Recensione EcoFlow Delta 2: batteria portatile smart

Recensione EcoFlow Delta 2: batteria portatile smart
Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Stanno arrivando anche sul mercato europeo e italiano un numero sempre maggiore di accumulatori portatili e il modo migliore per dargli subito una prima categorizzazione è sicuramente la dimensione e quindi la trasportabilità. Avendo studiato un po' in anticipo le specifiche di questo Delta 2 siamo rimasti stupiti della sua compattezza e sulla sua, tutto sommato, leggerezza. Parliamo di 12 kg.

Il dato va ovviamente messo in rapporto alla sua capacità e alle sue prestazioni. EcoFlow Delta 2 infatti ha una capacità di 1kWh. Già questo è bastato a farci stupire della sua compattezza. Ma se a questo aggiungiamo che all'interno c'è anche un inverter che è capace di generare fino a 1,8kW in uscita con picchi fino a 2,7kW questo stupisce ancora di più. A chiusura aggiungiamo come l'alimentatore necessario a ricaricarlo tramite la classica rete domestica sia integrato all'interno della scocca e che quindi vi basterà utilizzare semplicemente il cavo in dotazione per caricarlo.

La batteria di questo Delta 2 è in tecnologia LFD e la sua durata è garantita per 10 anni.

Si parla poi nella scheda tecnica di una capacità all'80% dopo 3.000 cicli di carica. Un risultato discreto, comunque nella media per la categoria.

Capiamo meglio quali sono però gli ingressi e le uscite disponibili su questo prodotto. in termini di corrente continua abiamo un ingresso diretto a 3A a una porta accendisigari. Sullo stesso lato abbiamo poi quattro prese schuko in corrente alternata. Bene che siano disposte in diagonale. Probabilmente il miglior posizionamento affinché eventuali alimentatori non coprano altre prese. Sul lato opposto abbiamo invece un blocco dedicato alle porte USB. Abbiamo quattro porte USB-A (di cui due a ricarica rapida) e due porte USB-C a 100W. Siamo molto felici di questa abbondanza, visto che in molti casi ci permette di caricare dispositivi come computer o fotocamere ad alta velocità senza passare dall'accensione dell'inverter.

La parte di connessioni USB, quella DC e quella AC hanno tutti un tasto separato, permettendovi di tenerle accese solo all'evenienza.

Delta 2 può essere caricato o tramite rete elettrica oppure tramite il connettore per la ricarica solare o tramite accendisigari fino ad un massimo di 500W. Il cavo per l'accendisigari è incluso mentre non è incluso quello per la ricarica solare. Una delle caratteristiche più interessanti e che questo Delta 2 può funzionare anche come gruppo di continuità, entrando in funzione istantaneamente quando dovesse venire a mancare l'alimentazione.

Estremamente pratico il display presente sul lato delle porte USB. Non è un display touch e possiamo quindi solo leggere i dati a schermo senza altra interazione. Si spegne dopo un minuto ma si può riaccendere con una rapida pressione del tasto di accensione. Le informazioni che fornisce sono: lo stato della carica e la velocità di carica e scarica in tempo reale. Oltre alla percentuale di carica questa informazione viene riportata anche nel formato di tempo residuo. Ovviamente questa informazione sarà verosimile solo se il carico è costante, ma è comunque qualcosa che abbiamo apprezzato molto.

Tutte queste informazioni sono disponibili anche tramite l'applicazione gratuita per smartphone. Non è possibile accenderlo da remoto perché la Wi-Fi si disattiva (ovviamente) allo spegnimento del prodotto. Comodo però il fatto che la connessione sia Wi-Fi e non Bluetooth come si altri prodotti, perché vi permette di di controllarlo anche se non siete in prossimità.

L'applicazione abilita anche alcune funzioni, come il timeout delle varie uscite e la possibilità di limitare la velocità di ricarica massima.

EcoFlow Delta 2 ha un prezzo di 1199€, un prezzo non ovviamente per tutti, ma in linea con il mercato per questa tipologia di prodotto. Controllate il box a seguire per eventuali sconti su Amazon nelle prossime settimane.

Mostra i commenti