Chromecast Ultra, la recensione (foto e video)

Nicola Ligas
Nicola Ligas

Dopo il primo modello del 2013, e dopo la sua riedizione dello scorso anno, Chromecast diventa Ultra, come "Ultra HD - 4K", la risoluzione cui il dongle di Google riesce ora ad arrivare, con i servizi supportati (Netflix e YouTube su tutti). Streaming di altissima qualità quindi, al costo di un prezzo raddoppiato: siamo davvero sicuri che il gioco valga ancora la candela?

PRO

  • Supporto 4K HDR
  • Sempre semplicissimo da usare
  • Ecosistema Google Cast in crescita

CONTRO

  • Il prezzo è raddoppiato
  • Non fa niente di nuovo
  • Al netto del 4K, prestazioni al pari col precedente modello

Confezione e costruzione

Confezione un po' più ampia e curata del passato, all'interno della quale troviamo un Chromecast Ultra che esteticamente assomiglia molto al vecchio modello. In compenso diventa più lungo (oltre 2 metri) il cavo dell'alimentatore, che questa volta include anche una porta Ethernet (sì, è stata inserita sull'alimentatore proprio per non dover variare le dimensioni di Chromecast stesso). Questo significa che, per usare la rete cablata, dovrete anche utilizzare il suo alimentatore proprietario, e non collegare semplicemente Chromecast Ultra ad una delle eventuali porte USB presenti sul vostro televisore.

Riguardo il dongle in sé, non ci sono novità: sempre presente la porta HDMI sotto forma di cavetto che si aggancia magneticamente al corpo di Chromecast stesso, presente il pulsante di reset e sempre presente anche la porta micro USB per collegare l'alimentatore. In compenso, al posto del logo di Chrome, c'è ora la G di Google, come su tutti i nuovi prodotti presentati di recente.

Hardware

Chromecast Ultra potenzia la connettività rispetto al passato, aggiungendo un'inedita porta Ethernet, volta a non doversi preoccupare delle possibili interferenze su rete wireless, dato che il 4K richiede ampia e costante banda. Abbiamo ovviamente anche la Wi-Fi 802.11ac (2,4 / 5 GHz) che nelle nostre prove si è comportata meglio di quanto avessimo sperato, con un segnale ben agganciato anche in presenza di numerosi dispositivi connessi.

Google promette inoltre (pur non avendo divulgato la scheda tecnica) prestazioni di 1,8 volte superiori al passato, ma nella pratica è davvero difficile notare forti differenze di velocità tra questo Chromecast Ultra e la versione 2015. Il vero bonus è però il supporto al 4K, anche in HDR10Dolby Vision, per esaltare l'intervallo dinamico delle immagini a schermo. Praticamente quanto di meglio si possa chiedere ad un dongle di questo tipo.

Software e funzioni

Rispetto al passato, l'utilizzo di Chromecast è totalmente immutato. Potete configurarlo da PC, sul sito apposito, oppure tramite l'app Google Home per iOS o Android (vedi screenshot qui sotto). Vi ricordiamo che Chromecast preleva autonomamente contenuti dalla rete, e che sia PC che smartphone sono nella maggior parte dei casi solo dei "telecomandi", per dirgli che tipo di video riprodurre e dove andarselo a prendere.

Potete comunque fare il casting dei tab di Chrome, o anche dell'intera schermata del vostro PC, e riprodurre contenuti locali tramite app dedicate (un buon elenco è quello ufficiale), sia da computer che da mobile; esattamente come in passato. Nelle nostre prove non abbiamo avuto problemi di sorta, né con YouTube, né con Netflix, per non parlare poi di servizi meno esigenti, come Play Music, o Spotify.

Al netto della presenza della porta Ethernet, che può essere salvifica in caso di forti interferenze sulla Wi-Fi, la promessa di maggiore velocità ci sembra solo un placebo. Abbiamo fatto vari test di apertura e riproduzione di contenuti, su Chromecast Ultra e su Chromecast 2015, con risultati praticamente analoghi. Addirittura, in una prova di latenza, Chromecast 2015 ha fatto meglio del modello Ultra, giusto per dimostrare come i due dongle siano praticamente appaiati. Non stiamo dicendo che non possa esserci miglioramento alcuni sul fronte delle prestazioni, ma solo che sarà molto difficile apprezzarli, anche per tutta una serie di fattori variabili, non da ultimo la qualità della rete in quel momento.

[sentence_dx]Se avete una moderna TV 4K, ci sono buon probabilità che Chromecast Ultra non vi serva davvero[/sentence_dx]

Detta ancora più semplicemente: Chromecast Ultra vi servirà solo se avete un TV / monitor 4K e volete riprodurre appunto contenuti in streaming in Ultra HD o HDR, ma non aspettatevi benefici particolari in altre situazioni rispetto agli anni passati. Per lo streaming di contenuti locali è per esempio più indicato un box Android, al quale potrete collegare facilmente pendrive e dischi esterni, per esempio, oltre ad essere dotato di un suo (solitamente ampio) spazio di storage e di maggiori app dedicate.

Potremmo poi addirittura azzardare che nei moderni TV 4K, delle app per Netflix e YouTube sono quasi sicuramente già incluse, e quindi Chromecast Ultra perde di significato, oltre che di valore, anche se comunque le sue funzionalità non si limitano solo allo streaming di contenuti da questi due servizi ed in generale può essere più semplice avviare il casting da smartphone che non utilizzando un telecomando, ma se doveste prendere Chromecast Ultra per non sfruttare le sue doti 4K, tanto varrebbe acquistare il precedente modello.

Prezzo

I primi due Chromecast sono sempre stati lanciati a 39€. Quest'anno Google raddoppia: 79€ sullo store ufficiale sono il doppio di quanto richiesto in passato. Non è una cifra altissima in termini assoluti, ma eleva comunque il nuovo Chromecast Ultra dalla fascia dei suoi avi, e lo porta al pari (se non sopra) con moltissimi box Android 4K.

Foto

Giudizio Finale

Chromecast Ultra

Chromecast Ultra rappresenta il culmine di un'evoluzione iniziata più di tre anni fa, che porta ora la risoluzione 4K Ultra HD sul dongle di Google, rendendolo di fatto uno dei modi più semplici ed immediati per avere YouTube, Netflix ed altri contenuti in 4K sul proprio televisore. Ma chi ha già una TV 4K, cosa se ne fa di Chromecast Ultra? La risposta a questa domanda, più che il prezzo raddoppiato rispetto al passato, è il vero nodo gordiano che dovrete sciogliere per capire se questo dispositivo faccia davvero al caso vostro, perché comunque le sue funzioni sono rimaste le stesse di sempre, al netto della maggiore risoluzione.

Sommario

Confezione e costruzione 7.5

Hardware 8.5

Software e funzioni 7.5

Prezzo 7

Voto finale

Chromecast Ultra

Pro

  • Supporto 4K HDR
  • Sempre semplicissimo da usare
  • Ecosistema Google Cast in crescita

Contro

  • Il prezzo è raddoppiato
  • Non fa niente di nuovo
  • Al netto del 4K, prestazioni al pari col precedente modello

Nicola Ligas
Nicola Ligas Nicola scrive, e parla. Molto. Solitamente non nello stesso momento. Spesso parla di ciò che scrive, e scrive di ciò di cui parlerà. No, Nicola non è un bambino di 6 anni, anche se non gli dispiacerebbe tornare a quell'età.

Commenta