Dyson V15s Detect Submarine, la recensione: il coltellino svizzero della pulizia domestica

Lorenzo Delli
Lorenzo Delli Tech Master
Dyson V15s Detect Submarine, la recensione: il coltellino svizzero della pulizia domestica

Dyson V15s Detect Submarine è l'ultima arrivata nella scuderia delle scope elettriche firmate Dyson. Si tratta di una versione migliorata della V15 Detect uscita già da qualche anno, che non fa altro, si fa per dire, che introdurre un accessorio in grado di trasformarla in lavapavimenti. Attenzione però: non è solo l'accessorio che la rende tale, visto che ci sono anche delle modifiche hardware nel corpo macchina che di fatto rende incompatibile la nuova spazzola Submarine con il vecchio modello. Scopriamo quindi se può valere la pena affidarsi a Dyson anche per lavare i pavimenti, oltre ovviamente che per aspirarli, o se è meglio puntare a un dispositivo dedicato.

PRO

  • Una valanga di accessori inclusi in confezione
  • Spazzola Fluffy Optic fantastica
  • Modalità di aspirazione Auto
  • Potenza di aspirazione assicurata
  • All'occorrenza diventa lavapavimenti
  • Rete assistenza e ricambi

CONTRO

  • Scomodo tenere premuto per aspirare
  • Motore pesante e ingombrante
  • Non tutti si lasceranno convincere dalla spazzola Submarine
  • Spazzole con ruote piccole difficili da pulire
  • Prezzo da vera top di gamma

INDICE

Unboxing Dyson V15s Detect Submarine

Quanta roba! Il nome Submarine e il fatto che Dyson spinga con particolare insistenza sulla presenza della spazzola lavapavimenti non deve farvi pensare che il modello in questione non sia adatto ad aspirare. A tutti gli effetti è come una Dyson V15 Detect, e come tale include in confezione tutti gli accessori visti in passato. Eccoli elencati:

  • Motore v15s
  • Tubo fisso
  • Spazzola Fluffy Optic
  • Spazzola Digital Motorbar
  • Spazzola lavapavimenti Submarine
  • Serbatoio di raccolta per Submarine
  • Mini turbo spazzola anti-groviglio
  • Spazzola Multifunzione
  • Bocchetta a lancia
  • Stazione di ricarica a muro
  • Caricatore

C'è chi, a un prezzo leggermente più alto, propone anche una batteria aggiuntiva e caricabatterie dedicato o, addirittura, la base di svuotamento automatico, ma è difficile lamentarsi o fare confronti visto anche che in questo si sta parlando di un dispositivo in grado di convertirsi a lavapavimenti.

La stazione per riporre e ricaricare la scopa elettrica è da fissare al muro. Nella scatola come sono incluse le viti per farlo. Assemblare poi il tutto e iniziare a pulire è questione di un attimo. Un cenno di merito a come Dyson sia riuscita a ottimizzare la scatola, inserendo letteralmente un sacco di roba in una confezione tutto sommata compatta e priva di plastiche inutili.

Accessori e Versatilità

Come avrete intuito dalla sezione dedicata alla confezione, ci sono un tanti accessori fra cui scegliere. Facciamo quindi un ulteriore elenco per capire in quale contesto usarli:

  • Tubo fisso in metallo: peccato che quello incluso da Dyson non sia telescopico. Il motore non è esattamente compatto, e la scopa, tutta assemblata, per qualcuno potrebbe risultare lunga e più complicata da manovrare.
  • Spazzola Fluffy Optic: è la spazzola multi-superficie (dal gres al parquet) con rullo morbido dotata di laser verde laterale per evidenziare polvere e sporco sul pavimento. Ecco: la spazzola Submarine sarà quella che dà il nome alla scopa, ma per quanto mi riguarda dovreste comprarla anche solo perché trovate questa inclusa nel prezzo. Il modo in cui la luce evidenzia la polvere è incredibile, e la spazzola cattura tutto meravigliosamente (complice anche il motore bello potente). Occhio però: necessita di manutenzione. In quanto spazzola morbida dovete trattarla bene per allungarle la vita.
  • Spazzola Digital Motorbar: sarebbe la spazzola anti-groviglio in versione Dyson. Si chiama Motorbar perché il rullo, internamente, nasconde un motore che fa ruotare il tutto più velocemente. È pensato per tutte le superfici (Dyson indica ad esempio gres, parquet, tappeti, ceramiche, pavimenti in cotto), e l'idea di fondo sarebbe quella di aspirare peli e capelli, oltre alla polvere, facendo sì che il rullo districhi automaticamente tutto.
  • Spazzola lavapavimenti Submarine + serbatorio di raccolta: il pezzo forte della nuova scopa Dyson, un sistema di lavaggio dei pavimenti basato su rullo morbido motorizzato che prende acqua da un piccolo serbatoio interno, per poi veicolare parte dell'acqua sporca in un'altra sezione. Il serbatoio di raccolta serve a depositare la spazzola quando non la si usa.
  • Mini turbo spazzola anti-groviglio: la versione Dyson della mini spazzola motorizzata, un must per pulire letti, divani e altre superfici in tessuto. In combinazione con la potenza di aspirazione del motore della V15s vedrete risultati ottimi in tempo reale.
  • Spazzola Multifunzione: classica spazzolina dotata sia di spazzola che di bocchetta larga, utile per spolverare o per trasformare il Dyson in un (costoso) aspirabriciole.
  • Bocchetta a lancia: classico accessorio per raggiungere le fessure.

In quanto a versatilità è davvero difficile, se non impossibile, battere quanto offerto da V15s Submarine. Lava, aspira, spolvera: cosa manca quindi?  Se proprio vogliamo fare i puntigliosi, il tubo telescopico avrebbe fatto comodo, e in certi casi anche le teste flessibili che altri brand (come banalmente Samsung) includono tornerebbe utile. In teoria ci sono dei pack di accessori aggiuntivi che includono, ad esempio, una sorta di testa flessibile, ma vanno comprati a parte sullo store Dyson.

Tecnologia

Facciamo chiarezza su quanto dicevamo in apertura. La spazzola Submarine non è compatibile con il Dyson v15, e non è nemmeno acquistabile a parte, almeno per ora. Questo perché la scopa elettrica in questione è di fatto un'evoluzione del precedente modello, tant'è che la sigla è v15s. Cosa ha di diverso? Ci sono delle modifiche hardware che permettono al dispositivo di riconoscere l'inserimento della spazzola Submarine, cosa fondamentale per il corretto funzionamento del tutto.

Quando si inserisce la spazzola lavapavimenti, l'energia della batteria non alimenta il motore ciclonico, bensì quello che mette in moto il rullo e il resto del meccanismo nel componente Submarine. Cambia anche quello che vedete sul display frontale, nonché il consumo di batteria (decisamente inferiore). Ecco il perché dell'incompatibilità e della necessità di realizzare un prodotto diverso.

A livello di tecnologia di aspirazione, siamo di fronte a una delle più potenti della categoria, anche se non la più potente. La potenza di aspirazione arriva a ben 240 AW (AirWatt). Meglio di lei fanno modelli come la Samsung BESPOKE Jet AI e la Dyson Gen5detect, che arrivano a ben 280 AW.

Il sistema di filtraggio prevede come di consueto un bel po' di passaggi. La creazione del vortice è realizzata da 14 cicloni, racchiusi nelle classiche forme che identificano i Dyson sin dai tempi degli aspirapolvere a bidoncino. Ci sono poi il filtro a maglie metalliche e un enorme filtro HEPA sul finale anticipato da un'ulteriore sezione in spugna. La GIF seguente mostra il sistema di filtraggio delle scope Dyson.

Sarebbe quello della Gen5detect, ma il funzionamento è praticamente identico nella Submarine.

Dyson Submarine integra un display circolare LCD frontale che mostra modalità di aspirazione selezionata, autonomia residua calcolata in minuti (e non in percentuale, ottima cosa) e anche un grafico in tempo reale che mostra quantità e dimensioni di particelle aspirate. Un qualcosa di praticamente unico nel suo genere, a riconferma della cura nel dettaglio che Dyson imprime nei suoi prodotti. Il grafico classifica le particelle microscopiche in 4 diverse dimensioni: minori di 10 micron (allergeni e polline), minori di 60 micron (particelle microscopiche e residui di pelle), minori di 180 micron (acari della polvere e sabbia fine) e minori di 500 micron (granelli di zucchero, peli e capelli). Il grafico ci dà anche un'indicazione di quanto è pulito il pavimento: inizialmente le barre crescono velocemente, quando rallentano o si arrestano possiamo passare altrove. In caso di bisogno, il display mostra anche informazioni relative alla manutenzione.

Lo schermo è sempre ben visibile, sia per luminosità che posizionamento, anche se la risoluzione non è così alta e i dati del grafico risultano un po' sgranati.

C'è anche un sensore piezoelettrico dedicato al rilevamento dello sporco. In modalità di aspirazione Auto, la v15s Submarine regola da sola la potenza di aspirazione a seconda della quantità di sporco aspirato. Vista la presenza dei grafici in tempo reale c'era da aspettarsi la presenza di un sensore dedicato a questo! Questo influisce positivamente anche sull'autonomia, visto che non si spreca potenza bruta nel caso non serva. Assenti altre caratteristiche smart tipo Wi-Fi o Bluetooth ma sinceramente non se ne sente la mancanza. Potete comunque scaricare l'app MyDyson su Android e iOS per trovare consigli su montaggio, manutenzione e uso del dispositivo.

Aspirazione

Non sarà la più potente della categoria, ma V15s Detect è comunque una bomba in fase di aspirazione.

240 AW di potenza bastano per praticamente tutti gli scenari di utilizzo, e di conseguenza, se vi intrigasse la presenza dell'accessorio per lavare i pavimenti, non dovete desistere solo perché la Gen5Detect o altri modelli sono ancora più potenti (di poco, comunque). E giusto per aprire una parentesi su i pochi scettici rimasti a riguardo delle scope elettriche: Dyson Cinetic Big Ball Absolute 2, uno dei pochi modelli di aspirapolvere a traino rimasto a listino Dyson, ha una potenza di aspirazione al tubo di 150 AW, meno delle moderne scope elettriche.

A rendermi sicuro di quanto vi sto dicendo sulle sue capacità di aspirazione c'è anche la spazzola Fluffy Optic. Solitamente preferisco quelle con rullo anti-groviglio, vista anche la presenza di tre gatti in casa (per non contare il resto della famiglia), ma Fluffy Optic è quella dotata di luce "laser" verde che illumina il pavimento e lo sporco che vi si trova.

E ragazzi, una volta che avete provato una roba del genere è davvero difficile tornare indietro. Sempre più modelli di aspirapolvere senza filo integrano luci LED frontali: tra le migliori si annoverano sicuramente quelle di casa Dreame, che grazie al posizionamento e al colore blu dei LED, evidenziano davvero lo sporco anche più sottile. Il LED verde di Dyson forse è addirittura un gradino sopra, probabilmente per via del suo posizionamento praticamente raso terra e inclinato in modo da illuminare anche le particelle più piccole. La cosa sorprendente è che, anche in modalità auto, basta un passaggio con la spazzola morbida e tutto lo sporco viene via. Non c'è bisogno di seconde passate, e proprio la presenza della luce serve anche a permettere all'utilizzatore di pulire con criterio la stanza, passando dove davvero c'è bisogno.

Con il pulsante fisico presente sulla sezione che ospita anche il display, si possono cambiare modalità di aspirazione.

La prima è potenza minima, quella che vi garantisce maggior autonomia da usare però solo se passate la scopa con molta frequenza; c'è poi Auto, quella che di base abilità una potenza di aspirazione media che però varia nel caso il sensore adibito al rilevamento dello sporco ne rilevi più del previsto; e poi c'è la potenza massima, detta Boost, che esaurisce la batteria nell'arco di 5 minuti. Inutile dirvi che è da usare solo in casi estremi, ed è veramente raro che ci siano casi estremi tali da giustificarne davvero l'uso. Vi troverete insomma a usarlo sempre in Auto, e va bene così, vista anche la presenza di componenti pensati per fare il lavoro al posto vostro. In Auto con la spazzola Fluffy Optic riesco a pulire il mio appartamento (circa un centinaio di metri quadri) con pavimenti in laminato, gres porcellanato e un tappeto in vinile in cucina senza bisogno di variare nulla.

E ci riesco anche in meno tempo di altri modelli proprio per via dell'efficienza della spazzola. Incredibilmente notavo come sul sito Dyson, dove sono pubblicate tutte le recensioni in chiaro (comprese quelle negative), si lamenta che in Auto non si riesce ad aspirare tutto dovendo tornare più volte sui propri passi. Giusto per ribadirlo, i test sono stati condotti in un appartamento con 3 gatti (che spelano, a prescindere dal periodo dell'anno), 2 adulti, una bambina di 2 anni che durante i pasti dà il meglio di sé in quanto a briciole e simili, più nonni e altri parenti. In tutto ciò, in Auto non ho mai avuto problemi, riuscendo con una passata a pulire i pavimenti in praticamente ogni occasione.

Ho usato molto poco la spazzola Digital Motorbar. Funziona bene anche quella, anche se è un po' più rigida nei movimenti (ci torno nella sezione sulla manovrabilità), ma l'assenza della luce si fa sentire.

Se però avete cani, tanti gatti o tanti umani con capelli lunghi in casa, potrebbe fare molto più comodo del previsto. Dyson la consiglia per tutte le superfici, incluse quelle più delicate come i parquet. E, soprattutto, scordatevi di usare la Fluffy Optic sui tappeti: su superfici in tessuto dovete usare questa o al più la mini turbo spazzola.

A proposito della mini turbo spazzola anti-groviglio, come accennato, risulta utilissima per pulire divani, tappeti e, volendo, anche il letto. La polvere che si accumula sulle superfici in tessuto è più di quanto si possa pensare, e basta una passata a serbatoio vuoto per rendersi conto non solo della bontà della mini spazzola, tecnicamente un po' diversa da quelle usate dai concorrenti, e della quantità di sporco aspirato. Buoni, anche se nella media, gli altri accessori.

Lavaggio

La spazzola lavapavimenti Submarine è il fiore all'occhiello della scopa elettrica Dyson, tant'è che contribuisce a dare il nome al prodotto.

Come già accennato, una volta collegata la spazzola al motore la grafica del display cambia mostrando una goccia d'acqua. La batteria va ad alimentare solo il rullo morbido presente nel sistema Submarine, e non c'è più aspirazione. Di conseguenza, il modo in cui il V15s Submarine lava il pavimento è solo tramite rotolamento del rullo bagnato sul pavimento.

Perché sto specificando questa cosa? Perché ciò significa che non va usata come le lavapavimenti tradizionali. I modelli dedicati infatti sfruttano un mix di aspirazione e lavaggio per cercare di condensare entrambe le attività di pulizia in una cosa unica. Con il Submarine è meglio di no. Prima passate la vostra fida Fluffy Optic (o la Digital Motorbar) sul pavimento, e poi, successivamente, collegate il Submarine e passate al lavaggio del pavimento. Non dovete preoccuparvi dell'autonomia: il consumo durante l'uso della spazzola lavapavimenti è praticamente nullo rispetto a quello in aspirazione.

Detto questo, come funziona all'atto pratico? Si sfila la sezione che include spazzola e serbatoio, si riempie quest'ultimo con acqua (anche senza detersivo), si riuniscono i due componenti e si comincia a pulire. La spazzola, essendo motorizzata, scorre benissimo, tanto da riuscire a non farvi faticare neanche un po'. La spazzola gira velocemente, e di conseguenza è quasi inutile sostare in un punto per pulirlo meglio. La quantità d'acqua rilasciata è più che sufficiente, e anzi, è anche maggiore di quella rilasciata da altre lavapavimenti dedicate. Tenetene di conto se avete pavimenti particolarmente sensibili all'umidità (come i laminati). Comunque si asciuga abbastanza velocemente, già ora in inverno, figuriamoci in estate. L'acqua sporca viene veicolata in una sorta di serbatoio scoperto, così come alcuni eventuali detriti raccolti dalla spazzola. Ci sta, dopo un po' che pulite il pavimento, di notare qualche rimasuglio di acqua sporca in terra.

Basta ripassarci sopra con il rullo e proseguire oltre. Occhio però: c'è chi, tra quelli che l'hanno acquistata, che si lamenta molto della cosa. Purtroppo è una cosa che succede anche con le lavapavimenti, e dipende anche da quanto è sporco il pavimento. L'ideale, soprattutto se avete tanti metri quadri, è portare pazienza e svuotare spesso il serbatoio dell'acqua sporca. E dovete anche fare attenzione, perché si rovescia facilmente, non essendo chiuso da nessun coperchio.

La cosa bella però è che, a differenza delle lavapavimenti dotate di grossi serbatoi e sistemi particolari ibridi (che aspirano anche), il Dyson Submarine si inclina praticamente fino a terra permettendovi di lavare con facilità i pavimenti sotto ai letti, ai tavoli e alle sedie. In generale tutta la spazzola, grazie al nodo che la congiunge al tubo, risulta sempre manovrabile e inclinabile in tutte le direzioni. Certo è che la spazzola è abbastanza spessa, e ci saranno comunque dei mobili o dei letti sotto cui non riuscirete a passare.

Il sistema in definitiva è ben congegnato, e a essere sinceri da Dyson me lo aspettavo. Quando lanciano un prodotto di solito lo fanno con cognizione di causa, e Submarine fa esattamente quello che promette. È pur vero che condivide gli stessi problemi dei dispositivi dedicati. C'è infatti da specificare che necessita di un bel po' di manutenzione. Una volta terminato il lavaggio del pavimento, dovrete obbligatoriamente smontare il tutto, svuotare il serbatoio dello sporco, lavare (e in certi casi disinfettare) il tutto e, soprattutto prendervi cura della spazzola. C'è un solo rullo in confezione, ed è bene sciacquarlo con attenzione tutte le volte e lasciarlo asciugare fuori casa prima di usarlo nuovamente. D'estate è più facile, di inverno invece potrebbe volerci molto di più, e con molto di più intendo anche qualche giorno. Un po' di manutenzione la richiede anche la sezione che include il rullo motorizzato, ma dovrete fare attenzione e non metterlo sotto l'acqua corrente.

Nulla di trascendentale, ma se sperate di lavare i pavimenti senza pensieri non è questo il caso. Ma d'altronde anche secchio e mocio non sono così comodi e immediati, no? Inoltre, giusto per ribadirlo, è bene prima aspirare tutta la casa e poi darsi da fare con il Submarine, cosa che con le lavapavimenti, in tanti scenari d'uso, si può benissimo evitare.

Manovrabilità

Apro questa sezione evidenziando quello che secondo me è il più grande difetto di questo prodotto, difetto tra l'altro risolto nel Dyson Gen5detect. Il Submarine di fatto condivide il design e altre funzionalità con il V15 Detect del 2021, e di conseguenza non ci si potevano aspettare le novità viste sulla Gen5. Sto parlando del pulsante di accensione. Nel V15s per aspirare o, banalmente, anche per passare la spazzola Submarine, si deve tenere premuto il grilletto. Quest'ultimo è particolarmente sensibile, quindi non si deve applicare tantissima forza per tenerlo premuto.

Ciò nonostante, non stiamo parlando della scopa elettrica più leggera della sua categoria: solo il corpo motore pesa 2 chili, a cui ci dovete aggiungere il tubo in metallo e la spazzola. Secondo dati tecnici ufficiali, a serbatoio vuoto si arriva a 3,8 kg, e si raggiungono i 4,1 kg a serbatoio pieno. Tenere premuto il pulsante mentre si sposta l'aspirapolvere dopo un po' si fa sentire, che abbiate o meno una corporatura esile. Con il Gen5detect invece si preme il pulsante e si passa il tutto senza dover tener premuto niente, così d'altronde come la maggior parte delle scope elettriche di moderna concezione.

Fortunatamente le spazzola Fluffy Optic e Submarine facilitano in parte il lavoro, visto che scorrono bene sul pavimento abbattendo parte della fatica necessaria a spostare il tutto. Di conseguenza, il V15s Detect di Dyson si manovra quasi meglio di altri modelli, nonostante appunto l'impiccio di dover tener premuto il grilletto.

In tutto questo però considerate anche altri fattori oltre al peso: il corpo motore è bello ingombrante, complice anche un grosso serbatoio da 0,7 litri e il particolare motore Dyson a 14 cicloni, e il tubo non è telescopico. Tutta la scopa assemblata è bella grande, e di conseguenza se avete un fisico esile e non siete troppo alti potreste avere un po' di difficoltà a gestirla. Questo è un problema comune di tutti i modelli un po' più potenti: d'altronde se si vuole maggior potenza di aspirazione bisogna per forza fare i conti con un motore più grande.

Come già accennato, la Digital Motorbar, quella pensata per auto districarsi da peli e capelli, è un pelo più difficile da trascinare sul pavimento. Invece di avere un rullo a diretto contatto con il pavimento, ne ha uno sopraelevato che non aiuta la propulsione. In compenso, sulla parte posteriore, ci sono due ruote che riprendono in parte il design degli aspirapolvere a traino Dyson, più le classiche ruote piccole inferiori.

Occhio anche quando usate gli altri accessori: la mini spazzola si appoggia ai tessuti scaricando buona parte del peso, ma gli altri richiedono un po più di sforzo visto che dovrete sostenere due chili di peso.

Autonomia e serbatoio

Dyson è una delle poche che nelle specifiche tecniche (di questo prodotto nello specifico) indica l'autonomia Boost, ovvero quella alla massima potenza: 5 minuti. Capite perché vi dico che non va usata in modalità Boost? Selezionando il minimo della potenza si raggiungono i 60 minuti di autonomia, mentre in Auto siamo tra i 30 e i 40 minuti. Sono più che sufficienti, perché la capacità di pulizia della V15s Detect è tale da garantirvi che non dovrete ripassare più volte nella stessa zona. Se imparate a ottimizzare il vostro percorso e a sfruttare le potenzialità della scopa, l'autonomia in Auto non vi basta solo per passare l'aspirapolvere, ma anche per collegare la spazzola Submarine e lavare il pavimento.

Quest'ultima, come vi ho già detto, consuma pochissimo, facendo sì che riusciate a svolgere entrambi i compiti con facilità e, soprattutto, con una carica sola. Per riportare la batteria al massimo vi serviranno 3 ore e mezzo di ricarica. Non male, considerato che ci sono modelli che ne richiedono anche 5 di ore.

Certo è che se con una sola carica intendete aspirare tutto il pavimento, spolverare le superfici, aspirare divani, letti e tappeti con la mini spazzola e poi, dulcis in fundo, lavare anche il pavimento, è ovvio che la batteria a bordo non sarà sufficiente per arrivare in fondo a tutte queste attività. Anche qui si tratta di pianificazione: spezzate le vostre attività e dategli un po' di tempo per ricaricare l'autonomia.

Il serbatoio della scopa elettrica è da 0,7 litri. È più grande della media, e vi basterà praticamente sempre per completare una o più sessioni di pulizia.

Svuotarlo è semplice: c'è un meccanismo che apre il classico sportellino, e lo stesso meccanismo si occupa anche di spingere giù una membrana interna per rimuovere eventuali residui. Capelli e peli però tendono un po' ad aggrovigliarsi intorno al filtro metallico, ma in quel caso potete sfilare tutto il bidoncino e rimuovere il tutto a mano.

Manutenzione, materiali e ricambi

Come tutte le scope elettriche, anche Dyson Submarine ha bisogno dei suoi momenti di smontaggio e pulizia. Partiamo dal motore. La sezione che circonda il display può essere ruotata, rimossa e lavata. C'è proprio il simbolino di un rubinetto, a riconferma che può essere lavata di tanto in tanto per ripristinare le performance del filtro. È un filtro a due stadi, che è quello che si occupa di filtrare l'aria in uscita dalla scopa elettrica in modo da non lasciar sfuggire polvere sottile, allergeni e simili. La parte trasparente del serbatoio, come accennato, può essere rimossa, in modo da raggiungere con più facilità il filtro metallico e pulire il tutto con maggiore cura.

Peccato che proprio il filtro metallico non possa essere rimosso. Dovrete accontentarvi di pulire l'esterno e cercare, con qualche colpetto, di far fuoriuscire dal modulo eventuale polvere sottile accumulata.

Tutte le spazzole possono essere smontate e pulite con cura, inclusa la Submarine. Attenzione a cosa lavare e cosa no: con i rulli non avrete problemi, ma alcune sezioni includono elettronica o altre parti sensibili che non devono entrare a contatto con l'acqua. Mi duole dirlo, ma anche Dyson, così come Samsung e altri marchi, continua a usare le ruote piccole sulle sue spazzole. Non c'è un modo semplice per rimuoverle, e se malauguratamente raccolgono più capelli del previsto, pulirle diventerà sempre più difficile. Si notano diverse viti torx a tenere fermo il tutto: si può sempre rischiare e smontare il tutto, ma non tutti saranno disposti a rischiare.

I materiali d'altro canto sono ottimi. Le plastiche sono di alto livello, e il tutto sembra solido, piazzato e privo di apparenti debolezze.

I connettori degli accessori non mostrano mai segno di cedimento o di debolezza. Il tubo è in metallo, e di conseguenza la sua solidità è fuori discussione. Fa forse un po' "impressione" la spazzola Fluffy Optic, piccola, leggera e quasi delicata rispetto al resto del dispositivo o a confronto con la Digital Motorbar, che a confronto sembra quasi un carro armato inarrestabile. Meglio trattarla con cura ed evitare di colpire troppo la zona che ospita il LED. In ogni caso, visto quanto si spende per acquistarla, è bene trattare il tutto con cura. È pur sempre plastica!

E i ricambi? Manco a dirlo, c'è una intera sezione sullo store ufficiale Dyson dedicata esclusivamente alle parti di ricambio originali. Sì, se ne trovano tanti non originali, ma per ovvi motivi non è raccomandabile. Sul negozio online trovate anche batteria e caricatore extra, nel caso aveste bisogno di maggior autonomia (si parla però di 180€ in tutto), filtro HEPA, rulli nuovi, spazzole e quant'altro.

Ci sono anche accessori extra, come l'adattatore up top che vi permette di raggiungere punti in alto con maggior facilità. C'è poi il supporto in italiano e la già citata app. Mettiamola così: i prodotti Dyson si pagano cari, ma incluso nel prezzo c'è anche la presenza sul territorio di ricambi originali, assistenza e servizio clienti.

Prezzo

Il prezzo di listino di Dyson V15s Detect Submarine sul sito ufficiale ammonta a 949€. Alternativamente lo trovate nelle classiche catene di elettronica, magari anche a qualcosina in meno. Non vi consiglio di comprarla su Amazon: non è uno dei canali di vendita di Dyson, e quelli che trovate sono di venditori terzi o addirittura prodotti contraffatti.

Tanto? Si tratta sicuramente di un investimento importante, ma vi portate a casa un prodotto unico nel suo genere. Con un clic si trasforma in qualcosa di quanto più vicino possibile a una lavapavimenti, con il grosso vantaggio che si inclina passando anche sotto letti e tavoli.

E di base avete per le mani un aspirapolvere al top con una valanga di accessori. Sta a voi giudicare quali sono le vostre esigenze e quanto ci tenete alla pulizia.

Recensione Dyson v15s Detect Submarine - Altre foto dal vivo

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

Dyson V15s Detect Submarine

Dyson V15s Detect Submarine è la scelta perfetta per chi vorrebbe una lavapavimenti ma li trova dispositivi troppo limitati. Con questo modello vi troverete per le mani un'ottima scopa elettrica (anche se la Gen5detect è migliore in certi aspetti) che ha la capacità, all'occorrenza, di lavare il pavimento in modo rapido e intuitivo. Qualche difettuccio non manca, come la necessità di tenere premuto il pulsante di aspirazione o le dimensioni e il peso generosi, ma è facile passarci sopra vista la qualità generale del dispositivo. E occhio alla spazzola Fluffy Optic: dopo averla provata sarà difficile tornare indietro! A riguardo della spazzola Submarine, svolge il suo lavoro bene, anche se non ci si può aspettare le stesse performance di dispositivi dedicati. Inoltre richiede un bel po' di manutenzione e di attenzione nell'uso, ma la stessa cosa si può dire di tutte le lavapavimenti. E la verità è che chi non si trova bene con la spazzola Submarine, non si troverebbe bene nemmeno con dispositivi dedicati!

Pro

  • Una valanga di accessori inclusi in confezione
  • Spazzola Fluffy Optic fantastica
  • Modalità di aspirazione Auto
  • Potenza di aspirazione assicurata
  • All'occorrenza diventa lavapavimenti
  • Rete assistenza e ricambi

Contro

  • Scomodo tenere premuto per aspirare
  • Motore pesante e ingombrante
  • Non tutti si lasceranno convincere dalla spazzola Submarine
  • Spazzole con ruote piccole difficili da pulire
  • Prezzo da vera top di gamma

Lorenzo Delli
Lorenzo Delli Cresciuto a "computer & biberon", mi sono avvicinato al mondo dell'informatica e della tecnologia alla tenera età di 5 anni. Mi occupo di news e recensioni legate ai PC (desktop e laptop) e al gaming, ma non disdegno elettrodomestici smart quali scope elettriche e friggitrici ad aria, preferibilmente con Bluetooth e Wi-Fi. Se trovate un meme sui canali social di SmartWorld è probabilmente colpa mia.