Recensione Creative T60: compatte, potenti e smart!

Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Sono tra le ultime arrivate nelle scuderie di casa Creative. Le T60 sono casse da PC alquanto classiche, anche se hanno un paio di assi nelle maniche davvero niente male. Scopriamole insieme.

Davvero ricca la confezione. Oltre alla coppia di casse, ben protette dagli urti, e alla manualistica del caso, troviamo: alimentatore con adattatori regionali, cavo stereo AUX da 1,2 metri, una prolunga AUX da 30 centimetri, un cavo USB-C / USB-C, un convertitore da USB-C a USB-A.

PRO

  • Compatte ed eleganti
  • Suono corposo e cristallino
  • Tante soluzioni di connettività

CONTRO

  • Prezzo
  • Non esattamente plug-and-play

Le Creative T60 si presentano come una coppia di casse da PC (e non solo) compatte, non troppo pesanti e caratterizzate da un design elegante. Il case è nero, mentre spicca il disco a protezione del driver di un colore tra l'oro e il bronzo. Scendendo più nel dettaglio, c'è una scocca frontale nera lucida, mentre il resto della struttura è opaca. Sulla cassa sinistra si nota anche il logo Creative dello stesso colore. La cassa destra presenta tutti i controlli di cui avete bisogno: c'è un classico pomello per la regolazione dell'audio delle casse (non quello di sistema, quindi) e tre pulsanti disposti orizzontalmente.

Quello a sinistra è il pulsante di accensione che in realtà serve anche a ciclare tra le modalità di utilizzo delle T60. Anche quello centrale ha una duplice funzione: attivare o disattivare il surround simulato o, con una pressione prolungata, passare dalla modalità altoparlanti a quella cuffie/auricolari. Sostanzialmente, invece di passare dal PC e dalle impostazioni audio di Windows, collegate le vostre cuffie alle T60 e con la pressione del pulsante fisico passate dall'audio delle casse a quello delle cuffie. Il terzo ed ultimo pulsante, quello a destra, serve per attivare o disattivare la modalità Clear Dialog. Ci torneremo dopo.

Sempre sulla cassa destra, sul suo retro per la precisione, troviamo l'intera dotazione di porte delle T60: porta di alimentazione, porta di collegamento della cassa destra, porta AUX, porta USB-C e altri due connettori jack per collegare microfono e cuffie. Approfittiamo quindi per capire con quali dispositivi sono compatibili le T60. Il fatto che abbiano connettore jack le rende compatibili con quasi tutti i principali dispositivi di intrattenimento domestico. Da non sottovalutare la presenza della porta USB-C: questa permette il collegamento con PS4 e PS5 (anche grazie al convertitore USB-C / USB-A), con le porte Type-C dei dispositivi mobili e soprattutto, sfruttandola anche su PC, permette di sbloccare funzionalità aggiuntive davvero niente male. Tornando alla compatibilità, è ovviamente possibile collegarle a Nintendo Switch, console Xbox, dispositivi mobili e, come già accennato, anche sfruttare i due connettori aggiuntivi per collegare microfono e cuffie. E c'è di più: sotto il cofano nascondono un modulo Bluetooth 5.0, perfetto quindi per farle diventare il vostro dispositivo di ascolto musica da smartphone o anche per collegarle usando meno fili possibile.

Se proprio dobbiamo fargli un appunto, la presenza dei tre pulsanti e delle varie modalità di collegamento rende indispensabile dare un'occhiata al manuale. Ad esempio per quanto riguarda la connettività, sono assegnati vari colori ad un piccolo LED posto subito sopra il pulsante di accensione. A seconda di quello mostrato starete usando una modalità di collegamento piuttosto che un'altra. Anche le tante funzionalità di cui vi parleremo meritano qualche approfondimento da parte dell'utilizzatore. Non si tratta insomma di un modello che potremmo definire plug-and-play. Potreste collegarle e usarle da subito sì, ma potreste anche perdervi per strada qualche feature davvero utile. Prima di parlare di quelle che sono le sue performance e le funzionalità aggiuntive, vediamo la scheda tecnica:

  • Driver: 2,75"
  • Potenza in uscita: 2 x 15W RMS
  • Potenza totale del sistema: fino a 30W RMS
  • Massima potenza: 60W
  • SNR: ≥ 75 dB
  • Configurazione di sistema: 2.0
  • Gamma di frequenze: 50-20.000 Hz
  • Potenza di uscita RF massima: 4 dBm
  • Versione Bluetooth: Bluetooth 5.0
  • Dimensioni:
    • Cassa sinistra: 147 x 92 x 199 mm
    • Cassa destra: 157 x 92 x 199 mm
  • Peso: 1,9 kg

Sulla carta, le Creative T60 sono casse Hi-Fi 2.0 prive quindi del classico audio spaziale che un sistema basato su più speaker potrebbe fornire e prive anche di subwoofer. C'è però da dire che il dispositivo sopperisce ad entrambe le "mancanze" in modo più che degno. L'assenza del subwoofer non si sente affatto. Anche senza sfruttare le funzionalità aggiuntive di cui parleremo a breve, i due driver da 2,75" sono in grado di erogare un suono pulito, che riesce ad esaltare i bassi in modo più che degno grazie anche alla tecnologia BasXPort proprietaria. Il volume massimo raggiunto dalla coppia di casse riesce a stupire (e a risultare quasi assordante) anche solo al 50% del volume di sistema su PC. Se le tenete sulla scrivania usandole con un PC desktop o laptop, o comunque con una configurazione di utilizzo che vi mantiene sufficientemente vicine a loro, non avrete bisogno di alzare troppo il volume per sentire tutto in modo distinto. I bassi sono corposi, e l'audio non si distorce nemmeno appunto spingendosi verso volumi elevati.

A dirla tutta, ci hanno sorpreso in modo estremamente positivo proprio per la loro resa audio complessiva, risultando perfette per l'ascolto di contenuti multimediali come musica e film. Come dicevamo, le T60 sopperiscono anche all'assenza di ulteriori satelliti. Con il tasto fisico centrale, posto sulla cassa di sinistra, si può attivare la modalità Surround che, a detta della stessa Creative, identifica e migliora le informazioni spaziali dell'audio in ingresso tramite i filtri audio di Sound Blaster. La modalità forse non è adatta all'ascolto di musica, anche se dobbiamo dire di non averla trovata così sgradevole (anzi), ma si dimostra perfetta per film e serie TV, specialmente con i servizi di streaming.

E per i videogiochi? Sia la presenza del surround, che l'audio praticamente cristallino giocano, davvero a favore delle T60 anche in ambito gaming. Certi generi però potrebbero risentire dell'assenza di un vero e proprio audio spaziale. In tal senso sono gli FPS a risentirne maggiormente, ma si tratta comunque di un genere da giocare solitamente con cuffie (dotate appunto di audio spaziale) e microfono. Le abbiamo comunque usate per varie sessioni gaming, anche con Overwatch, apprezzandone anche in questo caso la qualità audio. I tanti suoni, tra musica, battute vocali dei personaggi, rumori delle armi o di altri elementi di gioco, si distinguono alla perfezione.

Se dovete usarle su PC potreste preferire il collegarle tramite cavo USB-C. Il perché è presto detto: tale configurazione vi permette di usare il software Creative ufficiale che sblocca un bel po' di funzionalità aggiuntive. Da qui si accesso a:

  • Acoustic Engine: vi permette di attivare il Crystalizer (per suoni musicali più definiti), il boost dei Bassi e lo Smart Volume, che minimizza da solo gli sbalzi bruschi di volume
  • Equalizzatore: da qui potete creare il vostro equalizzatore personalizzato o selezionare un preset con tantissime scelte a disposizione, tra cui svariati videogiochi
  • SmartComms Kit: una serie di funzionalità per semplificare la comunicazione durante sessioni di chat vocale

Sì, nonostante siano casse, ovvero la soluzione forse meno adatta alla gestione di eventuali teleconferenze, le Creative T60 vantano tutta una serie di funzionalità pensate per utilizzarle in tal senso. Collegando il microfono direttamente alle T60 e attivando la funzionalità VoiceDetect, le casse riveleranno automaticamente quando state usando il microfono disattivando momentaneamente l'audio in uscita, evitando quindi il rientro del suono. C'è anche NoiseClean, una funzione che rivela rumori di sottofondo statici provenienti dall'audio in entrata o in uscita, sopprimendolo e mantenendo la voce dei nostri interlocutori e la nostra più pulite ed udibili. Tutto questo può essere regolato manualmente dall'apposito pannello o anche lasciato gestire automaticamente alle casse e al software.

Avevamo fatto cenno anche a Clear Dialog, attivabile tramite la pressione di del pulsante fisico sulla cassa destra. Si tratta di una tecnologia di elaborazione audio che estrae voci e dialoghi per ottimizzarli e amplificarli in modo "smart". Funzionalità che non tutti utilizzeranno, ma che ci fanno capire il genere di prodotto davanti a cui ci troviamo di fronte. T60 cercano di accontentare una quanto più vasta platea possibile di utilizzatori, cercando di offrire quante più soluzioni di collegamento, funzioni aggiuntive (anche audio) e una resa audio ottima.

Prezzo

Il prezzo di listino delle T60 non è tra i più bassi: 79,99€, direttamente sullo store italiano di Creative. È vero, ci sono tante soluzioni a prezzi più contenuti, anche realizzate dalla stessa Creative (come i Pebble), ma siamo comunque di fronte ad un paio di casse in grado di erogare 15W di potenza per satellite in grado non solo di non farvi sentire la mancanza di un subwoofer, ma anche di offrire qualche asso nella manica davvero niente male.

Foto

Giudizio Finale

Creative T60

Come già detto anche nella recensione, siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla qualità di queste Creative T60. Il prezzo può sembrare alto, ma le T60 sapranno ripagarvi con un'ampia scelta di connettività (anche USB-C e Bluetooth 5.0), con bassi potenti, un volume massimo assordante e con alcune funzionalità davvero niente male. Usandole su PC tramite il cavo USB, si sblocca infatti la possibilità di attivare equalizzatori, miglioramenti audio di vario genere e anche funzioni pensate per le teleconferenze.

Voto finale

Creative T60

Pro

  • Compatte ed eleganti
  • Suono corposo e cristallino
  • Tante soluzioni di connettività

Contro

  • Prezzo
  • Non esattamente plug-and-play

Lorenzo Delli
Lorenzo Delli Cresciuto a "computer & biberon", si è avvicinato al mondo dell'informatica alla tenera età di 5 anni. Si occupa principalmente di news e recensioni legate al mondo del gaming (mobile e non) e dei canali Social per il network SmartWorld.

Commenta