Recensione Logitech MX Master 3s: il silenzio è d'oro

Nicola Ligas
Nicola Ligas

MX Master 3s a prima vista è identico al precedente modello: ed in effetti lo è! Ma se è vero che l'abito non fa il monaco, è meglio non giudicare questo libro dalla sua copertina. Ed ora che i luoghi comuni sono finiti, vediamo concretamente quali sono le novità dell'ultimo mouse profesionale di Logitech, lanciato assieme alla tastiera MX Mechanical, che abbiamo recensito a parte.

PRO

  • Silenzio incredibile
  • Precisione raddoppiata
  • MagSpeed Electromagnetic eccezionale
  • Sempre comodissimo

CONTRO

  • L'assenza di "clic" può non piacere a tutti
  • Non per mancini
  • Prezzo

Confezione

Nessuna sorpresa dalla confezione di MX Master 3s, che comunque è stata rivista (in favore dell'ambiente) rispetto al precedente modello. Mouse, dongle Logi Bolt, cavo USB-C/USB-A e manualistica. 

Anche stavolta nessuna custodia da viaggio né strumenti di pulizia, dei quali prima o poi avrete bisogno perché usandolo ogni giorno col tempo si sporca inevitabilmente.

Esperienza d'uso e software

MX Master 3S rasenta la perfezione. Non c'era molto da migliorare rispetto ad MX Master 3, che uso personalmente con estrema soddisfazione da anni, ma Logitech ci è comunque riuscita.

La prima cosa che noterete, inevitabilmente, è la silenziosità. Rispetto al precedente modello, i clic con MX Master 3S sono del 90% più silenziosi, e quando li mettete fianco a fianco la differenza è in effetti impressionante.

Per chi lavori in ufficio con altre persone, o comunque in luoghi dove il silenzio è d'oro, si tratta di una novità importantissima; non è detto però che piaccia a tutti. Il sonoro "clic" alla pressione dei tasti fa parte dell'esperienza d'uso praticamente di qualsiasi mouse, ed il pubblico ci si è abituato. A parte questo poi, se n'è andato anche un po' del feedback aptico alla pressione dei tasti, che ora risultano come ovattati.

Altro grande miglioramento, più "invisibile" ma graditissimo, soprattutto con i monitor a più alta risoluzione, è la precisione del sensore, che passa da 4.000 ad 8.000 DPI, un valore finora appannaggio praticamente dei soli mouse gaming. La sensibilità può poi essere ulteriormente affinata via software, ed il tracciamento funziona su qualsiasi superficie, vetro incluso. Lo abbiamo messo alla prova anche con un tavolo bianco a losanghe, sul quale i precedenti mouse a volte perdevano qualche colpo, ed MX Master 3S è stato invece impeccabile.

A proposito di software, con l'uscita di MX Master 3S è uscito dalla beta anche Logi Options+, il nuovo gestionale in test da mesi, che è ormai una suite ultra completa (sono oltre 700 MB) e più moderna della precedente versione.

Oltre a personalizzare scrolling e pulsanti del mouse, potrete assegnare impostazioni specifiche ad applicazioni diverse, in modo che MX Master 3S si comporti come voi volete con gli applicativi che usate più spesso, qualunque essi siano. E di tasti da personalizzare ce ne sono eccome: clic destro, sinistro, centrale, pulsante sul dorso, due tasti laterali, la seconda rotellina ed infine il pulsante del pollice.

Sempre impeccabile poi la rotellina MagSpeed Electromagnetic, dove la seconda parte del nome è quella che conta. Molti mouse Logitech vantano infatti il MagSpeed, cioè la variazione di velocità di scrolling basata sull'effettiva velocità con cui farete scorrere la rotellina, ma solo nei mouse MX questo meccanismo dà davvero il meglio di sé. Sulla punta dell'indice sentirete ogni singolo clic scorrendo lentamente la rotellina, che di colpo diventerà velocissima dandole un colpo più deciso (1.000 linee al secondo, al pari con il precedente modello). Davvero non abbiamo mai provato rotellina migliore di questa, e per chi la usi molto ogni giorno la differenza rispetto a mouse che ne siano privi diventa quasi fastidiosa (per questi ultimi).

Tra le altre cose che non cambiano abbiamo il Bluetooth Multipoint fino a 3 dispositivi (supportati tutti gli OS fissi e mobili) ed il dongle Logi Bolt (USB-A) per chi voglia una connessione ancora più affidabile. Ciò permette anche di usare Logitech Flow, l'esclusiva funzione (lanciata nell'ormai lontano 2017) che vi permette di passare da un PC all'altro (con installato Logi Options+), semplicemente facendo scorrere il puntatore del mouse oltre il bordo dello schermo.

A proposito di sistemi opertivi, non ci risulta una versione di MX Master 3S per Mac, alla stregua di quanto fatto per il precedente modello. L'ultimo arrivato è insomma universale.

Riguardo la comodità poi nulla da dire: MX Master 3S è un divano per la mano, che si appoggia comodamente su tutta la sua superficie, pollice incluso, avendo sempre a portata di dito tutti i comandi presenti. Purtroppo, ancora una volta, non c'è una versione per mancini, ed è un peccato che Logitech conceda questo lusso solo ai modelli di fascia più bassa, verticali o meno. Probabilmente il costo per reingegnerizzare il tutto (e quindi del prodotto stesso) supera le previsioni di vendita, ma rimane comunque un rammarico che una fetta di pubblico non possa goderne come vorrebbe.

Anche l'autonomia non dovrebbe essere cambiata: 2 mesi circa con singola carica, ricaricabile tramite USB-C, mentre invece sono cambiati un po' i materiali, con un maggiore impiego di PCR, che però nulla toglie rispetto al precedente mouse.

Per quanto riguarda infine i colori, abbiamo il classico "pale gray" Logitech, ed il nuovo color graphite, che è molto più bianco rispetto al precedente modelo, e che potete ammirare nella galleria qui sotto.

Prezzo

MX Master 3S ha un prezzo di lancio di 129€, contro i 114,99€ del precedente mouse. Quest'ultimo poi si trova su Amazon a meno di 80 euro, e capirete che con 50 euro di differenza risulta difficile consigliare a prescindere l'ultimo arrivato, a meno che silenziosità e maggiore precisione non siano esatttamente ciò che stavate cercando.

Diamo comunque tempo al tempo, che come testimonia MX Master 3 "è amico" del cliente, e tra qualche mese questo MX Master 3S diventerà senz'altro più appetibile.

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

Logitech MX Master 3

Logitech MX Master 3s si appoggia su basi solidissime, e le migliora laddove può: maggiore silenzio e precisione del sensore raddoppiata, uniti alla rotellina MagSpeed Electromagnetic che una volta provata dà assuefazione. In più abbiamo un nuovo gestionale ad accompagnarne il lancio, che permette la solita personalizzazione "estrema" cui Logitech ci ha abituato. Ci sono insomma ben poche ragioni per non amarlo, a parte forse il prezzo di lancio che non può (ancora) competere con il precedente modello.

Sommario

Confezione 7.5

Esperienza d'uso e software 9.5

Prezzo 7

Voto finale

Logitech MX Master 3

Pro

  • Silenzio incredibile
  • Precisione raddoppiata
  • MagSpeed Electromagnetic eccezionale
  • Sempre comodissimo

Contro

  • L'assenza di "clic" può non piacere a tutti
  • Non per mancini
  • Prezzo

Nicola Ligas
Nicola Ligas Nicola è caporedattore su SmartWorld.it, e per questo motivo è odiato da tutti. I colleghi. Gli piace credere che il suo lavoro semplifichi la vita agli altri, in qualche modo. Ma non ai colleghi. Nel tempo libero cerca di complicare la sua vita, con nuovi progetti che non ha mai tempo di realizzare. Per fortuna. Dei colleghi.
Mostra i commenti