Recensione Elgato HD60 X: perfetta per registrare in 4K con PS5 e Xbox Series X

Elgato HD60 X è l'accessorio da avere se siete streamer o youtuber
Recensione Elgato HD60 X: perfetta per registrare in 4K con PS5 e Xbox Series X
Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola

Recensione Elgato HD60 X

Elgato HD60 X è una nuova scheda di acquisizione video esterna per console e PC. Erede della celebre HD60 S+, possiamo considerarla come un successore diretto di questo modello, visto che va ad aggiornare le sue specifiche secondo gli ultimi standard delle moderne console. Proprio per questo motivo, la nuova Elgato HD60 X è perfetta per registrare gameplay o fare streaming da PS5 e Xbox Series X|S: supporta tutte le funzionalità next-gen come 4K ad alto frame rate, VRR, HDR e altro ancora. Abbiamo avuto modo di testarla in anteprima e possiamo rivelarvi tutto su prestazioni, disponibilità e prezzo di listino.

PRO

  • Facile da usare
  • Dimensioni compatte
  • Tante possibilità di registrazione
  • Supporta 4K, HDR 10, VRR
  • Ottimo software

CONTRO

  • Bisogna studiare bene le risoluzioni supportate
  • Costo elevato
  • Possibili problemi di sincronia audio-video

Confezione

La confezione di Elgato HD60 X si presenta bene, come sempre accade per i prodotti Elgato. All'interno della coloratissima scatola di cartone trovate un'altra scatola, che si apre dall'alto e mostra due vani all'interno: in uno trovate la HD60 X (protetta da un foglio di carta) e due piccoli fogli illustrativi, mentre nell'altro ci sono i due cavi, uno HDMI 2.0 e l'altro da USB-C 3.0 a USB-A.

In sostanza, avete lo stretto indispensabile per iniziare a utilizzare sin da subito il prodotto. Vi consigliamo comunque di dotarvi di un altro cavo HDMI e di un cavo audio con jack da 3,5 mm per usare l'uscita HDMI e il connettore audio analogico, ma dipende dalla vostra configurazione.

Caratteristiche Tecniche

  • Input: HDMI 2.0 (non compresso), Audio analogico (jack da 3,5 mm)
  • Output: HDMI 2.0 (lag-free passthrough)
  • Interfaccia: USB-C
  • Passthrough: 2160p60, 1440p120, 1080p240, VRR, HDR 10
  • Registrazione: 2160p30, 1440p60, 1080p60, 1080p30, 1080i, 720p60, 576p, 480p
  • Dimensioni: 112 x 72 x 18 mm
  • Peso: 91 g

Elgato HD60 X è un dispositivo plug-and-play relativamente facile da utilizzare. Basta collegare la sorgente in ingresso (PC o console) nella porta HDMI IN e il cavo USB-C al PC su cui volete registrare, e siete già pronti a usare le funzionalità dell'ecosistema HD60 sullo schermo del PC.

Se volete fare anche il passthrough ad un monitor esterno, basta collegarlo alla porta HDMI OUT. Allo stesso modo, potete sfruttare il connettore audio analogico per collegare le cuffie, utilizzando anche l'accessorio Elgato Chat Link Pro all'occorrenza.

Il design è molto elegante e le dimensioni molto compatte. Tutte le connettività principali (HDMI 2.0 e USB-C 3.0) sono sulla parte posteriore, mentre la parte anteriore rimane molto pulita, con solo il LED multicolore e il jack audio da 3,5 mm.

Requisiti minimi

  • Sistema operativo: Windows 10 (64-bit), macOS 10.13 (o successivi)
  • CPU: Intel Core i5 CPU 6a gen (i5-6xxx) / AMD Ryzen 7 (o successivi)
  • GPU: NVIDIA GeForce GTX 10xx (o successivi)
  • Memoria: 4 GB RAM
  • Connettività: porta USB 3.0
  • Rete: connessione Internet

Elgato HD60 X può funzionare solo collegato ad un PC o un Mac. Come vedete dalla lista qui sopra, serve una macchina non troppo recente ma relativamente potente per sfruttare al meglio le sue caratteristiche. Va bene sia su PC desktop che su notebook, l'importante è che abbiate una GPU dedicata e che il processore sia abbastanza moderno.

Attenzione alla compatibilità HDR, se avete una console che supporta questa tecnologia. La registrazione HDR è disponibile solo su sistemi Windows!

Configurazioni passthrough

Le registrazioni su Elgato HD60 X possono essere fatte a diverse risoluzioni, in particolare in 4K30 HDR, 1440p60 SDR e 1080p60 HDR. Il passthrough invece può essere fino a 4K60 HDR, 1440p120 SDR e 1080p240 SDR. A seguire trovate una tabella che riporta i valori di input e cattura possibili con le risoluzioni compatibili:

  • Input: 4K60 HDR | Cattura: 1080p60 HDR, 1080p60
  • Input: 4K60 | Cattura: 1080p60
  • Input: 1440p120 | Cattura: 1440p60, 1080p60
  • Input: 1440p60 HDR | Cattura: 1080p60 HDR, 1080p60
  • Input: 1440p60 | Cattura: 1440p60, 1080p60
  • Input: 1080p240 | Cattura: 1080p120, 1080p60
  • Input: 1080p120 | Cattura: 1080p120, 1080p60
  • Input: 1080p60 HDR | Cattura: 1080p60 HDR, 1080p60

A tutto questo, va aggiunto un piccolo particolare legato al supporto HDR. HD60 X permette di fare il passthrough in HDR sul monitor, ma di avere un segnale SDR già convertito (tone-mapped) per la registrazione e lo streaming su OBS e Twitch. Una bella comodità sia per voi che per i vostri spettatori.

Elgato HD60 X è la prima scheda di acquisizione di Elgato a supportare il Variable Refresh Rate (VRR), che elimina artefatti e tearing dai video registrati. In particolare, sono supportate le tecnologie HDMI Forum VRR e AMD FreeSync, con un intervallo dinamico tra 48 e 120 fps. Attenzione: questa tecnologia è utilizzabile solo collegando in output un monitor compatibile col VRR e avendo in input PC, PS5, Xbox Series X|S o Xbox One X|S. La funzione non è compatibile con PS4 e Nintendo Switch.

Software

Il vero cuore dell'esperienza di utilizzo di Elgato HD60 X è il software dedicato messo a punto dall'azienda, che si chiama 4K Capture Utility. Si tratta dello stesso programma già in uso da altri accessori Elgato, come ad esempio le chiavette Cam Link.

Attraverso 4K Capture Utility si possono effettuare registrazioni e gestire la propria libreria di clip salvate, ma anche fare screenshot e inviare il segnale video ad altri software, come per esempio quelli di streaming.

Dalle impostazioni del software si aggiorna il firmware di Elgato HD60 X e si controllano tutti i parametri di input e output. Potete anche cambiare percorso per il salvataggio delle clip, scegliere la sorgente per il microfono e regolare la qualità video, intervenendo per migliorare contrasto, saturazione e altri parametri.

Per la cattura video non sono previsti nessun tempo limite, nessun marchio in sovrimpressione, nessun abbonamento cloud o altre cose del genere. Il segnale video è pulito e potete gestirlo come volete, sia per la registrazione che per lo streaming.

Avete a disposizione diversi profili di registrazione, da 720p30 a 2160p60 in file MP4 H.264, con la possibilità di scegliere precisamente il bitrate desiderato fino a 140 Mbps. Su questo parametro dovrete riflettere bene, perché da questo dipende il peso delle vostre clip salvate: per esempio, registrando in 2160p30 (4K a 30 fps) a 30 Mbps i video peseranno circa 13 GB all'ora, mentre con un più prudente 1080p60 (Full HD a 60 fps) a 10 Mbps starete sui 4,5 GB all'ora.

Particolarmente interessante anche la possibilità di attivare la registrazione Flashback: l'intervallo è molto ampio, va da 5 minuti a 4 ore. Il Flashback permette di salvare clip retroattivamente, in modo da non farvi perdere nulla anche quando non avete la registrazione già attiva.

Elgato HD60 X supporta lo streaming diretto – si può impostare come sorgente – su Twitch, YouTube, Facebook Gaming e altre piattaforme, ma può essere usato anche da software di gestione dello streaming come OBS, Streamlabs, Vmix, Zoom e altri. Inoltre, attivando la funzione Stream Link si può passare il segnale da 4K Capture Utility a OBS (o altri software), in modo da avere un'immagine già "filtrata" secondo le vostre necessità.

Piccola curiosità: se avete una Stream Deck, potete assegnare i suoi tasti per controllare le funzionalità di Elgato HD60 X, adattandole come più vi piace. Potete, ad esempio, impostare dei tasti per avviare la registrazione video, per catturare screenshot o altro ancora.

Prestazioni

Elgato HD60 X è un dispositivo che fa poche cose, ma le fa molto bene. L'importante è capire come sfruttarlo al massimo secondo le proprie esigenze. Dovete stare molto attenti alle varie configurazioni possibili tra risoluzione di registrazione e risoluzione massima di passthrough sul monitor.

Durante la nostra prova abbiamo utilizzato HD60 X per registrare sia con Xbox Series X che con un PC di fascia alta. Su entrambe le piattaforme abbiamo ottenuto ottimi risultati, con una qualità video molto alta per le clip salvate.

Il modo più semplice per registrare da console è quello di collegare solo un HDMI in input e giocare direttamente sul monitor collegato al PC, guardando il gioco nella finestra del software 4K Capture Utility. La bassissima latenza tra input e output permette di giocare senza lag e di avere una buona sincronia tra audio e video. Tra le clip registrare abbiamo notato piccoli problemi di lag audio solo con The Matrix Awakens, mentre con tutti gli altri titoli provati non ci sono stati problemi.

Il box della HD60 X è molto piccolo e può essere facilmente poggiato vicino alla console o al PC. Anche durante l'utilizzo prolungato non scalda molto, ma non consigliamo di tenerlo troppo vicino alle fonti di calore, come potrebbe essere la parte posteriore del PC.

Le possibilità offerte dal software 4K Capture Utility sono molto comode. Le registrazioni in 4K a 30 fps sono sicuramente il punto di forza di Elgato HD60 X, perfette per i gameplay da collegare su YouTube. Il formato 1080 a 60 fps è invece perfetto da dare in pasto ad OBS per lo streaming su Twitch.

Trovate a seguire un breve filmato con alcune clip registrate tramite Elgato HD60 X. Al netto della compressione di YouTube, potete apprezzare come la qualità delle immagini di gioco si sia mantenuta molto alta, un risultato molto difficile da ottenere con altri sistemi.

Prezzo

Elgato HD60 X è disponibile da oggi sul sito ufficiale al prezzo di 199,99€ per il mercato europeo. Il suo arrivo va a modificare la gamma di schede esterne per l'acquisizione video di Elgato: da questo momento sono definitivamente messe fuori commercio le precedenti HD60 S e HD60 Pro, mentre rimangono ancora a listino HD60 S+, 4K60 S+ e 4K60 Pro.

L'ecosistema Elgato è molto completo e permette di scegliere con estrema precisione il prodotto più indicato per le proprie necessità. La nuova Elgato HD60 X è una scheda pensata prima di tutto per chi possiede una console next-gen (PS5 e Xbox Series X|S) e vuole sfruttare al massimo le caratteristiche più innovative, come i già citati HDR e VRR. Il costo è elevato, ma se siete utenti che vogliono una grande qualità di registrazione da console, questo è uno dei migliori accessori sul mercato.

Giudizio Finale

Elgato HD60 X

Elgato HD60 X è la scelta migliore per youtuber e streamer next-gen, coloro che vogliono catturare i gameplay su PS5 e Xbox Series X|S in modo facile e veloce, senza perdere in qualità. Un accessorio piccolo ed elegante, che fa bella figura sulla scrivania. I video registrati sono di ottima qualità e il software 4K Capture Utility permette di adattarli a qualsiasi esigenza. Il prezzo è forse l'unico ostacolo che potrebbe bloccarvi prima dell'acquisto, ma se sapete che lo utilizzereste molto non avete alcuna scusa: è un investimento da fare.

Voto finale

Elgato HD60 X

Pro

  • Facile da usare
  • Dimensioni compatte
  • Tante possibilità di registrazione
  • Supporta 4K, HDR 10, VRR
  • Ottimo software

Contro

  • Bisogna studiare bene le risoluzioni supportate
  • Costo elevato
  • Possibili problemi di sincronia audio-video

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola Nato in un posto che sicuramente non conoscerete, romano d'adozione, affascinato da qualsiasi cosa abbia tasti, schermi o lucine colorate.
Mostra i commenti