Apple TV 4K 2022 recensione: un'esperienza che tutti dovrebbero provare

Apple TV 4K 2022 recensione: un'esperienza che tutti dovrebbero provare
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Apple rinnova il suo box-TV, invariato nell'aspetto ormai da anni, ma in parte nuovo nella sostanza e, in controtendenza con il periodo di rincari, con un prezzo più basso. Che qualcosa stia cambiando?

PRO

  • Interfaccia e riproduzione burrosissime
  • App, app e ancora altre app
  • Telecomando con USB-C
  • È più economica di prima

CONTRO

  • Interfaccia (e design generale) svecchiabile
  • I canali dal vivo lasciano a desiderare
  • Deve ancora trovare la quadra del gaming
  • No ethernet nel modello base

Unboxing

apple tv 4k 3a gen 2022 unboxing

Nessuna novità nella confezione di Apple TV 4K 2022: dispositivo, cavo di alimentazione e telecomando (finalmente con USB-C!). Niente cavo HDMI, come da tradizione, ma del resto nemmeno Amazon e NVIDIA lo includono. Mal comune mezzo gaudio? E per chi?

Caratteristiche

apple tv 4k 3a gen 2022 caratteristiche

La nuova generazione di Apple TV 4K è la più potente di sempre, letteralmente. Al tuo interno troviamo infatti il chip A15 Bionic, lo stesso della serie iPhone 13, ed i benefici in termini di velocità si vedono eccome. Tutto è (ancora più) scorrevole e privo di ritardi: dalle animazioni, ai tempi di avvio delle app, alla risposta del sistema: l'integrazione tra hardware, software e servizi Apple è sempre impeccabile.

Apple TV 4K ha poi, ancora una volta, il più grande quantitativo di spazio di archiviazione della categoria. Il modello base è infatti equipaggiato con 64 GB, ma c'è anche una variante con 128 GB di storage. Per il nostro tipo di utilizzo, 64 GB sono già abbondantemente sufficienti, e possono riempirsi solo con un utilizzo ludico molto ampio (ne parliamo in seguito), che probabilmente in pochi faranno.

C'è da dire però che la versione da 128 GB di Apple TV 4K è anche dotata di porta Gigabit ethernet, che purtroppo è assente nel modello base. Tendenzialmente non ce ne sarebbe bisogno, perché la connettività Wi-Fi della Apple TV 4K 2022 è ottima, ma questo dipende anche da com'è organizzata la rete di casa vostra. Rimane un peccato che una semplice porta come la RJ 45 sia appannaggio solo del modello più caro.

Giusto per completezza, specifichiamo che si tratta di Wi-Fi 6 ax, ma abbiamo anche Bluetooth 5.0. La porta HDMI è una 2.1: supporta video fino in 4K@60 HDR, ed audio return channel (ARC o eARC).

Tra le novità più importanti a livello di supporto annoveriamo quello all'HDR10+, ovvero di fatto ai TV Samsung; ed essendo Samsung da anni il maggior produttore al mondo è una novità non di poco conto. Il supporto Dolby Vision era invece già presente sul precedente modello, così come quello per l'audio Dolby Atmos.

Apple si è mossa quindi un po' in controtendenza rispetto ad altri suoi concorrenti, ma di fatto adesso anche la Apple TV 4K può dire di supportare tutti gli standard HDR principali.

Apple ha inoltre promesso, entro fine anno, un aggiornamento software con il supporto al QMS_VRR, o Quick Media Switching, cioè la possibilità di passare istantaneamente da un contenuto all'altro con frame rate diversi, sulle TV supportate. Sempre entro fine 2022 arriverà anche la funzione Riconosci la mia voce per Siri, in modo da poter accedere al proprio profilo/contenuto ancora più facilmente.

Sempre a livello hardware, come già segnalato, il telecomando ora si ricarica tramite porta USB-C in luogo della precedente lightning, ma dal punto di vista estetico non ci sono novità, né per il Siri Remote, né per la Apple TV stessa (è giusto un po' più piccola e più leggera). La vera "svecchiata" arriverà con la prossima versione?

apple tv 4k 3a gen video audio

Formati video

  • SDR video con AVC/HEVC (Main/Main 10 profile) fino a 2160p, 60fps
  • Dolby Vision (Profile 5) fino a 2160p, 60fps
  • HDR10+/HDR10/HLG con HEVC (Main 10 Profile) fino a 2160p, 60fps
  • H.264 Baseline Profile level 3.0 o inferiore con audio AAC-LC fino a 160 Kbps per canale, 48kHz, stereo audio in .m4v, .mp4, e .mov
  • MPEG-4 video fino a 2.5 Mbps, 640 x 480 pixel, 30 fps, Simple profile con audio AAC-LC fino a 160 Kbps, 48kHz, stereo audio in .m4v, .mp4, e .mov

Formati audio

  • HE-AAC (V1), AAC (fino a 320 Kbps), AAC protetto (da iTunes Store), MP3 (fino a 320 Kbps), MP3 VBR, Apple Lossless, FLAC, AIFF, e WAV; AC-3 (Dolby Digital 5.1), E-AC-3 (Dolby Digital Plus 7.1 surround sound), e Dolby Atmos

Formati foto

  • HEIF, JPEG, GIF, TIFF

Telecomando

apple tv 4k 3a gen 2022 telecomando

Il Siri Remote si conferma ancora una volta uno dei migliori telecomandi per box TV del mercato, se non il migliore sotto diversi punti di vista.

Anzitutto è costruito benissimo. Di fatto è l'unico con scocca in metallo, con tasti ben cliccosi ma non eccessivamente duri, con una discreta autonomia, e soprattutto con il supporto touch.

Spostarsi con il dito lungo i bordi ed al centro dell'anello presente sul telecomando è infatti una forma di interazione perfetta con le app di tvOS. Unite la familiarità dei controlli touch alla perfezione delle animazioni, e avrete un'esperienza d'utilizzo che ricorda la scorrevolezza e la piacevolezza di un iPhone; e parte di questa esperienza è proprio merito del tocco stesso.

Nessuno dei concorrenti ha implementato qualcosa di simile sui propri telecomandi, e nel passaggio da una Apple TV ad una Shield o ad una Fire TV, l'assenza di quel "tocco magico" è qualcosa che manca.

Poi è ovvio che siamo di fronte ad un dispositivo pensato per fruire dei contenuti multimediali, e ciò che l'utente vuole è solo avviare velocemente il proprio film preferito e rilassarsi sul divano, ma in tutto ciò che si frappone tra voi e il contenuto che stavate cercando, non c'è miglior tramite del Siri Remote.

Tranne che per un paio di aspetti. Il primo riguarda l'assenza di qualsivoglia retroilluminazione. Il secondo riguarda l'assenza di una funzione "trova telecomando", perché le leggende su cosa si annida tra le pieghe del divano non hanno mai fine.

Come Funziona Apple TV 4K 3a generazione (2022)

apple tv 4k 3a gen 2022 home

Apple TV 4K, o meglio tvOS, mette ancora una volta le app al centro dell'esperienza, piuttosto che i contenuti. Del resto è sempre stato così anche su iPhone, che solo in tempi recenti ha iniziato ad organizzare meglio le app che siedono sulle homescreen, un'icona dopo l'altra. Qui però siamo sul grande schermo, e le cose sono un po' diverse.

Solo le app nella prima riga di Apple TV hanno il bonus di un carosello di contenuti in evidenza al di sopra di loro; le altre, che si trovano nelle righe inferiori, sono solo un bell'elenco colorato, ma nulla più. Esattamente come nei modelli precedenti.

Il senso è infatti un po' questo: la nuova Apple TV 4K non riscrive in alcun modo l'esperienza d'uso.

Come direbbero gli inglesi è un more of the same, nel bene e nel male. Magari approfondiremo le differenze tra i vari approcci (Apple, Amazon, Google) in un prossimo confronto tra i principali set-top box.

Ciò che è cambiato rispetto al passato, a parte il prezzo inaspettatamente diminuito, è che ora è tutto ancora più fluido e impeccabile, regalando agli utenti Apple TV 4K un'esperienza "burrosissima", alla quale nessun concorrente nemmeno si avvicina.

Da una parte è merito dell'A15 Bionic, dall'altra di un software cucito su misura, che trae beneficio dal Siri Remote touch per regalarvi quel senso di scorrevolezza proprio in punta di dito. Non solo le app si avviano istantaneamente, non solo non ci sono mai lag o rallentamenti, non solo il playback è fluido e di grande qualità, ma anche il seek, lo spostamento lungo la timeline che farete girando il pollice sul cerchio del Siri Remote, è sempre impeccabile.

apple tv 4k 3a gen 2022 fitness+

A proposito del telecomando, l'unica critica la farei proprio all'implementazione del pulsante Siri.

Se siete all'interno di un'app, che abbia una funzione di ricerca, dovete prima spostarvi su quest'ultima e poi premere il tasto per parlare, altrimenti partirà l'assistente vocale e non la ricerca in-app (con risultati completamente diversi): personalmente avrei gradito un collegamento più rapido alla ricerca, perché è un elemento fondamentale sul grande schermo. A parte quello, la comprensione dell'inglese è piuttosto basilare, se la lingua impostata è l'italiano, tanto che per fargli capire certe parole dovrete "italianizzarle" o difficilmente verranno riconosciute correttamente.

La riproduzione dei contenuti invece, con l'aggiunta del supporto HDR10+, è finalmente del tutto completa, e la qualità c'è tutta, tirando fuori il meglio dal pannello della vostra TV. Apple TV è infatti in grado di adattarsi ai contenuti, passando automaticamente da un formato all'altro, a seconda dell'intervallo dinamico e della frequenza dei fotogrammi. Per essere sicuri che tutto funzioni a dovere, c'è anche un test della connessione HDMI, che può impiegare fino a 2 minuti, ma almeno vi dirà se ci sono problemi di banda.

Anche sul fronte audio, col supporto Dolby Atmos, potrete sfruttare l'audio spaziale se aveste un impianto adatto, ma potrete comunque decidere se riprodurre o meno l'intervallo dinamico completo, o se ridurre i suoni più intensi.

E per quanto riguarda poi il parco-app c'è tutto. Seriamente: è praticamente impossibile che vogliate un'app per Apple TV, e che questa non ci sia. Tutti i servizi di streaming, tutti i media center, tutto lo svago e l'intrattenimento che potreste chiedere ad una smart TV.

C'è solo una carenza in tutto ciò: i canali in diretta. Amazon li fa meglio (di tutti), anche di Apple TV. Qui manca una sorta di guida TV, presente su Fire OS, e l'aggregazione da fonti diverse, che siano RaiPlay, Mediaset Infinity o altro.

Se non hai iPhone godi solo a metà

apple tv 4k 3a gen 2022 iphone ipad

Apple TV 4K è poi, ancora una volta (purtroppo!), un dispositivo pensato prima di tutto per gli utenti iPhone. Con un iPhone è tutto più semplice fin proprio dalla configurazione iniziale, che può avvenire nel giro di un paio di tap, trasferendo preferenze e credenziali dell'utente (Wi-Fi inclusa), in modo da essere subito operativi.

Parziale eccezione: se già aveste una precedente Apple TV, potete anche usare la funzione One Home Screen per sincronizzare le impostazioni tra loro, portando le stesse app/layout del vecchio modello sul nuovo.

Addirittura pensate che Apple Fitness+, che sul grande schermo è semplicemente meraviglioso e anni luce avanti a qualsiasi servizio simile della concorrenza (sul serio: perché in un mondo dove tutti copiano tutto il copiabile, nessuno ha ancora sfornato una vera alterantiva? - NdR), non può essere attivato senza un iPhone o un Apple Watch. Potete abbonarvi direttamente da Apple TV, ma dovrete comunque prima abilitare il tutto tramite watchOS 7.2 o iOS 16.1 o successivi. E parliamo di un servizio che in fondo potrebbe vivere di vita propria solo sulla TV. 

Apple stessa non concepisce che possiate avere una Apple TV senza un iPhone. E probabilmente non dovreste. Però dovreste quantomeno provarla, e se lo farete poi ne vorrete una al posto di qualsivoglia box stiate usando.

È un circolo vizioso

Gaming

Prima di parlare di giochi su Apple TV 4K, ritorniamo un attimo sul discorso prestazioni. A questo proposito, c'è un'approfondita analisi su flatpanelsHD, secondo la quale il chip all'interno della Apple TV 4K sarebbe una versione lievemente castrata rispetto a quello di iPhone 13, con 5 core anziché 6 sia su CPU che GPU.

Sempre la stessa fonte riporta comunque un miglioramento delle performance nell'ordine del 40% sulla CPU rispetto alla precedente generazione, mentre sul fronte grafico, con oltre 1 TFlops (teorici), la Apple TV 4K dovrebbe ormai essere in scia a console quali Xbox One (1,3 TFlops) e PS4 (1,8 TFlops), anche considerando la velocissima memoria unificata di Apple.

Niente ventola all'interno di Apple TV 4K 2022 (da qui anche le dimensioni più ridotte), ma non ce n'è certo bisogno per lo streaming, ed anche durante uno stress test di 20 minuti l'A15 al suo interno va comunque meno in throttling del precedente A12.

Eppure il gaming su Apple TV 4K non è ancora a livello console, nemmeno lontanamente, perché di fatto i giochi a cui avrete accesso sono gli stessi della precedente generazione, ed a grandi linee sembrano girare allo stesso modo.

Apple Arcade, o anche i giochi nativi per tvOS, sono di fatto quelli che fareste su iPhone. E sono anche belli, in un'ottica mobile, ma sul divano di casa il paragone non si fa con gli smartphone, ma con console o anche PC. Ed il bello è che sono ampiamente supportati i controller sia di PlayStation che di Xbox, con tanto di indicazioni corrette a schermo sui tasti da premere a seconda di quello collegato.

Non fraintendeteci, è divertente giocare a LEGO Brawls o NBA 2K23 Arcade Edition (ma su console è comunque più bello e dettagliato), ed anche Asphalt 8 sul grande schermo fa la sua bella figura (il 9 non è comunque disponibile), ma è proprio lì per ricordarvi che state giocando come da smartphone, e non a "qualcosa di più".

E purtroppo non è possibile sopperire all'assenza di giochi locali AAA con servizi di cloud gaming come GeForce Now, che invece sono disponibili sulla concorrenza.

Detto ciò, ci si diverte senz'altro a giocare con Apple TV 4K, e la varietà di titoli disponibili di un certo calibro è molto più ampia che non sui suoi rivali. Basta essere consapevoli di quale tipo di giochi stiamo parlando.

Prezzo

La nuova Apple TV 4K di 3a generazione costa meno di prima. In un momento nel quale tutta la tecnologia rincara, Apple abbassa il prezzo di un suo nuovo prodotto. E pensate che le voci di corridoio dicono che il prossimo modello sarà ancora più economico.

Apple TV 4K parte infatti da 169€ nella versione da 64 GB, ed arriva a 189€ per quella da 128 GB (con Ethernet). Se pensate che il nuovo Fire TV Cube costa 159€ e che la Shield viene 149€ nella versione base e 199€ in quella Pro, capirete che qui siamo ampiamente in range.

Ciò non significa che siano tutti convenienti, ma solo che sono tutti cari; ma questo è un altro discorso.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

Apple TV 4K (2022)

Apple TV 4K 2022 ha la migliore esperienza utente tra i molti TV box presenti sul mercato. Le app che magari già conoscete da altre piattaforme qui sono semplicemente più fluide, ci sono transizioni e animazioni uniformi, e la riproduzione è impeccabile, con finalmente l'aggiunta anche ad HDR10+. Per di più, cosa più unica che rara in questo periodo, Apple TV 4K di 3a generazione scende di prezzo rispetto al precedente modello. Certo, qualcosa di perfezionabile ancora c'è, in particolare in merito alle trasmissioni in diretta ed al mondo del gaming, che ancora non riesce ad essere incisivo come Apple vorrebbe, così abbiamo materiale per la lista dei desideri per il prossimo modello.

Voto finale

Apple TV 4K (2022)

Pro

  • Interfaccia e riproduzione burrosissime
  • App, app e ancora altre app
  • Telecomando con USB-C
  • È più economica di prima

Contro

  • Interfaccia (e design generale) svecchiabile
  • I canali dal vivo lasciano a desiderare
  • Deve ancora trovare la quadra del gaming
  • No ethernet nel modello base

Nicola Ligas
Nicola Ligas Nicola è caporedattore su SmartWorld.it, e per questo motivo è odiato da tutti. I colleghi. Gli piace credere che il suo lavoro semplifichi la vita agli altri, in qualche modo. Ma non ai colleghi. Nel tempo libero cerca di complicare la sua vita, con nuovi progetti che non ha mai tempo di realizzare. Per fortuna. Dei colleghi.
Mostra i commenti