Recensione MSI DS502, Vigor GK60, Clutch GM50 e Agility GD70 – Un Kit Gaming niente male! (foto)

Lorenzo Delli




Recensione MSI DS502, Vigor GK60, Clutch GM50 e Agility GD70

Grazie a MSI abbiamo avuto l’opportunità di provare con mano un kit gaming praticamente completo, composto dalla tastiera meccanica Vigor GK60, dal mouse gaming Clutch GM50, dal gaming mousepad Agility GD70 e dalle cuffie a padiglione DS502. Ecco le nostre impressioni a riguardo!

Recensione kit gaming MSI

8.5

MSI DS502

Di cuffie gaming ne abbiamo provate un bel po’ ma nella fascia di prezzo in cui si collocano queste DS502 è difficile trovare di meglio. Va intanto specificato che si tratta di cuffie USB 2.0 che funzionano solo ed esclusivamente su PC. Superato questo “scoglio”, le DS502 si presentano come cuffie a padiglione classiche illuminate da vistosi LED rossi. Si abbinano perfettamente alla tastiera Vigor GK60 quindi, che si illumina solo di rosso (maggiori dettagli nel paragrafo dedicato). I LED sono protetti dietro delle gabbiette metalliche che donano al modello un look particolarmente aggressivo. Ritroviamo un altro LED rosso anche sul microfono omnidirezionale. Quest’ultimo può essere portato verso l’alto grazie ad un meccanismo a scorrimento.

A differenza di classiche cuffie a padiglione, il modello realizzato da MSI non presenta un archetto regolabile. A regolarsi autonomamente è la fascia che si colloca sopra la testa. Tramite una serie di cavetti metallici si adatta alla forma della vostra testa allargandosi quanto basta, senza bisogno quindi di regolare archetto o altri supporti plastici. Dobbiamo ammettere di averle trovate molto comode, e soprattutto la fascia superiore, ovviamente dotata di apposito cuscinetto, non grava per nulla sulla vostra testa.

  • Interfaccia: USB 2.0
  • Dimensioni: 23,5 x 11,5 x 26,5 cm
  • Peso: 405 g
  • Dimensioni driver: 40 mm
  • Impedenza speaker: 20Hz-20KHz
  • Sensibilità speaker: 105±3dB @ 1KHz
  • Impedenza microfono: ≤2.2kΩ
  • Sensibilità microfono: -36±3dB @ 1KHz
  • Cavo: 2 metri

I padiglioni presentano dei classici cuscinetti imbottiti protetti da quella che sembrerebbe essere pelle (non è specificato). Al loro interno nascondono driver da ben 40 mm, il che ci porta diretti diretti alla qualità audio delle cuffie. Le DS502 si prestano benissimo all’ascolto di musica, non solo quindi a sessioni gaming più o meno intensive. Tramite il software dedicato, purtroppo slegato dall’MSI Gaming Center che utilizziamo per mouse e tastiera di cui vi parliamo negli altri paragrafi, si possono regolare una quantità di parametri impressionanti. Lato audio troviamo la possibilità di attivare il surround virtuale 7.1 e a riprova del fatto che si tratti di un modello che strizza l’occhio anche alla musica troviamo a bordo la tecnologia Xear SingFx che permette di cambiare la tonalità di quanto state ascoltando (Pitch Shifting ad essere precisi) e di attivare la dissolvenza della voce. Sempre per quanto riguarda le tecnologie Xear troviamo anche Xear Surround Max: l’effetto è simile a quello del surround virtuale, conviene fare un po’ di prove per trovare la configurazione a voi più consona. Ci sono anche vari Effetti Ambiente, che simulano ad esempio la rifrazione del suono in stanze più o meno grandi.

Sul cavo, lungo due metri e ricoperto in tessuto, troviamo anche un telecomando con una grande rotella per la regolazione del volume e due pulsanti, uno per l’attivazione o la disattivazione del microfono e l’altro per la gestione dei bassi. Le DS502 hanno infatti un sistema di feedback per i bassi che fa letteralmente vibrare entrambi i padiglioni. È un effetto che piace o che proprio si odia. Per i giochi non è affatto male, per la musica, in canzoni elettroniche o comunque con bassi parecchio accentuati, potrebbe appunto dare più fastidio che altro. Comunque tramite l’apposito pulsante è possibile disattivare a piacimento tale funzionalità. È un in più quindi che non fa altro che aggiungere caratteristiche di cui tenere di conto al modello in questione.

Il suono è cristallino e tendenzialmente molto ben bilanciato. C’è sempre quel “boost” in più ai bassi (vista anche la funzione di vibrazione) che ritroviamo nei modelli gaming ma non ci sentiamo assolutamente di lamentarcene. In ogni caso tramite l’Equalizzatore presente nel software potete regolare il tutto per farle suonare come più vi piace. Il suono tra l’altro non si distorce nemmeno a volumi alti o altissimi. Ottimo anche il microfono che elimina i rumori di sottofondo restituendo un suono della voce ben definito. Del quartetto di prodotti MSI che abbiamo testato è forse quello che ci ha maggiormente sorpreso in positivo, anche per via del prezzo. Quello di listino ammonta a 59,99€, un prezzo che si sembra particolarmente indicato per un prodotto del genere.

Foto

8.0

MSI Vigor GK60

Iniziamo dalle informazioni di base. MSI Vigor GK60 è una tastiera meccanica retro-illuminata non RGB dotata di switch Cherry MX Red. Già da questa primissima descrizione potete capire se la tastiera in questione fa per voi o meno. L’assenza della classica retro-illuminazione RGB per qualcuno potrebbe essere un difetto insormontabile, visto che tramite gli appositi software di solito si possono creare profili personalizzati che illuminano solo determinate sezioni dei colori da noi selezionati. Tramite l’MSI Gaming Center, l’apposito software PC per la regolazione dei parametri, si può la decidere luminosità dei LED ed eventuali effetti. Selezionando Customize nel menu a tendina è anche possibile decidere quali pulsanti illuminare e quali no. Addirittura si può decidere la luminosità massima o minima di ogni singolo tasto. Se comunque l’illuminazione RGB non è di vostro interesse continuate a leggere perché Vigor GK60 è un prodotto davvero niente male.

Torniamo sugli switch, gli Cherry MX Red. Se avete già letto alcune delle mie recensioni relative ad accessori gaming saprete che adoro le tastiere meccaniche anche per lavorare ma che per via del rumore che solitamente emettono gli switch classici non ne ho la possibilità (a meno di non essere odiato dai colleghi d’ufficio). Con gli Cherry MX Red necessitate di un quantitativo modesto di forza per l’attivazione (45 g) e, soprattutto, il rumore emesso è anch’esso modesto. Anche con la digitazione veloce il rumore è più che accettabile. Non che questo sia un problema se la usate tra le mura domestiche senza nessuno a cui arrecare disturbo!

LEGGI ANCHE: Come scegliere una tastiera meccanica

I punti di forza della tastiera non finiscono qui. Nella confezione sono presenti 4 tasti metallici che vanno a sostituire i classici tasti WASD. Li abbiamo sfruttati sin da subito: oltre a renderli più evidenti (annullano l’illuminazione ma sono vistosissimi), sono pensati per fornire un feedback tattile diverso. Sempre sulla parte superiore notiamo che la tastiera è protetta da una scocca metallica spazzolata che la rende esteticamente più appagante. Sempre la scocca presente altre due soluzioni piuttosto intelligenti. Davanti si nota che la normale linea è interrotta: di fatto si crea un incavo che è pensato per far passare il cavo delle cuffie in modo che stia centrale e non di lato. Una piccola accortezza che però si lascia apprezzare.

La parte inferiore presenta due classici piedini per rialzare la tastiera. Se preferite utilizzarla senza piedini ci sono ben 5 cuscinetti anti-scivolo che la ancorano saldamente alla scrivania. Non ci sono altre funzionalità particolari quali macro, pulsanti programmabili o altro. I tasti multimediali sono “relegati” ai tasti da F9 a F12 più Stamp, Bloc Scorr e Pausa; idem dicasi per altre funzionalità alternative quale la regolazione dei LED.

  • Interfaccia: USB 2.0
  • Cavo: 2 metri
  • Dimensioni: 440 x 134 x 42 mm
  • Peso: 1.050 g

Il prezzo di listino ammonta a 109,90€. La potete recuperare da MediaWorld o volendo anche da vari venditori su Amazon.

In conclusione, MSI Vigor GK60 è un’ottima tastiera che anche dai materiali utilizzati sembra essere fatta per durare a lungo. Peccato per l’assenza dell’illuminazione RGB e di qualche altra accortezza che di solito si trova su tastiere meccaniche più o meno costose.

Foto

8.0

MSI Clutch GM50

L’MSI Clutch GM50 è un mouse gaming di fascia media che si fa apprezzare dopo pochi minuti di utilizzo. Medio anche nelle dimensioni: è stretto e si adatta bene a mani di medio/piccole dimensioni. Ne abbiamo provati di più grandi ma il form factory e le dimensioni di questo non ci sono affatto dispiaciute. Su entrambi i lati presenta zigrinature perfette per non lasciarselo mai sfuggire di mano. A colpo d’occhio comunque la cosa che si nota maggiormente è l’illuminazione RGB.

Ad illuminarsi sono l’aggressivissimo logo MSI, una striscia LED multicolore ed una ulteriore striscia integrata nella rotellina. Il tutto è ovviamente regolabile da MSI Gaming Center, il già citato software PC. Il sensore, un PixArt PMW 3330, arriva ad un massimo di 7.200 PPI. Il che ci porta ai tasti programmabili. Ci sono tre pulsanti aggiuntivi, oltre ai classici clic destro, sinistro e rotella premibile. Quello collocato subito sotto la rotella del mouse permette di ciclare fra 5 preset DPI: 400, 800, 1.600 (default), 3.200 e 6.400. Se per qualche motivo voleste spingervi fino ai 7.200 PPI o scegliere qualche configurazione intermedia potete impostare il tutto tramite software. A nostro avviso il pulsante in questione è fin troppo sensibile, tanto da averci portato a disattivarlo.

È un difetto di non poco conto, perché c’è chi cicla tra i vari preset durante le sessioni di gaming (ad esempio quando dovete mirare con i fucili di precisione). La soluzione sarebbe tenere la mano più ad “artiglio” con conseguente scomodità generale e possibilità di crampi. Gli altri due si trovano invece sul fianco sinistro e sono facilmente raggiungibili con il pollice destro.

  • Interfaccia: USB 2.0
  • Sensore: PixArt PMW 3330
  • Switch: OMRON (20 milioni di clic)
  • Peso: 117 g
  • Cavo: 2 metri

Buono il feedback dei tasti destro e sinistro. MSI lo ha dotato di switch OMRON che, sulla carta, sono progettati per resistere a 20 milioni di click. Anche la rotellina restituisce un buon feedback. Lo abbiamo usato per svariate settimane sia in ambito lavorativo (navigazione, montaggio video, editing foto), sia in ambito gaming con titoli quali Overwatch e Wolfenstein: Youngblood. Il prezzo di vendita, come accennato, lo colloca nella fascia media del mercato: 59,99€.

Ha tutto quello che si può chiedere ad un mouse di questo genere e come specificato l’unico difetto di nota è da ricercarsi nel pulsante centrale dedicato a ciclare i DPI. Con il software potete comunque disattivarlo o abbinarlo ad altri tasti che magari utilizzate più di frequente, spostando la funzionalità per i DPI su uno dei pulsanti posti di lato.

Foto

9.0

MSI Agility GD70

Sull’MSI Agility GD70 non c’è molto da dire. Non possiamo che parlarne bene: se amate i tappetini per il mouse che ricoprono un’ampia porzione della vostra scrivania, il modello realizzato da MSI è più che ottimo. Il colore predominate è il nero, ma sulla sinistra svetta in grigio il logo MSI. Anche in alto a destra ritroviamo una versione più classica del logo. Pensate che la superficie del tessuto è realizzata in seta, in modo da garantire il 27% in meno di frizione per lo scorrimento del mouse. Risulta estremamente morbido anche per i vostri polsi, che si abitueranno in men che non si dica alla sua superficie morbida. Il retro è in gomma naturale antiscivolo: non c’è davvero modo di spostarlo durante le sessioni di gaming, a meno che non siate voi a deciderlo. Le dimensioni, 900 x 400 x 3 mm permettono di utilizzare tastiere e mouse senza avere problemi di spazio. Anzi, spostando a sinistra la tastiera avrete tantissimo spazio per il mouse, in modo da poterlo usare anche a bassi DPI. Il prezzo è in linea con quelli proposti per prodotti di questo genere. Quello di listino dovrebbe ammontare intorno ai 35€. Qui trovate l’elenco dei rivenditori che potrebbero averlo in stock. Altrimenti lo trovate su Amazon da venditori terzi.

Foto

Giudizio Finale

MSI DS502, Vigor GK60, Clutch GM50 e Agility GD70

MSI DS502, Vigor GK60, Clutch GM50 e Agility GD70

Il kit gaming firmato MSI ci accompagnato per diverse settimane in praticamente ogni ambito, sia lavorativo quindi che gaming. Il prodotto che ci ha maggiormente colpito è sicuramente il gaming headset DS502, sia per il suo prezzo (59,99€) che per la quantità di caratteristiche hardware e software che porta con sé. Potete comunque valutarli come acquisto singolo, anche se mouse e tastiera possono essere regolati dal medesimo software rendendone più comodo l'utilizzo congiunto. In generale si tratta comunque di prodotti di buona qualità che sanno adattarsi alle vostre esigenze tramite i settaggi software e che non presentano prezzi così esorbitanti per quello che hanno da offrire.

di Lorenzo Delli
Pro
  • MSI DS502
    • Ottima qualità audio
    • Comode
  • MSI Vigor GK60
    • Cherry MX Red
    • Tasti metallici WASD
  • MSI Clutch GM50
    • 6 tasti programmabili
    • Ottime prestazioni
  • Agility GD70
    • Ampio e morbidissimo
Contro
  • MSI DS502
    • Solo PC
  • MSI Vigor GK60
    • No RGB
    • Un po' cara
  • MSI Clutch GM50
    • Tasto DPI

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.