nevo connected watch, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Chiamatelo connected watch e non smartwatch. La definizione è probabilmente la più corretta, proprio perché è un orologio connesso al proprio smartphone, più che un orologio intelligente, qualsiasi cosa questo voglia dire.

Cos'è nevo

PRO

  • Bello
  • Orologio a movimento svizzero
  • Vetro zaffiro
  • Bello il sistema di led

CONTRO

  • L'app è ancora acerba
  • Il prezzo è da orologio svizzero
  • L'app iOS è più "avanti" di quella Android

nevo (con la n minuscola) è un orologio che ha ricevuto oltre 385 mila dollari di finanziamento su Indiegogo e che i finanziatori stanno iniziando a ricevere ora (noi lo abbiamo da un mese e pertanto è comunque un prototipo). È disponibile in tre colori e con tre cinturini differenti, tutti molto eleganti e tutti molto minimali. Quello che stupisce secondo me è il suo design unisex (in base al colore può stare meglio ad un uomo o ad una donna, ma sono comunque gusti personali). Sul lato destro sono presenti due bottoni ed una ghiera. Questa serve a regolare l'ora come nel più tradizionale degli orologi analogici. Il primo tasto serve a verificare quanti passi abbiamo realizzato nella giornata e il secondo ad avviare la connessione bluetooth verso il telefono. Il vetro è zaffiro ed è quindi super resistente. Possiamo confermare questa caratteristica avendo il nostro nevo subito varie "violenze" dovute a colpi con oggetti e spigoli rigidi di vario tipo.

La batteria, di quelle a gettone, dura 6 mesi. Vi è anche una seconda batteria che si occuperà di tenere il tempo, per una durata di oltre 5 anni. È dotato di bluetooth low energy e tutto l'orologio è impermeabile fino ad una pressione di 5 atmosfere.

L'app

L'applicazione di nevo è sicuramente il punto critico di questo prodotto. Quando abbiamo inizato a provarlo un mese fa quasi non esisteva. Si è poi aggiornata per offrire le funzioni più semplici e adesso gestisce correttamente le notifiche (almeno su iOS, mentre su Android ha ancora qualche problema). È tutt'altro che completa, ma la startup si è dimostrata molto attiva su questo fronte. Al momento l'applicazione ha una grafica molto grezza e permette di verificare in modo preciso il numero di passi effettuati, di impostare la sveglia e di scegliere il target giornaliero di passi. Dalle impostazioni potrete scegliere di quali app ricevere le notifiche e di quale colore. Su Android al momento manca l'opzione link-loss notifications che presumibilmente è quella che su iOS permette di non perdere neanche una notifica.

Se l'orologio è sicuramente definitivo, lo stesso non possiamo dire lo stesso dell'app che manca ancora di molte funzioni, che confidiamo però possano arrivare a breve.

Come funziona nevo

Come abbiamo detto ha ancora qualche problema su Android, dove però fino a un paio di settimane fa non esisteva proprio l'applicazione. Premendo il primo tasto sull'orologio si accenderanno in sequenza tutti i led (posti sulle linee dell'ora del quadrante) necessari a darvi un'idea di quanto manca al raggiungimento dell'obiettivo giornaliero. Ogni led ha poi un secondo colore che si accenderà in base alla ricezione delle notifiche. Assieme a questa notifica luminosa ci sarà anche una vibrazione al polso. Lo stesso vale per la sveglia (che però può solo essere spenta e non rimandata).

Acquisto

Potete acquisatre nevo watch sul sito ufficiale a 349€, oppure preordinare la variante con ricarica ad energia solare per 439€.

Giudizio Finale

nevo connected watch

nevo va acquistato principalmente come orologio e poi solo secondariamente come "connected watch". Proprio per questo riusciamo a chiudere un occhio, al momento, sull'app per smartphone ancora un po' acerba. L'azienda però sta lavorando con estrema rapidità. nevo ha uno stile moderno, elegante e minimale. Riassumendo: bello.

Voto finale

nevo connected watch

Pro

  • Bello
  • Orologio a movimento svizzero
  • Vetro zaffiro
  • Bello il sistema di led

Contro

  • L'app è ancora acerba
  • Il prezzo è da orologio svizzero
  • L'app iOS è più "avanti" di quella Android

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.

Commenta