9.1

Recensione GoPro HERO 9: molto più di una action cam (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione GoPro HERO 9

GoPro continua a rinnovare ed innovare le sue action cam anno dopo anno, ed oggi siamo arrivati al punto in cui la nuova HERO 9 è assurta a qualcosa di più. Si tratta infatti di un dispositivo perfetto per i vlog, e per riprese stabili in movimento, al pari se non addirittura meglio di un gimbal, grazie alla sua immediatezza e semplicità d’uso. E grazie ai nuovi automatismi, dovrete lavorare sempre meno in post-produzione e potrete riprendere con semplicità tutto quello che volete, all’orario che volete (sì, anche mentre state dormendo). E laddove non arrivasse la HERO 9 da sola, ci pensano “i mod” ad estenderne le capacità. Siamo dunque di fronte alla videocamera definitiva? Quasi.

LEGGI ANCHE: LE MIGLIORI ACTION CAM

9.0

Costruzione

HERO 9 è una HERO 8 ingrandita, più o meno. Quest’anno cambiano infatti le dimensioni, e di conseguenza il peso, che crescono un po’ rispetto al passato. Il motivo? Lo schermo frontale è finalmente un LCD a colori, che vi consente di vedervi inquadrati durante un vlog, e per l’occasione è stato portato a 1,4”, e la batteria ha 500 mAh in più, che non fanno mai male. Per queste due cose, c’era bisogno di spazio, c’è poco da fare.

Il rovescio della medaglia è che tutti mod lanciati per la HERO 8 non sono compatibili con il nuovo modello proprio per problemi dimensionali: non si possono cioè agganciare alla HERO 9 perché quest’ultima si è ingrandita, e pertanto andranno riacquistati, se ne aveste bisogno. Peccato, perché si tratta di accessori che comunque hanno un loro prezzo, e che quindi terranno più facilmente legati alla HERO 8 chi li avesse comprati.

Altra differenza importante: il copri-obiettivo è removibile. Esiste infatti una nuova mod, che arriverà il prossimo mese, che permetterà di estendere ulteriormente le capacità già notevoli della HERO 9.

Tutto il resto è invariato: impermeabilità fino a 10 metri, alette inferiori retrattili per collegarle agli appositi accessori ed i soliti pulsanti della precedente GoPro. Anzi no, c’è un’altra novità importante: lo schermo principale è cresciuto a sua volta in dimensioni, fino a raggiungere i 2,27”, ed è quindi più leggibile e utile che mai.

9.5

Hardware & software

GoPro HERO 9 alza ulteriormente l’asticella rispetto al passato, portando per la prima volta la registrazione video in 5K e le foto a 20 megapixel (il sensore è da 23,6 megapixel). È inoltre possibile, tramite l’app GoPro, estrarre dei fermo immagine dai video, che nel caso del 5K sono foto da 14,7 megapixel, quindi ad elevata risoluzione, ideali per cogliere quell’attimo che magari avreste perso altrimenti. Le altre modalità video sono esattamente le stesse del passato.

  • 5K@30fps FOV ampio
  • 4K@60fps FOV ampio, 4K@30/24fps FOV Superview
  • 2,7K@120fps FOV ampio, 2,7K@60/30/24fps FOV SuperView
  • 1080p@240fps FOV ampio, 1080p@120/60/30/24fps FOV SuperView

Rimane la possibilità di impostare un bitrate fino a 100Mbps (solo da 2,7K in poi), mentre migliorano tutti gli “extra”. La stabilizzazione HyperSmooth giunge alla versione 3.0, con risultati davvero straordinari (date un’occhiata al sample qui sotto ed alla video recensione per saggiarne la bontà). L’unica cosa che mette più in crisi la stabilizzazione di GoPro sono i movimenti rapidi dal basso verso l’alto (o viceversa): immaginate di scendere a scatti degli scalini, accentuando i vostri movimenti, e nel filmato finale avrete qualche traballio in più. Del resto le sollecitazioni troppo secche si compensano male, anche con un OIS.

A questo si aggiunge però l’allineamento con l’orizzonte, che in passato era disponibile nell’app GoPro, mentre adesso viene eseguito al volo, direttamente dalla action cam stessa, e con ottimi risultati. Inclinando la GoPro fino a circa 45°, l’orizzonte continuerà ad essere livellato, rendendo la stabilizzazione complessiva dei filmati davvero eccezionale. Il bello di questa nuova GoPro infatti è che vi risparmia tanto tempo in post-produzione, con funzioni come questa, ma non solo. Tutto ciò va a discapito del campo visivo però: all’allineamento con l’orizzonte è infatti disponibile solo con il FOV lineare, ben più ristretto del SuperView, per ovvie ragioni.

Un altro automatismo importante è il TimeWarp 3.0. Cosa c’è di diverso? Il fatto che i time warp adesso possono essere rallentati fino a velocità normale, registrando al contempo anche l’audio, e poi accelerati nuovamente; quante volte volete. In questo modo diventa semplicissimo, e senza necessità di alcun ritocco in post elaborazione, realizzare dei vlog accelerati durante gli spostamenti, e poi parlati nel momento che vi interessa.

Abbiamo poi l’acquisizione programmata, che vi consente di impostare un’orario al quale la GoPro inizierà a registrare (vale per foto, video, timewarp: per tutto insomma), e c’è anche, per i filmati, la possibilità di preimpostare una durata di registrazione. Potrete ad esempio impostare la GoPro in modo che riprenda l’alba e poi si fermi dopo averla ripresa, o per far sì che catturi il movimento notturno del firmamento, ma si spenga prima del sorgere del sole. La fantasia è l’unico limite qui.

E per concludere le novità, abbiamo HindSight che se attivato registra automaticamente i 15 o 30 secondi (a scelta dell’utente) precedenti alla pressione del tasto di registrazione. A cosa serve? Ad esempio state provando a fare un canestro difficilissimo, e non volete registrare un lungo filmato di fallimenti, ma solo il momento in cui farete centro. Vi basta quindi attivare HindSight, lanciare la palla finché non sarete soddisfatti, e premere subito dopo il pulsante di registrazione per salvare gli istanti precedenti, per testimoniare il vostro successo. È una sorta di registrazione in loop infinito, ma breve, che però non viene salvata a meno che non lo decidiate voi.

Per uno spaccato di tutte le differenze con HERO 8, 7 e MAX, potete consultare le tabelle seguenti.

9.5

Esperienza d'uso

Era tanto che non ero così emozionato all’idea di provare una action cam; probabilmente perché HERO 9 non è una action cam, non solo almeno. Con questo modello GoPro compie infatti il passo decisivo verso un dispositivo a 360° (non in senso letterale), che accontenti lo sportivo, il videomaker ed anche il fotografo (in parte).

Lo schermo frontale è perfetto per i vlog, anche perché i video che verranno fuori sono così stabili che sembrerà abbiate un cameraman davanti a voi. Il TimeWarp 3.0 vi farà risparmiare un sacco di tempo nel montaggio finale, consentendovi di parlare o comunque registrare l’audio nel bel mezzo del video accelerato, con la semplice pressione di un tasto. E tutte le opzioni di temporizzazione poi vi permetteranno di usare la HERO 9 quando volete, risparmiando tempo e fatica nella cattura ad orari “impossibili”.

E poi c’è il 5K, che produce video ancora migliori del passato, per quanto per ora limitati a 30 fps. A questo proposito, segnaliamo però che durante le riprese in 5K il playback sul display frontale non è fluido. Probabilmente la GoPro non riesce a gestire registrazione video in 5K e playback su due schermi, e pertanto il framerate di quello frontale viene abbassato (a occhio intorno ai 20 fps, forse anche qualcosa meno). Non è un dramma, dato che lo schermetto davanti serve più per creare l’inquadratura che per essere guardato durante la registrazione, e magari questo problema potrà essere anche corretto da un futuro aggiornamento, ma è giusto saperlo.

Del resto è ovvio che registrare in 5K metta a dura prova l’hardware, che infatti scalda molto, al punto che alcune volte la GoPro si è spenta per eccessivo surriscaldamento (oltre i 50° gradi superficiali in alcuni punti della action cam, quindi pensate a quanto doveva essere calda dentro, dato che è fatta di materiali che conducono poco il calore) dopo oltre mezz’ora di ripresa video statica. Questo invece può essere un problema più concreto, ereditato per altro dal precedente modello. Abbiamo posto infatti HERO 8 e 9 fianco a fianco, e le abbiamo lasciate a registrare un video in 4K@60fps per saggiare la differenza di autonomia. Dopo nemmeno cinquanta minuti, entrambe si sono spente perché troppo calde. È vero che si tratta di un test con pochi riscontri reali (lo scopo era infatti saggiare l’autonomia, non altro), e che se registrerete filmati così lunghi probabilmente sarete in movimento (auto, moto o altro) e quindi con una migliore aerazione che non tenendole ferme sulla scrivania, ma vi dà comunque un’idea di quello che è un limite della registrazione in alta risoluzione, in un corpo così compatto.

Inoltre, sappiate che potete usare facilmente la vostra HERO 9 come webcam in full HD (con FOV fino a 132°), semplicemente collegandola al PC e scaricando l’app desktop apposita.

Sul fronte della qualità video, al netto della maggiore risoluzione, non abbiamo notato particolari passi avanti degni di nota rispetto al precedente modello. Ci sono vari controlli “pro” disponibili direttamente sulla action cam, che aiuteranno i più esperti ad affinare meglio le proprie riprese, ed in generale, per quanto riguarda i video, la HERO 9 rimane al vertice della categoria, pur non essendo sempre impeccabile, soprattutto quando cala la luce. Anche in diurna, su superfici piuttosto uniformi, potrete notare una certa tendenza all’acquerello, e l’intervallo dinamico mostra i suoi limiti proprio di giorno.

Il vero “punto debole” restano però le foto. L’aumento di risoluzione a 20 megapixel aiuta un po’ nei dettagli, ma a volte il risultato è ancora più rumoroso ed impastato di quanto vorremmo. Gli smartphone top di gamma fanno insomma meglio, già da tempo. La principale critica che faccio alle foto di HERO 9 è che non sempre sono predicibili. A volte, anche in condizioni non proibitive, gli scatti un po’ deludono, per non parlare di quando cala la luce (vedi immagini 5-6 in galleria). Ed anche le Super Foto, che a fronte di un po’ di tempo di elaborazione dovrebbero produrre risultati ottimali, non sempre riescono a tirare fuori quella gamma dinamica alla quale ormai anche gli smartphone ci hanno abituato (vedi ultima foto in galleria).

Come già dissi lo scorso anno, per un vero salto ci vorrà probabilmente un nuovo processore, che ormai GoPro si porta dietro negli ultimi 3 modelli. Non che sia malvagio, ma ormai abbiamo imparato a conoscerne i limiti, e forse proprio gli algoritmi ormai così raffinati degli smartphone hanno contribuito ad evidenziarli più del dovuto.

In tutto questo non ho accennato all’app per smartphone (Android ed iOS) per due soli motivi: 1) è sempre meno fondamentale, fate praticamente tutto dalla action cam (ma è ovviamente utile quantomeno per condividere al volo contenuti) 2) non ci sono sostanziali novità rispetto al passato, se non un piccolo ritocco grafico.

7.5

Autonomia

Come già accennato, la batteria della HERO 9 è più grande di quella della HERO 8, arrivando a 1.720 mAh. Abbiamo circa il 30% in più, a parità di modalità di registrazione, rispetto al modello precedente. Non sono pochi, ma vengono un po’ a scapito di dimensioni e peso, come già osservato. Inoltre la HERO 9 vi offre l’opportunità di scaricarla più velocemente: parliamo del secondo display frontale, o della registrazione in 5K, tutti elementi assenti nel precedente modello, e che, a seconda dell’utilizzo, hanno il loro impatto sull’autonomia. Occhio però al surriscaldamento, nel caso di registrazioni lunghe.

7.0

Prezzo

Con i suoi 479€ al lancio, HERO 9 è di 50 euro più cara di HERO 8 (che nel frattempo è scesa fino a 349€ su Amazon). Quest’ultima è quindi consigliata per chi voglia “solo” una action cam e pensi di usarla di quando in quando, principalmente per attività sportiva. Se invece voleste un dispositivo più a tutto tondo e da utilizzare con una certa regolarità, HERO 9 ha senz’altro degli ottimi assi nella manica, e l’investimento potrebbe valere, magari approfittando dello sconto per chi si abboni al servizio cloud di GoPro.

Piccolo bonus: la confezione di HERO 9 è una custodia, come quella che vedete qui sotto. Al suo interno non ci saranno però tutti gli accessori ritratti nelle foto, ma solo la action cam, un cavetto USB-C ed un adattatore per agganciare la action cam agli accessori. Inoltre c’è un’ottima offerta lancio, sul sito ufficiale GoPro, che vi offre la HERO 9 a 379€ con un anno di abbonamento al cloud dell’azienda incluso (attenzione però ai termini e condizioni, che sono molto “pro GoPro”).

Immagini GoPro HERO 9

Giudizio Finale

GoPro HERO 9

9.1

GoPro HERO 9

HERO 9 è la action cam per tutti. Dallo sportivo al turista, dal videoamatore al professionista, l'ultima arrivata in casa GoPro soddisfa così tante esigenze diverse che è incredibile quante cose sappia fare in un corpo tanto compatto (che infatti questa volta è un po' cresciuto). Dai video in 5K allo schermo frontale finalmente a colori, dal TimeWarp "rallentabile" alla possibilità di programmare la registrazione, per non parlare del fatto che HERO 9 può riprendere anche quando... non sta riprendendo. C'è tanto da amare nella nuova GoPro, che purtroppo rincara un po' rispetto al passato, e non riesce ancora a convincerci completamente nelle foto. Per tutto il resto, è un vero piacere.

di Nicola Ligas
Pro
  • 5K
  • Tante funzioni automatizzate che salvano tempo
  • Più autonomia
  • Schermo frontale finalmente utile (e a colori)
Contro
  • Scalda con l'uso intenso
  • Prezzo aumentato
  • Foto non all'altezza dei video
  • Dimensioni e peso cresciuti (e addio compatibilità con i vecchi mod)

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.

  • Pirullo

    è possibile fare editing basilare direttamente dalla cam o tramite l’app sul telefono?

  • Tiwi

    che dire, recensione più completa di questa penso non ci sia 😀
    camera ottima, con qualche difetto, ottimi consigli per la scelta di 8 o 9