8.8

Nest Thermostat E, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti




Recensione Nest Thermostat E

Quando si pensa ai termostati smart la prima immagine va a Nest, azienda ormai di proprietà di Google, che ha sostanzialmente inventato un mercato che non esisteva e che ancora oggi produce forse il più iconico dei termostati in circolazione (qui la recensione). Di recente, anche sul mercato italiano, l’azienda ha poi lanciato una nuova versione del suo termostato, denominata Thermostat E, dove la E sta a significare semplicità (easy in inglese) permettendo prima di tutto l’installazione in autonomia per chiunque.

La nostra esperienza con il termostato E di Nest è iniziata originariamente in salita. Il termostato è compatibile con tantissime tipologie diverse di impianti di riscaldamento (qui il test da eseguire online) e anche con quello dell’abitazione dove lo abbiamo installato (una semplice caldaia con un singolo termostato a controllarla). L’installazione va fatta lasciandosi guidare passo passo dall’applicazione gratuita per Android e iOS e presenta delle indicazioni chiarissime per aiutarvi a sostituire il vostro attuale termostato o per installarlo da zero, guidandovi anche nella comprensione del vostro attuale impianto. Purtroppo il termostato che andavamo a rimuovere era fra i pochi non presenti nella lista e l’assenza di chiare indicazioni (in termini di lettere per quanto riguarda i morsetti dei cavi) oltre che una totale ignoranza in termini di impianti elettrici ci ha portato a scegliere una installazione con un tecnico. Siamo stati oggettivamente sfortunati, ma abbiamo comunque voluto raccontarvi l’episodio per ricordare che è sempre meglio non rischiare se le istruzioni di Nest non bastano a portare a termine l’installazione.

Rispetto al termostato Nest “originale” qui non dovrete montarlo a parete, quanto piuttosto su di una base in plastica bianca, dello stesso colore e materiale del termostato stesso. Sul muro, al posto del vostro attuale termostato, verrà invece montato un bellissimo heatlink in plastica e tessuto che fungerà da controllore wireless e da secondo termometro. In questo modo potrete posizionare il vostro termostato dove vorrete nella vostra casa, risolvendo magari anche problematiche dovute ad un riscaldamento non omogeneo dell’abitazione.

Terminata la semplice installazione vi verrà proposta una programmazione settimanale abbastanza standard in cui la casa sarà scaldata al mattino, mantenuta ad una certa temperatura il pomeriggio e poi spento di notte. Potrete regolare le varie temperature o aggiungere altri orari in cui modificare la temperatura. Come per altri dispositivi simili, il tutto sarà vero solo se tutti i componenti della famiglia (identificati con il proprio smartphone ed il proprio account Nest) sono fisicamente in casa. Altrimenti Nest si occuperà di regolare una temperatura più bassa. È molto interessante poi come ogni variazione manuale della temperatura (tramite app o rotazione della ghiera) porti il Nest ad un apprendimento delle vostre abitudini e modificherà nel tempo il vostro calendario per venire incontro alle vostre necessità. Allo stesso modo imparerà anche quanto tempo impiega il vostro impianto a scaldare la casa per anticipare l’accensione in rapporto a questo fattore.

E in teoria la magia di Nest è tutta qui. Un termostato bello ed elegante che vi farà avere la temperatura desiderata e vi farà anche risparmiare. Ci sono però ancora un paio di fattori da spiegare, come per esempio l’ottima integrazione con Google Assistant, Amazon Alexa e IFTTT. Esiste poi un programma Works with Nest di prodotti di domotica direttamente compatibili con il termostato. In futuro a nostro parere però verrà reso inutile dall’ampia distribuzione di prodotti come Google Home e Amazon Echo.

Ma quindi, cosa cambia fra il termostato Nest e il nuovo Thermostat E? Principalmente l’estetica e la qualità costruttiva. Adesso abbiamo un prodotto in plastica e con un display leggermente opaco e quindi non nitido come il precedente modello. A noi questa soluzione non dispiace, perché lo rende anche più discreto, cosa che non si poteva certo dire della variante in metallo spazzolato e con il display appariscente. In più è scomparso il sensore di avvicinamento (ma non quello di movimento) che permetteva di abilitare alcune funzioni come il meteo o un orologio analogico. Ci sono poi alcuni impianti (più rari) non compatibili con la nuova versione, ma lo scoprirete seguendo il test sul sito.

Considerando quindi le differenze troviamo il risparmio nell’acquisto di un Thermostat E un vero “affare”. Risparmiare 30€ ha completamente senso a meno che non aveste una preferenza estetica per il modello precedente (che però non è installabile in autonomia). Potete acquistare Thermostat E di Nest a 219€ sul sito ufficiale.

Video

Foto

Giudizio Finale

Nest Thermostat E

8.8

Nest Thermostat E

Nest Thermostat E vi farà risparmiare non solo in bolletta, ma anche al momento dell'acquisto, costando meno del precedente modello. In più lo potete installare da voi e posizionare dove vorrete in casa. Certo lo schermo non sarà brillante come la precedente variante, ma noi lo abbiamo trovato quasi più elegante.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Costa meno del precedente
  • Lo potete posizionare dove vorrete
  • Funzionamento impeccabile
  • Installazione in autonomia
Contro
  • Prezzo non per tutti
  • Lo schermo è meno luminoso
  • Enzo

    ho il termostato nest (non E) ma non ci sono le skill per Alexa… avete novità?

    • Nell’abitazione dove l’ho installato non avevo un Echo da provare. La skill dovrebbe esserci. Possibile che non sia ancora compatibile in italiano?

      • Enzo

        eh no… per questo chiedevo c’è per la versione americana ma non per quella italiana… puoi chiedere a nest o amazon? io non sono riuscito ad avere risposta… non vorrei fosse per i problemi tra google e amazon e noi ci rimettiamo

  • Confermo, solo numeri interi.