphone su cui l'ho provata, e spesso si scollega dando un inesistente errore di rete. Non sarà la più importante delle funzioni, ma vista l'ovvia mancanza di Chromecast è anche il modo più semplice per inviare contenuti dal telefono alla TV (non tanto serie TV o giochi, quanto immagini e altro di statico)

Purtroppo alcune di queste cose Fire OS se le porta dietro da così tanto tempo che dubitiamo cambieranno mai. In ogni caso, se così fosse, toreremo a parlarne a tempo debito, ma ad oggi l'esperienza è questa, ed il fatto che Fire TV Stick 4K Max sia così ben fatta esaspera solo alcune di queste carenze. Del resto, quando hai per le mani un prodotto molto buono, vorresti solo una cosa: che fosse ottimo.

Prezzo

Fire TV Stick 4K Max costa di listino 64,99€. Sono appena 5 euro in più della variante non Max, e per una così esigua differenza dovete "fare lo sforzo" di prendere la Max, senza ombra di dubbio. Peccato che tale differenza non sia sempre così esigua, perché molto spesso la Fire TV Stick 4K viene scontata a 39,99€ (anche adesso!), ed in quel caso fareste bene a prendere lei: con i 25 euro risparmiati andate a cena fuori, ed intanto avrete un'esperienza che, nella maggior parte dei casi, ad oggi è assimilabile alla variante Max.

Attenzione però, perché arrivando a 64,99€ magari potreste valutare anche Chromecast con Google TV, che costa 69,99€ e vi offre un'interfaccia meno Prime-centrica, pieno supporto al gioco in streaming, ed una più pratica porta USB-C.

Purtroppo, o per fortuna, Amazon ha scelto di non rimpiazzare la Fire TV Stick 4K con la versione Max, e questo la rende consigliabile o meno solo in base alle offerte degli altri modelli. Dubitiamo inoltre che ci saranno a breve sconti importanti sulla Max, perché altrimenti tanto valeva togliere davvero la 4K dal mercato. A fine novembre però ci sarà il Black Friday, ed i prodotti Amazon sono sempre oggetto di importanti ribassi in quel periodo, quindi chissà...

P.S. se invece aveste un televisore solo in full HD, o se la maggior parte dei contenuti che guardate fossero a quella risoluzione, allora la scelta è facile: Fire TV Stick Lite e passa la paura. Minima spesa (anche di soli 19€, come in questo momento) e massima resa.

P.P.S. Va da sé che se aveste già la Fire TV Stick 4K non c'è ragione di correre a passare alla Max, a meno che non riusciate a rivendere a prezzo vicino al nuovo la vostra.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

Amazon Fire TV Stick 4K Max

Fire TV Stick 4K Max rappresenta l'ultimo sforzo evolutivo di un prodotto arrivato al culmine di ciò che può dare. Fluidità, velocità sia nell'apertura delle app che di rete, grazie anche al Wi-Fi 6, supporto Dolby Vision e Atmos, e decodifica hardware AV1.

Fire TV Stick 4K Max è un prodotto che può regalare soddisfazioni, particolarmente in ambito streaming, ancora per diversi anni a venire, e proprio per questo, al netto di offerte sugli altri modelli della serie, è quella che dovreste comprare se volete essere "a prova di futuro". L'unico suo limite è dato dal fatto di essere un'idea vecchia, rinnovata solo laddove era possibile. La prossima generazione, se vorrà davvero stupire, dovrà osare molto di più.

Sommario

Confezione 8.5

Hardware 8.5

Telecomando 9

Esperienza d'uso 8.5

Prezzo 8

Voto finale

Amazon Fire TV Stick 4K Max

Pro

  • La più fluida e veloce Fire TV Stick
  • Wi-Fi 6
  • Dolby Atmos
  • Decodifica hardware AV1

Contro

  • Ancora micro USB
  • Interfaccia molto Prime-centrica
  • Non c'è molto spazio per il (cloud) gaming
  • Qualche problema nel mirroring da smartphone

Nicola Ligas
Nicola Ligas Nicola scrive, e parla. Molto. Solitamente non nello stesso momento. Spesso parla di ciò che scrive, e scrive di ciò di cui parlerà. No, Nicola non è un bambino di 6 anni, anche se non gli dispiacerebbe tornare a quell'età.

Commenta