ASUS NUC 14 Pro+ recensione: quanta potenza si può mettere in così poco spazio?

Il mini PC di ASUS ha un potentissimo processore Intel Core Ultra 9 ed è già pronto per lavorare con l'AI
Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola Tech Master
ASUS NUC 14 Pro+ recensione: quanta potenza si può mettere in così poco spazio?

Se vi piacciono i mini PC, state molto attenti al nuovo ASUS NUC 14 Pro+, che abbiamo provato in anteprima nelle ultime settimane. La formula magica per la realizzazione di questo compattissimo computer da scrivania è molto semplice: mettere tutta la potenza possibile nello spazio più stretto possibile. Tutto questo lo rende un candidato naturale per la nostra classifica dei migliori mini PC sul mercato, senza dubbio. Attenzione, però, perché ci sono anche diversi aspetti critici di cui dobbiamo parlare.

PRO

  • Processore potentissimo
  • Design elegante e compatto
  • NPU integrata per ottimizzare l'AI
  • Prestazioni molto alte
  • Software MyASUS chiaro e completo

CONTRO

  • Rumorosità elevata e fastidiosa
  • Temperature altissime
  • Consumi da non sottovalutare
  • Mancano DisplayPort e slot SD
  • Manca un cavo HDMI in confezione

Unboxing

L'esperienza di unboxing di ASUS NUC 14 Pro+ è molto particolare. La confezione è uno scrigno, si apre sulla parte alta e mostra il mini PC e una scatola in cartone scuro, che contiene tutti gli accessori.

Purtroppo la dotazione non è eccezionale. Nella scatola trovate il massiccio alimentatore, il cavo con la presa da muro, una placca e le viti per il supporto VESA, vari manuali per istruzioni e garanzia.

Mancano totalmente i cavi di collegamento al monitor: almeno un cavo HDMI di buona qualità avrebbe fatto comodo.

Caratteristiche Tecniche

  • CPU:
    • Intel Core Ultra 9 185H
    • Intel Core Ultra 7 165H
    • Intel Core Ultra 7 155H
    • Intel Core Ultra 5 135H
    • Intel Core Ultra 5 125H
  • GPU (integrata): Intel Arc Graphics
  • RAM: 8/16 GB DDR5 5.600 MHz (esp. fino a 48 GB)
  • SSD: 512 GB / 1 TB M.2 2280 PCIe 4.0
  • Porte fisiche:
    • Fronte: USB 3.2 Gen2 Type A (x2), USB 3.2 Gen2x2 Type-C
    • Retro: Thunderbolt 4 Type-C (x2), USB 3.2 Gen 2 Type-A, USB 2.0 Type-A, HDMI 2.1 (x2), RJ45 LAN 2.5G Ethernet, DC-in, Kensington Lock
  • Connettività wireless: Intel Wi-Fi 6E AX211, Bluetooth 5.3
  • Alimentazione: 120 / 150 W
  • Sistema operativo: Windows 11
  • Dimensioni: 144 x 112 x 41 mm
  • Peso: 800 g

ASUS NUC 14 Pro+ è disponibile in diverse SKU. Quella che abbiamo utilizzato per la nostra prova è ha codice NUC14RVS. Per la precisione, monta un processore Intel Core Ultra 9 185H, due moduli RAM DDR5 Samsung M425R2GA3PB0-CWM0M per 16 GB totali, un SSD Samsung PM9A1 MZVL21T0HDLU-00B07 da 1 TB.

Come s'intuisce da questi dati e dalle specifiche complete che potete leggere in alto, parliamo di una macchina super potente. Il processore è tra i più potenti in assoluto nella gamma Intel per mobile: fa parte della famiglia Meteor Lake, è realizzato con processo produttivo Intel 4, ha 16 core (6 P-core, 8 E-core, 2 LPE-core) e 22 thread totali. Grande novità la presenza di una NPU Intel AI Boost, che si occupa dei carichi di lavoro dell'intelligenza artificiale.

Non c'è una scheda grafica dedicata, ma una GPU integrata di serie Intel Arc. Per questo il consumo energetico massimo non è eccessivo, anche se comunque abbastanza alto, oltre i 130W.

Per fortuna l'alimentatore da 150W riesce a gestire bene anche i picchi più elevati.

L'aspetto che più colpisce è quello dimensionale: il NUC 14 Pro+ è super compatto e pesa solo 800 grammi. Un piccolo record per una macchina così potente. Pensate che è più piccolo del Mac mini M2 e dei mini PC di AYANEO, sia AM01 che AM02.

Il reparto connettività è forse l'unico ambito in cui non brilla molto, visto che tra fronte e retro si contano 3 USB-C, 4 USB-A, 2 HDMI, una Ethernet a 2.5G ma mancano una DisplayPort e uno slot per schede SD, che avrebbero fatto comodo su una macchina per la produttività così avanzata.

In ogni caso, sfruttando le due porte HDMI e due USB-C con tecnologia Thunderbolt 4 si possono collegare fino a 4 monitor a risoluzione 4K.

Il design è sicuramente molto piacevole, forse ispirato proprio al già citato Mac mini.

Le linee del corpo in alluminio sono stondate, la colorazione argento si armonizza bene con il fondo bianco, c'è un bel senso di pulizia e minimalismo, nonostante qualche logo di troppo.

Per aprire la scocca non servono attrezzi, ma basta aprire le levette sul fondo: togliendo il coperchio avrete facile accesso alla scheda madre e potrete aggiornare gli elementi installati, ad esempio aggiungendo SSD o moduli RAM. Parleremo nel capitolo dedicato alla temperatura del sistema di raffreddamento e delle griglie.

Software

La parte software è molto curata su ASUS NUC 14 Pro+, come ci si aspetta da un prodotto di fascia alta come questo. Il sistema operativo è Windows 11, senza bloatware o personalizzazioni eccessive. L'unica app preinstallata dall'azienda è MyASUS, che permette di controllare al meglio molti aspetti del dispositivo.

Aprendo MyASUS avete accesso a tutte le informazioni del NUC 14 Pro+, potrete aggiornare il firmware e usare software di diagnosi del dispositivo e verificare che tutto funzioni correttamente.

Si possono regolare la velocità delle ventole, la priorità delle attività su TaskFirst, il funzionamento della rete wireless su WiFi SmartConnect, ed anche l'uso dell'intelligenza artificiale per l'eliminazione dei rumori con AI Noise Cancellation.

In più, è possibile installare anche la suite ASUS Control Center per gestire in maniera centralizzata i servizi IT aziendali. Altre personalizzazioni più avanzate si trovano direttamente nel BIOS di sistema.

Benchmark generali

Per testare a fondo il nostro ASUS NUC 14 Pro+ abbiamo utilizzato la solita serie di software e benchmark, che ci hanno dato un quadro molto chiaro delle sue potenzialità e, soprattutto, ci hanno permesso di metterlo a confronto con altri mini PC che abbiamo provato di recente.

Il processore Intel Core Ultra 9 185H mostra i muscoli sui test che mostrano la potenza pura: ottiene risultati altissimi su Cinebench R23, Cinebench 2024, GeekBench 6 e PCMark 10. In quasi tutti i test riesce a battere un altro mini PC molto carrozzato come AYANEO Retro Mini PC AM02.

Il confronto con il Mac Mini con chip M2 è invece tutto a vantaggio di questo NUC, che fa segnare punteggi molto più alti su GeekBench 6 e Cinbench R23.

Ottima anche la velocità del SSD Samsung integrato, che su CrystalDiskMark viaggia a quasi 7 GB/s in lettura sequenziale e quasi 5 GB/s in scrittura sequenziale. Valori molto elevati.

Non va sottovalutata nemmeno la GPU integrata Intel Arc, che riesce a garantire prestazioni grafiche di buon livello. Nei benchmark su 3DMark se la cava benissimo, riuscendo a battere quasi ovunque il già citato AYANEO Retro Mini PC AM02.

Per finire, abbiamo fatto anche un test specifico per verificare le prestazioni della NPU Intel AI Boost, grazie al benchmark AI Image Generation Benchmark - Stable Diffusion 1.5 (FP16) della suite Procyon. Il punteggio ottenuto è di 98 punti, che non è male per una macchina di questo genere.

A conti fatti, il NUC 14 Pro+ è il mini PC più potente tra quelli che abbiamo provato di recente, grazie ad un hardware di altissimo livello sia sulla parte computazionale che sull'AI.

Non essendoci una GPU dedicata, invece, sulla parte grafica le prestazioni sono buone ma non eccellenti, com'è normale che sia.

La differenza prestazionale è molto alta rispetto al Mac Mini con chip M2, mentre è più stretta con AYANEO Retro Mini PC AM02, che utilizza a sua volta un ottimo hardware con processore AMD Ryzen 7 7840HS. Ricordatevi queste parole quando parleremo di prezzi.

Benchmark gaming

Come da tradizione, abbiamo voluto sperimentare anche un po' di gaming con ASUS NUC 14 Pro+, visto che la grafica integrata Intel Arc e il sistema Windows 11 ce lo permettono.

Siamo rimasti sorpresi dai risultati, perché il NUC 14 Pro+ ci ha fatto giocare con buona fluidità su diversi giochi, anche quelli più pesanti. Nella galleria in basso trovate le immagini con tabelle e grafici per ogni gioco.

Su titoli non troppo esigenti come F1 22 e Overwatch 2 si riesce ad andare ben oltre i 60 fps medi, giocando con dettagli medi.

Su Cyberpunk 2077 invece si arriva quasi a toccare i 30 fps medi, rimanendo poco sotto, sempre a dettagli medi, ma in questo caso la prova è molto più difficile.

NUC 14 Pro+ può essere considerata una piccola macchina da gaming se avete poche pretese. Dimostra di sapersela cavare abbastanza bene con i giochi leggeri, magari meno recenti. Con quelli più esigenti, invece, mostra il fianco e non può offrire (per forza di cose) un'esperienza fluida. Su Cyberpunk 2077, ad esempio, il frame rate non è basso ma ci sono evidenti problemi di stuttering e cali improvvisi.

Il confronto con una macchina costruita per il gaming come AYANEO Retro Mini PC AM02 da questo punto di vista è molto indicativo: le prestazioni di AM02 sono superiori, e non di poco, ma soprattutto non ci sono problemi di framerate. L'esperienza complessiva è molto più soddisfacente.

Temperature e Consumi

Il vero punto critico di ASUS NUC 14 Pro+ è il sistema di raffreddamento integrato, troppo poco efficace per un processore così potente.

La scocca è completamente traforata sul fondo, sulle parti laterali basse e su due dei lati lunghi, ma all'interno c'è solo una ventolina molto sottile, che non riesce a garantire un airflow sufficiente.

Il risultato è che, sotto stress, il processore Intel Core Ultra 9 185H sta fisso sopra i 100°, va costantemente in throttling termico e le frequenze si abbassano. Per stressarlo al massimo abbiamo eseguito un test combinato con Prime95 e FurMark, ma vi assicuriamo che basta molto meno per farlo andare in crisi di temperatura.

Inoltre, visto che il corpo del NUC 14 Pro+ è in alluminio, il calore si diffonde ovunque e la scocca superiore può raggiungere temperature di oltre 50°. Significa che appoggiate una mano sulla parte alta del NUC rischiate di scottarvi.

Il rumore, poi, ci ha sorpreso in negativo. La ventolina interna gira ad alti rpm è produce un "urlo" molto fastidioso, impossibile da non udire anche a diversi metri di distanza.

Pensate che nel nostro ufficio (non troppo silenzioso), la ventola del NUC si riusciva a sentire senza sforzo anche nelle stanze accanto a quella dov'era posizionato il dispositivo, con tutte le porte chiuse. A livello di silenziosità, questo prodotto è assolutamente bocciato.

Molto elevato anche il consumo complessivo, che arriva quasi a 140W di picco. Nel nostro torture test di 30 minuti, il consumo è rimasto costantemente intorno a 130W, che non sono pochi per una macchina come questa.

Riguardo a temperature, rumore e consumi, il NUC 14 Pro+ si pone diversi passi indietro rispetto ai suoi avversari. AYANEO Retro Mini PC AM02 ha dimensioni maggiori e una ventola molto più prestante, che tiene a bada molto meglio le temperature e fa meno rumore. Il Mac Mini con chip M2 è proprio su un altro pianeta: non solo temperature e consumi sono molto più bassi, ma è anche super silenzioso, al contrario di questo NUC.

Esperienza d'uso

Nell'utilizzo quotidiano, ASUS NUC 14 Pro+ si dimostra sempre pronto e scattante. Per le applicazioni da ufficio è una bomba: riesce a gestire senza sforzo decine di tab aperti sul browser, video e audio in riproduzione, suite Office e software per la produttività avanzata. Per il multitasking è perfetto, anche con applicazioni molto esigenti.

Grazie alla potenza del processore, le prestazioni sono molto buone anche per gli strumenti da content creator, come Photoshop, Premiere e altri programmi della suite Adobe. Si può lavorare su immagini e video senza problemi, con un rendering veloce per i contenuti.

La sua compattezza e il design molto curato lo rendono un oggetto molto piacevole da avere sulla scrivania, che fa bella anche figura in ufficio. Peccato che, come detto, quando il carico computazionale diventa un po' troppo elevato, la ventola inizia a farsi sentire un po' troppo.

Le potenzialità per l'intelligenza artificiale sono forse uno degli aspetti più interessanti, che però non abbiamo potuto testare fino in fondo.

Al momento, le nuove funzionalità con AI di Windows 11 non sono ancora disponibili e si fa fatica a sfruttare davvero la NPU integrata sul NUC. In ogni caso, è un prodotto già pronto per il futuro, che è sempre un ottimo punto a favore.

Prezzo e Acquisto

ASUS NUC 14 Pro+ è disponibile da luglio 2024 in Italia, con prezzi a partire da 600€ circa per i modelli di fascia più bassa, quelli con processore Intel Core Ultra 5 125H.

La cifra sale a seconda della configurazione interna che scegliete. Ad esempio, la versione che abbiamo provato in questa recensione – Intel Core Ultra 9 185H, 16 GB di RAM, 1 TB di SSD – costa oltre 1.400€ presso i principali rivenditori autorizzati.

Il costo è un altro punto dolente per questa macchina, che si va a scontrare con i migliori mini PC sul mercato. Un territorio pericoloso per una macchina molto potente ma che ha più di un tallone d'Achille.

Di sicuro la sfida con AYANEO Retro Mini PC AM02 è quella più facile da risolvere: il NUC è un dispositivo per la produttività e ha prestazioni superiori, l'AM02 è più direzionato sul gaming e costa molto meno. Sono prodotti pensati per esigenze diverse, dunque non sono neanche troppo paragonabili.

Per il confronto con il Mac Mini con chip M2 la situazione, invece, è più complessa. Dal punto di vista delle prestazioni, NUC 14 Pro+ vince praticamente in ogni ambito, soprattutto in termini di potenza pura e ottimizzazione AI. Il primato si paga, però, in termini di consumi elevati, temperature fuori soglia e rumorosità molto fastidiosa. Qui bisogna fare una scelta di campo, o meglio di sistema operativo: Windows o macOS, a voi la decisione.

NUC 14 Pro+ rappresenta una delle scelte più indicate per chi ha bisogno di una macchina potente che possa occupare il minimo spazio possibile.

Per gli utenti business, le piccole aziende, i lavoratori in smart working e i content creator meno esigenti, un prodotto così piccolo e portatile può essere davvero comodissimo.

Altri Mini PC da non perdere

Date un'occhiata anche agli altri mini PC che abbiamo provato di recente, perché ci sono diverse soluzioni che potrebbero essere ancora più indicate per voi rispetto al NUC 14 Pro+. A seguire trovate i link diretti per la pagina dei migliori mini PC e per tante recensioni fatte dalla nostra redazione.

Il sample per questa recensione è stato fornito da ASUS, che non ha avuto un'anteprima di questo contenuto e non ha fornito alcun tipo di compenso monetario.

Giudizio Finale

ASUS NUC 14 Pro+

ASUS NUC 14 Pro+ è un mini PC elegantissimo, compattissimo e potentissimo allo stesso tempo. Una vera magia per certi versi, perché far stare tanta capacità di calcolo in così poco spazio non è certo facile. Infatti, è proprio la sua potenza a metterlo in crisi con i carichi più elevati: a volte temperature, consumi e rumorosità sono fuori controllo. Per fortuna non sempre bisogna stressarlo al massimo: usato per le attività da ufficio è una bomba, e anche con i software per i content creator se la cava alla grande. Se avete bisogno di un PC davvero mini, questo potrebbe diventare il protagonista dei vostri desideri. Preparatevi a sborsare tanto, però, perché il prezzo di listino è molto salato.

Voto finale

ASUS NUC 14 Pro+

Pro

  • Processore potentissimo
  • Design elegante e compatto
  • NPU integrata per ottimizzare l'AI
  • Prestazioni molto alte
  • Software MyASUS chiaro e completo

Contro

  • Rumorosità elevata e fastidiosa
  • Temperature altissime
  • Consumi da non sottovalutare
  • Mancano DisplayPort e slot SD
  • Manca un cavo HDMI in confezione

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola Scrivo, fotografo, smanetto coi PC, sfreccio con bici e monopattini elettrici. Ogni tanto m'innamoro di giochini indie e gadget assurdi, che poi diventano protagonisti delle mie recensioni. Tra le cose che mi tengono lontano dal PC ci sono la Storia (con la S maiuscola), la musica e lo sport.

Gruppo Facebook

Community SmartWorld +15k
Confrontati con altri appassionati di tecnologia nel gruppo segreto
Entra