8.5

Recensione MSI Optix MAG272CQR: il nome è complicato, il monitor è semplicemente bello (foto e video)

Nicola Ligas




Recensione MSI Optix MAG272CQR

Abbiamo provato il nuovo MSI Optix MAG272CQR, un monitor curvo dedicato al gaming, che si è rivelato inaspettatamente capace anche nell’uso produttivo.

LEGGI ANCHE: I migliori monitor in commercio

8.0

Confezione

Confezione abbastanza ricca per questo monitor di MSI, che per una volta non lesina sui cavi di cui potreste avere bisogno. HDMI, DisplayPort e USB-A to USB-B per sfruttare la funzionalità di hub ed utilizzare i software per PC. Sono presenti anche 4 viti per il fissaggio a parete, ma mancano le placche e gli altri accessori necessari per agganciare il monitor al muro.

8.5

Costruzione

MSI Optix MAG27 si monta molto facilmente. Lo schermo è realizzato in plastica, ma con una certa cura anche per l’estetica. Sul retro abbiamo alterante parti lucide, zigrinate e puntinate, che al tocco sono sempre piacevoli. L’ampio raggio di curvatura di 1500R è inoltre ben realizzato e non ci sono gap evidenti tra display e cornici. A proposito di cornici, quelle laterali al monitor sono di circa 0,8mm, così come quella superiore. Non ridotte ai minimi termini, ma comunque piuttosto contenute, anche se in una configurazione multi-monitor le noterete sicuramente. Sul fianco sinistro c’è anche un porta-cuffie estraibile.

Basta avvitare un paio di viti sul retro e stringere la base: in un minuto il monitor sarà pronto sulla vostra scrivania. Del monitor abbiamo apprezzato molto la stabilità. È più rigido della media e tende meno a traballare, magari in seguito ad una scrittura pesante sulla tastiera presente nella stessa scrivania. Può essere regolato in altezza, con un intervallo di 13 cm, ed inclinato tra -5 e +20 gradi. Non può però roteare lungo il suo asse, né essere portato in posizione verticale (anche perché, essendo il monitor curvo, non è proprio previsto usarlo in portrait). Probabilmente queste due ultime mancanze sono quelle che gli donano anche maggiore rigidità, che onestamente apprezziamo di più di una rotazione occasionale.

La base in metallo ha forma triangolare, ed è ben piantata sulla scrivania. Lo stand è invece ricoperto in plastica zigrinata, e presenta un foro al centro che può essere sfruttato per un po’ di cable management.

I controlli sono di 3 tipi: tasto di accensione in basso a destra, pulsante programmabile in basso a sinistra, e joystick sul retro dalla parte destra, per un rapido accesso a tutte le impostazioni. Sempre dietro troviamo tutte le porte presenti: 1 USB-B, 2 USB-A ed una USB-C, oltre a 2 HDMI 2.0b ed una DisplayPort 1.2a. Completa la dotazione un’uscita audio da 3,5mm. Abbiamo quindi in tutto quattro ingressi video diversi

Non sono presenti speaker, un particolare che non consideriamo nemmeno un difetto, vista la spesso pessima qualità degli speaker presenti nella maggior parte dei monitor.

Sempre sul retro, nella parte superiore, abbiamo una striscia di LED multicolore, che MSI chiama Mystic Light. Questi danno il meglio se abbinati ad altri accessori della stessa azienda, incluse le schede madri e grafiche, per realizzare una build desktop con illuminazione sincronizzata. In ogni caso, anche da sola, la potenza di questi LED si fa sentire, soprattutto in penombra e con il monitor collocato davanti ad una parete. Se non ne aveste bisogno/voglia, li potete comunque disattivare tramite l’opportuno software.

9.0

Esperienza d'uso

Ci sono vari punti di forza in questo MSI Optix MAG272CQR, che l’azienda ci tiene a ribadire con i classici adesivi presenti sulla scocca. Partiamo quindi da questi ultimi per capire di che pasta sia fatto questo monitor.

Raggio di curvatura 1500R, uno dei più ampi tra quelli presenti sul mercato consumer. È abbastanza da rendere confortevole l’utilizzo di un 27” (ma anche di qualcosa di più, volendo) su una scrivania. Se da una parte infatti i televisori curvi non hanno sfondato, nel campo dei monitor, dove magari l’utente è seduto a meno di un metro di distanza dal display stesso, la curvatura acquista maggior senso, soprattutto quando è ben realizzata come in questo caso. Non ci sono infatti aloni, perdite di colore o compromessi da accettare in seguito alla curvatura, e come già accennato anche dal punto di vista costruttivo il monitor non presenta sbavature.

La risoluzione è WQHD, 2.560 x 1.440 pixel. Non arrivare al 4K potrà non essere una croce in ambito prettamente ludico, dove sarebbe necessaria anche una macchina molto potente per sfruttarlo. Il compromesso è dovuto probabilmente al desiderio di un elevato refresh a 165Hz (solo tramite DisplayPort, via HDMI si ferma a 144Hz). Esiste infatti un altro monitor della serie Optix MAG a più elevata risoluzione, ma fisso a 60 Hz. In un out-out tra refresh rate ed alta risoluzione, a nostro parere vince la prima, soprattutto in ottica gaming (ma anche solo per il maggior riposo che danno).

Abbiamo poi il tempo di risposta di 1ms, che su un pannello VA è ancora più notevole. Tramite le impostazioni è possibile comunque regolarlo, anche se avremmo preferito un’indicazione precisa piuttosto che un generico “normale, rapida, più rapida”.

A proposito degli OSD, ci sono molto piaciuti sia per come sono organizzati che graficamente. Potete anche avere gli stessi controlli tramite il software GamingOSD per Windows e Mac, che tra le altre cose vi consente anche di personalizzare il tasto “G” presente sulla sinistra, cosa non possibile passando solo per i controlli via monitor. Per tutto il resto le due soluzioni quasi si equivalgono.

Altri elementi degni di nota sono la modalità visione notturna, regolabile su 3 livelli di intensità più un quarto demandato alla AI. In pratica questa modalità diminuisce il contrasto nelle aree scure, in modo da permettervi di vedere meglio nelle zone d’ombra, per non essere colti alla sprovvista da qualche nemico nascosto nell’oscurità. Può rivelarsi utile, ma è un po’ “barare” a parer mio, oltre al fatto che il suo uso è da intendersi di stampo prettamente ludico, perché in qualunque altro scenario sbiadisce solo l’immagine. L’unico modo sensato di usarla può essere di impostarla sul pulsante macro di cui sopra, peccato che una volta attivata vada disattivata manualmente passando per le impostazioni, dato che una seconda pressione del medesimo tasto non sortirà alcun effetto.

Abbiamo anche una funzione di sveglia, che attiva un timer personalizzabile a schermo. Inoltre segnaliamo che il freesync è disattivabile dalle impostazioni e che il monitor è compatibile anche con AMD AdaptiveSync (a patto che abbiate una GPU AMD per sfruttarlo). Se foste invece in possesso di una scheda NVIDIA compatibile G-Sync, a dispetto del fatto che l’azienda non ha ancora inserito questo monitor nell’elenco di quelli compatibili, e contrariamente a quanto riportato nel video, possiamo dirvi che il G-Sync funziona (ma solo tramite DisplayPort). Il tearing diventa quindi un problema che non sussiste: non ci sono scalettature, la sincronizzazione degli oggetti in movimento è perfetta e l’effetto artefatto un ricordo del passato.

Altre funzioni degne di nota sono il filtro luce blu (qui chiamato eye saver), che però è un po’ aggressivo e non regolabile. Abbiamo inoltre un anti motion-blur (disattivabile) che non ci ha convinto troppo (come la maggior parte degli anti effetto mosso), ed una funzione HDCR che ottimizza automaticamente il contrasto (anche se sinceramente non ci sembra faccia grossa differenza). A proposito invece di HDR, MSI gioca un po’ con i termini qui, parlando di HDR Ready. C’è in effetti una modalità HDR nelle impostazioni, che in pratica forza il massimo contrasto e “annulla” le ombre, come un normale profilo colore del monitor, che però di fatto resta ad 8-bit.

Abbiamo anche una funzione di miglioramento immagine, regolabile su debole, medio, forte e più forte, che agisce soprattutto sulla nitidezza dell’immagine, con effetti poco gradevoli sui font già col profilo medio. Da usarsi insomma solo in casi particolari. Infine segnaliamo la possibilità di impostare vari tipi di mirini (ben 12 diversi) al centro dello schermo (o in posizione decisa via software dall’utente).

Sono ovviamente presenti varie calibrazioni preset. Per i giochi troviamo FPS, Gara, RTS ed RPG, mentre per l’uso “professionale” abbiamo lettore, cinema, progettista ed HDR. In entrambi i casi rimane la possibilità di regolare l’immagine su un profilo utente, dove personalizzare contrasto, nitidezza, e temperatura colore per i singoli canali RGB. In generale comunque il monitor esce di fabbrica con una buona calibrazione. Il delta E rimane inferiore a 3 sia sui grigi (2,1) che sui colori (2,72), e tutto con una buona copertura sRGB (100%) ed Adobe RGB (85%) per un monitor di questo tipo. Buona anche la luminosità massima, che arriva a 320 nit costanti.

Il monitor risulta infatti piacevole in ogni situazione, con dei colori vividi ma non eccessivamente saturi né contrastati. Per alcuni contenuti, soprattutto video, è consigliata la modalità cinema, che ammorbidisce i toni e scalda un po’ i colori. Peccato che nelle impostazioni rapide siano presenti solo i preset gaming e non quelli professionali. Buoni anche gli angoli di visione, prossimi all’angolo piatto, che peccano un po’ solo osservando dall’alto il monitor. A seguire trovate alcuni screenshot catturati con CalMAN a riprova di quanto detto.

A dispetto dei numerosi ingressi presenti però, non ci sono funzionalità di picture-in-picture/picture-by-picture. Particolare alquanto strano, perché altri monitor della stessa serie ne sono dotati, e che magari sarà risolto con un aggiornamento software. Segnaliamo infine sporadici problemi nel passare da una sorgente di input all’altra: a volte lo schermo rimane nero un po’ troppo a lungo, a volta la sorgente non viene riconosciuta; facilmente un problema del singolo modello in prova.

7.5

Prezzo

Il prezzo di lancio del MSI Optix MAG272CQR è di 449€. Non è una cifra particolarmente bassa, ma nemmeno troppo elevata, se considerate tutte le sue specifiche. Essendo appena uscito non ci sono svalutazioni particolari da segnalarvi e la disponibilità dello stesso è un po’ altalenante, tuttavia non è facile trovare monitor con tutte queste stesse caratteristiche ad un prezzo inferiore.

Foto

Giudizio Finale

MSI Optix MAG272CQR

8.5

MSI Optix MAG272CQR

MSI Optix MAG272CQR è un bel monitor gaming, con tutti i requisiti giusti. Buona la calibrazione di fabbrica, buono il comportamento del pannello dal punto di vista ludico ed anche multimediale, buona la luminosità, e ben realizzata e piacevole la curvatura da 1500R. Con qualche piccolo ritocco alle impostazioni ed alla gestione dei controlli rapidi potrebbe diventare quasi perfetto.

di Nicola Ligas
Pro
  • 165Hz di velocità e riposo
  • Curvatura ben realizzata
  • Pieno controllo, via OSD ed anche via software
  • Adaptive Sync e G-Sync compatibile
Contro
  • Non tutte le impostazioni sono disponibili rapidamente
  • Non è vero HDR
  • Non PIP/PBP
  • Base non rotante

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.