Nilox F-60 Reloaded, la recensione (foto e video)

Nicola Ligas
Nicola Ligas

Nilox è uno dei più noti brand italiani nel mondo delle action cam (e non solo), che con la F-60 Reloaded cerca di venire incontro a chi voglia avvicinarsi a questo mondo con un prodotto completo un po' di tutto, ma con un occhio di riguardo anche per il portafogli. Missione compiuta?

PRO

  • Action cam completa di tutto
  • Semplice e immediata, grazie anche al display
  • Video molto fluidi
  • Prezzo adeguato

CONTRO

  • App non esaltante
  • Qualità delle foto scarsa
  • Alcuni problemi di incompatibilità con microSD
  • Poche modalità di registrazione

Confezione

Davvero molto ricca la confezione di questa F-60 Reloaded, che oltre la action cam include lo scafandrino per andare fino a 45 metri di profondità (IPX8), vari attacchi (tra cui quello per bici) e adesivi, ed un telecomando da agganciare al polso per avviare la registrazione di foto e video o spegnere la action cam. Difficile chiedere di più. Anzi no: avrebbe fatto comodo un cavo mini HDMI per il collegamento a monitor/TV, non incluso.

Costruzione

Il design di F-60 Reloaded è piuttosto classico: sul davanti abbiamo l'obiettivo, con un LED in basso a destra che lampeggia durante la registrazione; sul fianco destro troviamo lo slot microSD (solo fino a 32 GB), la porta micro USB per la ricarica (cavo in dotazione) e l'uscita mini HDMI. Il retro è interamente occupato dal display da 2 pollici (fisso), piuttosto luminoso ma comunque non regolabile in intensità, mentre sul fianco sinistro c'è il pulsante per accendere / spegnere la Wi-Fi e per navigare nei menu. Sopra abbiamo il tasto power e quello di scatto, mentre sotto c'è il vano per la batteria removibile da 1.200 mAh.

Nel complesso forme e dimensioni sono quelle classiche, ed anche il peso è contenuto in appena 50 grammi, ovvero nella media delle altre action cam.

Funzioni e qualità

La presenza di uno schermo integrato da 2'' semplifica molto l'utilizzo della F-60 Reloaded, sia da un punto di vista pratico, fornendo un immediato sistema di punta e scatta (non fidatevi dei colori che vedrete a schermo: il risultato finale è migliore), sia per gestire le opzioni della action cam, che non sono comunque moltissime, ed in ogni caso tutte in italiano. È possibile commutare tra le poche modalità video disponibili: 1080p 60 e 30 fps e 720p a 60 o 120 fps (in quest'ultimo caso senza audio), entrambe in formato MOV; attivare o meno la stabilizzazione d'immagine, lo slow motion, ed è possibile bilanciare il bianco in modo automatico oppure tramite dei preset (luce diurna, nuvoloso, fluorescente e incandescente).

Abbiamo però avuto qualche problemino con la microSD, nel senso che la stessa scheda che usiamo sempre per questi test e che abbiamo impiegato con successo su altre action cam, in questa Nilox funzionava solo a 1080p@30fps e 720p@60fps, rifiutando in ogni modo di lavorare a frame rate superiori, laddove altrove non c'erano stati problemi con queste medesime risoluzioni. Il supporto è inoltre limitato a schede SDHC fino a 32 GB.

I video molto fluidi sono quindi una preorogativa di questa action cam, che sotto questo punto di vista non delude affatto. Certo, manca un po' di definizione, e l'intervallo dinamico è piuttosto basso, col risultato che nelle aree a forte contrasto le parti scure rischiano di essere troppo buie, e quelle chiare di tendere a bruciarsi. I colori in compenso sono riprodotti in modo abbastanza fedele e l'ampio angolo di ripresa  (170°) consente di catturare scene ampie. Nelle scene di movimento poi, la definizione non ottimale diventa più difficile da notare, e si apprezzano molto la fluidità generale del filmato ed anche la relativa stabilità dello stesso, garantita dallo stabilizzatore presente, che non farà miracoli nei momenti più concitati, ma aiuta senz'altro a combattere i tremolii e ad esaltare la scorrevolezza del video.

Nilox parla poco meno di 3 ore di autonomia in condizioni ottimali, ma soprattutto con un utilizzo continuo dello schermo e con filmati full HD a 60 fps, arriverete invece a circa un'ora; valore del resto abbastanza in linea con la concorrenza.

L'app per dispositivi mobili permette inoltre di controllare la action cam da remoto, anche se la qualità dell'app stessa è piuttosto scarsa, presentando una grafica vecchio stile, e povera di particolari opzioni. Possiamo comunque accedere alla memoria interna della F-60 Reloaded e scaricarne il contenuto sul telefono, oltre ad utilizzare lo smartphone come live preview di ciò che stiamo inquadrando, magari per quei momenti in cui non è comodo guardare il display della action cam stessa. È ovviamente possibile commutare tra foto e video ed avviare anche i timelapse.

In dotazione abbiamo anche un pratico telecomando da allacciare al polso, con un tasto per lo scatto di foto, uno per la registrazione di video ed un terzo per spegnere la F-60 Reloaded. Si tratta di un accessorio molto utile, in particolare in ambito sportivo, quando non potremo accedere direttamente alla action cam, ed è un dettaglio che spesso altri produttori omettono e che ci ha fatto piacere trovare. Dovrete comunque puntarlo in direzione della action cam (non importa sul davanti) affinché funzioni.

Lo scafandrino presente nella confezione dovrebbe consentirvi di spingervi fino a 45 metri di profondità: ovviamente non abbiamo verificato in prima persona, ma ci è comunque piaciuto il meccanismo di blocco dello sportello posteriore, che prevede di spostare un pulsante prima di poterlo aprire, un particolare non sempre presente negli accessori della concorrenza e che dona un pizzico di sicurezza in più. Notare solo che, quando all'interno della custodia, potrete accedere a tutti i pulsanti tranne a quello che serve ad andare nel menu, quindi non potrete cambiare modalità di ripresa video o tutte le altre impostazioni (potrete ovviamente scattare foto e video in base alle impostazioni presenti).

Per quanto riguarda le foto, la risoluzione massima è di 16 megapixel in 4:3 (4.640 x 3.480 pixel), ma è supportata anche la cattura in time-lapse (da 3 a 60 secondi per posa). La qualità delle immagini è però sufficiente giusto per condividerle sui social ma niente più. Un crop al 100% mostra una impastatura delle foto che è molto evidente anche in diurna, mentre in condizioni di luminosità ridotta subentra anche un maggiore rumore. Nel complesso quindi la definizione è povera, ma almeno i colori sono piuttosto fedeli. Nemmeno poi troppo accentuato l'effetto boccia di vetro. Qui sotto trovate alcuni sample, tutti a dimensione originale, che confermano quanto appena detto.

Prezzo

209€ è il prezzo ufficiale di questa F-60 Reloaded, ma presso la grande distribuzione (Unieuro, Euronics, Trony) si trova già a 199€, e proprio in questi giorni c'è una ghiotta offerta MediaWorld online che la propone ad appena 179€. Il prezzo ufficiale è già consono alle doti e dotazioni del prodotto, se poi lo riducete di 30€ le cose migliorano ancora di più.

Foto

Giudizio Finale

Nilox F-60 Reloaded

Nilox F-60 Reloaded è un pacchetto completo, che vi metterà in mano una action cam semplice da usare, dotata anche di schermo da 2'', e di tutti gli accessori di cui avrete bisogno. C'è il collegamento via Wi-Fi a smartphone Android ed iOS, sebbene l'app non sia granché, ed in dotazione avrete anche un telecomando per controllarla a distanza. Le si poteva chiedere di avere una maggiore qualità, in particolare nelle foto, e qualche opzione in più, ma il prezzo sarebbe lievitato, e come bundle è comunque tra i più completi nella sua fascia.

Sommario

Confezione 8

Costruzione 7.5

Funzioni e qualità 7

Prezzo 7.5

Voto finale

Nilox F-60 Reloaded

Pro

  • Action cam completa di tutto
  • Semplice e immediata, grazie anche al display
  • Video molto fluidi
  • Prezzo adeguato

Contro

  • App non esaltante
  • Qualità delle foto scarsa
  • Alcuni problemi di incompatibilità con microSD
  • Poche modalità di registrazione

Nicola Ligas
Nicola Ligas Nicola è caporedattore su SmartWorld.it, e per questo motivo è odiato da tutti. I colleghi. Gli piace credere che il suo lavoro semplifichi la vita agli altri, in qualche modo. Ma non ai colleghi. Nel tempo libero cerca di complicare la sua vita, con nuovi progetti che non ha mai tempo di realizzare. Per fortuna. Dei colleghi.
Mostra i commenti