Recensione Majority Bard: il sistema audio compatto, ma imperfetto

Giorgio Palmieri
Giorgio Palmieri
Recensione Majority Bard: il sistema audio compatto, ma imperfetto

Credo sia ovvio che Majority abbia a cuore i sistemi audio, considerando la mole di prodotti che produce a cadenza regolare. Dopo il potente Majority Quadriga, infatti, l'azienda di Cambridge sperimenta ancora una volta mettendo sul mercato un altoparlante più piccolo, più compatto, ma sempre potente e sempre con tutte le funzionalità dei precedenti modelli, tranne una tra le più apprezzate: il lettore CD. Ecco la nostra recensione di Majority Bard.

PRO

  • Compatto e ben costruito
  • Potente, nonostante il formato ridotto
  • Elegante nel bianco
  • Tutta la versatilità di Majority...

CONTRO

  • ... ma il software non ha novità
  • Lettore CD assente
  • Qualità audio solo discreta
  • Prezzo di lancio alto

Confezione

La confezione di Majority Bard include cassa, alimentatore, manuale di istruzioni, telecomando, due pile AAA e anche un cavo AUX, spesso assente nei modelli precedenti.

Costruzione

  • Dimensioni: 23,5 x 12,9 x 13,5 cm
  • Peso: 2,1 kg
  • Potenza: 100 W
  • Connettività: Bluetooth, USB, AUX, jack da 3,5 mm

Majority Bard è l'unità più piccola tra i sistemi audio prodotti dall'azienda. Il design si avvicina all'Homerton 2, sebbene l'estetica sia indubbiamente più minimale, con una qualità costruttiva di alto livello, alla stregua degli altri modelli.

È possibile scegliere tra due colorazioni, cioè nera e bianca, con quest'ultima che risulta la più particolare tra le due. Vanta una parte frontale lucida, le cui scritte in nero, seppur piccole, risultano ben leggibili. Lo schermo da 2,4'', a risoluzione 320 x 320, è effettivamente molto piccolo. Avrei preferito fosse più grande o quantomeno quanto quello presente in Quadriga, da 2,8''.

Menzionavo l'Homerton 2 per un motivo: i driver non sono frontali come nel Quadriga, ma ce n'è uno sulla parte superiore "top firing" e due laterali, in maniera tale da fornire un flusso stereo 2.1, a differenza del già citato Homerton 2, che gode di una sola unità superiore, ma ben più grande del Bard.

Tutti i pulsantini per la navigazione tra i menù (compresa la manopola) e il controllo musicale sono distribuiti sulla parte frontale, mentre il pulsante d'accensione, l'ingresso USB, l'AUX e il jack per le cuffie sono sul retro, il che è da tenere in considerazione. Presente poi l'antenna allungabile per la radio, utile a migliorare il segnale, come in ogni sistema audio Majority. Assente invece l'ingresso ottico, così come il lettore CD.

Funzionalità

Majority Bard sfoggia il medesimo sistema operativo che anima i sistemi audio dell'azienda senza particolari differenze degne di nota. Non aspettatevi dunque miglioramenti nell'interfaccia, perché è la medesima vista dai tempi di Humboldt.

La configurazione avviene sempre in modo automatico, eventualmente con Wi-Fi tramite WPS, con le istruzioni descritte sul piccolo schermo LCD frontale. La navigazione è effettuata tramite manopole, dall'uso un pelino macchinoso, o utilizzando il ben più comodo telecomando, che, nella versione bianca, trovate in pendant con l'unità.

Per il resto, le funzionalità sono le stesse dei precedenti modelli, a parte il lettore CD, che, come già menzionato più volte, è del tutto assente.

Si può ascoltare musica principalmente tramite Bluetooth e Spotify Connect, cioè l'opzione del servizio di streaming che si appoggia su un altro dispositivo, come PC o mobile. In entrambi i casi, il funzionamento è impeccabile: sarebbe stato il contrario, vista ormai l'esperienza accumulata da Majority e la somiglianza dei vari esponenti. 

La radio riceve le trasmissioni sempre in tre modi: anzitutto tramite FM e DAB+, con tanto di antenna estensibile per agevolare la sintonizzazione automatica delle stazioni. Altrimenti potete sempre appoggiarvi alla radio via Internet, nelle esatte modalità dei predecessori. Vi è poi un angolo che ricerca tutti i podcast italiani ed internazionali e ve li mette in lista, pronti per essere ascoltati, con possibilità di inserirli tra i preferiti.

Non ci sono gli ingressi ottici e RCA, ma potrete ascoltare musica tramite chiavetta USB o cavetto AUX, che, come accennato in cima, è miracolosamente incluso nel pacchetto.

Sono sempre presenti sveglia e orologio, che si attiva a schermo quando la cassa è inattiva, ma non è possibile selezionare tra un orologio digitale e uno analogico quando il dispositivo è in stand-by come su Humboldt: l'unica scelta disponibile è quella di un orologio digitale un po' asettico.

Scendendo invece più nel dettaglio nell'audio, come detto, Majority Bard dispone di tre unità driver, una superiore top firing e due laterali, per una potenza complessiva di 100 W. Le dimensioni compatte, però, sacrificano la distribuzione del suono.

Il tutto va certamente commisurato, appunto, alla sua compattezza, studiata per ambienti e spazi ridotti, ma mi sarei aspettato un suono più pulito e meno impastato, con bassi, medi e alti abbastanza piatti in termini di pulizia. 

Si può comunque intervenire sul bilanciamento dell'audio tramite varie opzioni, dall'equalizzazione, alla potenza di bassi e alti: vale la pena agire in tal senso in base al contenuto audio consumato per migliorare l'esperienza di suono, più che mai in questo Bard.

Nota a margine: continua a mancare la compatibilità con Google Assistant o Alexa. Insomma, nel caso non vi fosse capito, il software non presenta passi in avanti.

Prezzo

Majority Bard è disponibile su Amazon Italia al prezzo di circa 155€ per il momento solo nella colorazione bianca: una cifra un po' alta, se si considera che alla medesima cifra è disponibile Majority Humboldt, il quale vanta una migliore qualità audio, oltre al lettore CD, in un formato però più grande.

Majority Bard - Foto

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un'affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato. Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

Giudizio Finale

Majority Bard

Majority Bard è il dispositivo più "pragmatico" della linea di sistemi audio prodotta dall'azienda di Cambridge. Più piccolo e compatto, riesce comunque a fornire una discreta potenza audio grazie al flusso stereo 2.1, sebbene non sia delle più pulite in assoluto. Il software rimane quello di sempre, funzionale ma carente di novità. Se non siete interessati al lettore CD, ma tutto il resto del pacchetto è di vostro gradimento, questo è il modello da considerare, ma prima vale la pena attendere uno sconto.

Voto finale

Majority Bard

Pro

  • Compatto e ben costruito
  • Potente, nonostante il formato ridotto
  • Elegante nel bianco
  • Tutta la versatilità di Majority...

Contro

  • ... ma il software non ha novità
  • Lettore CD assente
  • Qualità audio solo discreta
  • Prezzo di lancio alto

Giorgio Palmieri
Giorgio Palmieri Da oltre 10 anni scrive sulle pagine del network di SmartWorld. Adora la tecnologia come Winnie The Pooh con il miele. Ama scrivere di videogiochi e si occupa di info-commerce, ed è anche particolarmente bello. Almeno, così dice sua madre.

Su WhatsApp le breaking news tech!
Solo il meglio della tecnologia
Seguici