Recensione Neabot Q11: un robot un po' diverso

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Recensione Neabot Q11

Neabot Q11 non è una novità assoluta, ma dopo la nostra prova ci siamo convinti che valeva assolutamente la pena parlarvene. Perché questo robot aspirapolvere con sistema di svuotamento automatico non è perfetto ma ha delle caratteristiche estremamente interessanti e che raramente troviamo unite in un unico prodotto.

PRO

  • Base di svuotamento automatico
  • Sottile
  • Silenzioso
  • Buona navigazione

CONTRO

  • Lavaggio solo nella media
  • Cassetta dello sporco non enorme
  • Design non per tutti
  • Non il migliore per la pulizia

Il design di Q11 è da subito palesemente particolare. È dotato di navigazione laser ma non è invece dotato di una torretta e questo lo rende più sottile della concorrenza con simile tecnologia, con uno spessore totale di soli circa 8 centimetri. È relizzato in plastica lucida (che attira abbastanza la polvere) e sulla sua sommità è presente una base con due pulsanti e nascosto sotto un led che si muoverà in senso orario durante la carica e si colorerà dal lato in cui gli ostacoli fossero vicini.

Non ci sono telecamere ma in ogni caso il sistema di navigazione e rilevazione oggetti è stato una bella sorpresa. Riconosce anche oggetti abbastanza piccoli e riesce ad approcciarcisi con buona delicatezza, ad esclusione solo di alcune gambe delle sedie. In più la prima pulizia (e anche le successive) sono sempre fatte partendo dai bordi, dando così ad ottimizzare lo spazio. Anche i tappeti vengono riconosciuti e lasciati per ultimi in modo da garantire la massima potenza automatica senza necessità di scendere e salire naturalmente dal tappeto stesso.

La potenza massima è di ben 4.000 Pa un valore veramente notevole per un robot di questa classe. Quasi una rarità. Alla massima potenza il robot è un po' rumoroso, ma già al secondo livello la rumorosità è pesantemente abbattuta diventando uno dei robot più silenziosi che abbiamo provato. La qualità della pulizia è buona, ma non perfetta. Abbiamo trovato qualche sporadico residuo che altri robot avrebbero pulito, ma comunque niente che ci fa rimpiangere la scelta. Anche la pulizia con l'acqua è discreta ma non perfetta. L'aggancio superficie del panno è inferiore ad altre soluzioni. Il cassetto dell'acqua è da ben 300 ml, mentre quello dello sporco da "soli" 250 ml. In ogni caso è un robot con svuotamento automatico, quindi è assolutamente sopportabile.

La base di ricarica avvia lo svuotamento dopo ogni pulizia andando così a riempire il sacchetto usa e getta presente all'interno. È un processo come sempre molto rumoroso, ma che dura circa 15 secondi. Si può anche disabilitare nel caso fossimo a corto di sacchetti sostitutivi. La forma della base di svuotamento è molto anni '60. Forse avremmo preferito qualcosa di più moderno, ma sono gusti personali.

Il software è tradotto in italiano anche se le traduzioni sono un po' approssimative. Una volta connesso alla Wi-Fi domestica avrete a disposizioni tutte le funzionalità più classiche di un robot di fascia alta: pulizia per zone, pulizia per stanze (tra l'altro il riconoscimento automatico è stato fatto in modo molto preciso), programmazione o pulizia puntuale. Il robot da poi gli avvisi in italiano e dal software potrete controllare lo stato dei beni consumabili.

Neabot Q11 ha un prezzo di 699€, che è al momento scontato a 599€. Con il coupon attivo al momento su Amazon si possono levare altri 80€ e arrivare a 519€. Un prezzo molto ghiotto se pensiamo alle caratteristiche di questo prodotto.

Giudizio Finale

Neabot Q11

Neabot Q11 non è il robot N°1 per la pulizia, ma ha un mix di fattori che per molti potrebbero renderlo la prima scelta. È sottile, silenzioso, con una buona autonomia e con la base di svuotamento automatica, il tutto ad un prezzo competitivo.

Voto finale

Neabot Q11

Pro

  • Base di svuotamento automatico
  • Sottile
  • Silenzioso
  • Buona navigazione

Contro

  • Lavaggio solo nella media
  • Cassetta dello sporco non enorme
  • Design non per tutti
  • Non il migliore per la pulizia

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.
Mostra i commenti