7.9

Nintendo Switch Lite, la recensione (foto e video)

Lorenzo Delli




Recensione Nintendo Switch Lite

Nintendo Switch Lite è una versione alternativa della celebre e poliedrica console di casa Nintendo del 2017. Una console pensata per un’utenza specifica, con delle mancanze evidenti per alcuni insormontabili, ma con un form factory ed un prezzo ridotti rispetto alla versione originale. Ecco la nostra recensione completa!

6.0

Confezione

La confezione di Nintendo Switch Lite è piuttosto scarna. Oltre alla console trovate l’alimentatore originale con presa type-c per la ricarica, la manualistica e nient’altro.

8.5

Costruzione

Nintendo Switch Lite è un piccolo gioiellino; lo avevamo detto anche per Nintendo Switch classica, odiamo ripeterci ma non ci possiamo fare molto. È più piccola della versione classica e da un punto di vista strutturale risulta anche più solida. Il motivo è piuttosto semplice: non ci sono i Joy-Con. I controlli sono direttamente integrati nella scocca. Non essendoci quindi parti mobili né tanto meno il piedistallo posteriore per tenerla in posizione eretta, la console di fatto ha meno punti deboli. Essendo poi lo schermo più piccolo, la console risulta anche più corta e meno soggetta a possibili incurvamenti (cosa che è successa alla nostra Switch classica). Il display è protetto da un classico vetro protettivo che stavolta, ai lati, ha lo stesso colore del resto della scocca. Una soluzione che la rende più piacevole da un punto di vista estetico.

Tra le diversità che si notano a primo acchito c’è sicuramente la croce direzionale, che stavolta è una vera e propria croce (su Nintendo Switch sono 4 pulsanti separati) caratterizzata da un più che discreto feedback, e poco altro. I controlli sono tutti lì, al loro posto; il feedback delle levette analogiche è identico (sono anche alte uguali); tutti gli sportellini (microSD e cartucce), jack audio e simili idem. Gli speaker stavolta trovano spazio nel lato inferiore mentre sul retro troviamo una coppia di feritoie dedicate alla dissipazione termica. Sul lato superiore ritroviamo la stessa sezione utile anche questa alla dissipazione (per spingere fuori l’aria della ventola). Il che ci porta a questo punto alle temperature. Come potete vedere dalla fotografia del profilo termico, a regime Nintendo Switch Lite raggiunge temperature massime di circa 38,5/40°, perfettamente in linea con quanto visto su Nintendo Switch. Nulla di fastidioso, è bene specificare. Ovvio che in certe condizioni (estate, magari all’esterno sotto il sole o quasi) potrebbe raggiungere temperature leggermente più elevate.

L’assenza dei Joy-Con si fa sentire non tanto per il comparto controlli, quanto più per l’assenza di alcuni sensori (come la telecamera IR) e per l’assenza del Rumble HD. Il problema è che è proprio assente le vibrazione in generale. Per alcuni potrebbe sembrare un problema insormontabile, per noi non lo è stato. C’è però una specificazione da fare: l’assenza della vibrazione potrebbe farsi sentire in certi titoli antecedenti all’uscita di Switch Lite. L’esempio più lampante: in Super Mario Odyssey per trovare alcune delle lune si sente una vibrazione sul dispositivo quando ci si avvicina; con il modello Lite trovarle, a meno di guide online o cartacee, è molto difficile.

8.1

Schermo

È inutile stare a lamentarsi della risoluzione dello schermo. Potremmo tirare su una polemica sul fatto che nel 2019 uno schermo full HD dovrebbe essere la norma, ma dobbiamo ammettere che Nintendo Switch Lite fa il suo dovere anche con un semplice LCD HD (1.280 x 720 pixel). Inoltre la densità dei pixel del nuovo modello, 267 ppi contro i 237 della Switch classica, e lo schermo di dimensioni ridotte (5,5″ contro 6,2″), fa sì che in certe occasioni le immagini risultino più definite. Le considerazioni poi sono più o meno le medesime fatte per Switch all’epoca. Al chiuso la luminosità massima è ottima, e volendo c’è anche l’opzione per avere una luminosità di tipo adattiva. Buona la resa cromatica, forse anche leggermente migliore di quella della Switch. All’esterno siamo alle solite: la Switch è utilizzabile, ma potreste faticare anche impostando la luminosità al massimo. Buone le performance del touchscreen: sempre reattivo al tocco, e lo si intuisce subito utilizzando la tastiera nel Nintendo eShop.

Hardware

Inutile dare un giudizio in decimi all’hardware. Si tratta di una macchina ottimizzata per un solo scopo: giocare con i titoli realizzati per Switch. Prima di procedere un rapido elenco riepilogativo delle principali caratteristiche tecniche di questo modello.

  • Schermo: 5,5″ LC HD (1.280 x 720 pixel), touch screen capacitivo
  • Processore: SoC NVIDIA Tegra ODNX10-A1 (basato su X1)
  • Memoria interna: 32 GB eMMC Samsung (6,2 GB occupati dal sistema operativo) espandibile
  • RAM: 2x DRAM LPDDR4X Samsung K4U6E3S4AM-MGCJ per un totale di 4 GB
  • Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.0, NFC
  • Sensori: accelerometro, giroscopio
  • Batteria: 3.570 mAh non removibile
  • Dimensioni: 208 x 91 x 13,9 mm (28,4 mm di spessore dalla cima delle levette analogiche ai pulsanti ZL/ZR)
  • Peso: 275 g
  • Porte: USB Type-C, jack audio 3,5 mm, microSD

Alcune delle principali differenze con il modello classico di Switch le abbiamo già evidenziate. La batteria ha una capienza inferiore, lo schermo è più piccolo, mancano alcuni sensori sui Joy-Con ma per il resto siamo perfettamente in linea. Il nuovo processore Tegra ha performance praticamente identiche a quelle della versione 2017. Potrebbe influire sull’autonomia, visto che i modelli di Nintendo Switch attualmente in vendita si comportano meglio sotto questo punto di vista rispetto ai modelli del 2017 e del 2018. La memoria interna rimane identica. A tal proposito Nintendo poteva forse fare qualcosa, ma il prezzo sarebbe aumentato portando Nintendo Switch Lite in una fascia di prezzo poco accattivante. Manca poi la dock, e di conseguenza la capacità di riprodurre i contenuti giocati su uno schermo più grande di quello in dotazione. Switch Lite è una console portatile pura, sulla falsa riga di una PS Vita o di un Nintendo DS per intenderci.

Nintendo Switch Lite Nintendo Switch
Chipset NVIDIA Tegra Custom di nuova generazione NVIDIA Tegra Custom
Schermo 5,5″ LCD HD, 1.280 x 720 pixel, 267 ppi 6,2″ LCD HD, 1.280 x 720 pixel, 237 ppi
Memoria interna 32 GB espandibili tramite microSD (fino a 2 TB) 32 GB espandibili tramite microSD
Connettività Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5, NFC Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooh 4.1, NFC
Batteria 3.570 mAh 4.310 mAh
Peso 275 g 398 g (con Joy-Con)
Dimensioni 208 x 91 x 13,9 mm 239 x 102 x 13,9 mm
Sensori accelerometro, giroscopio accelerometro, giroscopio, rumble HD, telecamera IR

Qui sopra una tabella che confronta le principali caratteristiche di Nintendo Switch Lite e Nintendo Switch. Da notare il peso ridotto (è calato di più di 100 grammi) e le dimensioni che, per forza di cose, sono più contenute. Ottima la resa degli speaker: come fa notare iFixit sono identici a quelli della Switch classica, ma hanno più spazio all’interno della scocca e di conseguenza l’audio risulta un po’ più potente. Segnaliamo una piccola discrepanza: sulla scheda tecnica di Switch Lite sarebbe indicata la presenza del Bluetooth 4.1. iFixit smontando il nuovo modello ha però trovato questo chip che dovrebbe portare in dote Bluetooth 5.0.

Giochi e Software

La situazione giochi è cambiata molto da quando abbiamo avuto l’occasione di recensire Nintendo Switch. Il colosso nipponico si è dato un gran da fare per pubblicare nuove esclusive e per collaborare a fianco di grandi software house per la pubblicazione di port e simili. Non è questa la sede per discutere quali giochi dovreste o non dovreste acquistare, ma se eravate in dubbio se accaparrarvi o meno una Switch per via della line-up è bene che vi ricrediate. Qualche esempio? Fire Emblem: Three Houses, Astral Chain, The Legend of Zelda: Link’s Awakening, Super Mario Maker 2, Monster Boy and the Cursed Kingdom, Donkey Kong Country: Tropical Freeze, DRAGON QUEST XI S: Echi di un’era perduta – Edizione definitiva, MARVEL ULTIMATE ALLIANCE 3: The Black Order. Tutto ciò senza minimamente scomodare due mostri sacri, The Legend of Zelda: Breath of the Wild e Super Mario Odyssey, che da soli valgono il prezzo del biglietto.

LEGGI ANCHE: Migliori Giochi Nintendo Switch

Attenzione però: come già accennato ci sono dei giochi non compatibili con Nintendo Switch Lite. A tal proposito, prima di acquistare i giochi, vi consigliamo di farvi un giro sul sito Nintendo.it nella sezione dedicata a Switch dove troverete l’elenco completo di tutti i giochi dedicati alla console. Qui troverete indicato se il titolo è compatibile o meno con Switch Lite. Sulle confezioni delle versioni fisiche dei giochi poi sarà indicata la compatibilità con Switch Lite d’ora in poi. Si tratta comunque di una ristretta nicchia di titoli.

Lato software la situazione è rimasta immutata. Switch Lite rimane una macchina da gioco nuda e cruda e i software/app di terze parti appartengono ad altre categorie di prodotti. Ad accogliervi trovate il classico carosello di giochi, con sotto menu un po’ ingarbugliati (ma nemmeno troppo) per la gestione di dati, salvataggi e simili, e i pulsanti inferiori per l’accesso a eShop, impostazioni, gestione controller e poco altro.

8.0

Autonomia

Non vi aspettate miracoli. La batteria da 3.570 mAh ci ha garantito un’autonomia che si aggira intorno alle 3,5/4 ore alla luminosità massima, alternandoci tra l’utilizzo degli speaker e delle cuffie. Un po’ meglio quindi della vecchia versione di Nintendo Switch, un po’ peggio di quello che dovrebbe garantire il modello più recente di Switch (che però non abbiamo avuto modo di provare). Diciamo che in generale, per una console portatile che riproduce titoli tripla A, l’autonomia è più che accettabile.

7.6

Prezzo

Il prezzo di listino di Nintendo Switch Lite ammonta a 219,99€, 110€ meno rispetto a quello di Nintendo Switch classica. È vero che quest’ultima con il tempo è scesa di prezzo, ma non quanto sperassimo. Su Amazon si trova ad esempio a 285€ circa, ma si tratta dell’edizione 2017. Per accaparrarsi il modello 2019 servono 318€, quasi la stessa cifra del vecchio prezzo di lancio.

Costa meno, è fuori discussione, ma offre di conseguenza meno. Non c’è la dock, perché di fatto non esiste la modalità televisiva; non c’è la vibrazione; alcuni giochi sono incompatibili; utilizzarla con giochi in multiplayer locale è estremamente difficile (non c’è nemmeno il kick stand) se non impossibile; non ci sono i Joy-Con; lo schermo è più piccolo. Nintendo Switch Lite di fatto è un prodotto quasi di nicchia, ma ne parliamo nelle conclusioni.

Acquisto

Foto

Giudizio Finale

Nintendo Switch Lite

7.9

Nintendo Switch Lite

Nintendo Switch Lite è un prodotto pensato per un target ben specifico. È una valida alternativa al modello classico di Switch che appunto piacerà solo a determinati utenti: a chi usa Switch prevalentemente in mobilità, a chi di conseguenza importa meno della modalità TV o del multiplayer locale; a chi ha problemi di budget e vuole spendere meno o a chi non ne ha e vuole affiancare alla sua Switch classica un modello con maggior portabilità. Le assenze a livello hardware le abbiamo sottolineate più volte e non c'è bisogno a questo punto di rimarcarle. Ciò che rimarchiamo è che si tratta di una mera alternativa che non fa altro che concedere all'utenza più opzioni, e non possiamo che ringraziare Nintendo per questo. Lo schermo, seppur più piccolo, è sufficiente a godersi praticamente qualsiasi titolo senza difficoltà e dell'autonomia, in linea con quella di Nintendo Switch classica, è difficile lamentarsi, considerato che stiamo parlando di una console portatile per titoli tripla A.

di Lorenzo Delli
Pro
  • Più compatta e maneggevole
  • Schermo
  • Prezzo più contenuto
Contro
  • Manca la vibrazione
  • Alcuni giochi non compatibili
  • Manca la modalità TV

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina SmartWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.

  • ScattoMatto

    D’accordo su quasi tutto, ma in realtà è possibile avere comunque il rumble hd sia con dei joycon, sia con il controller pro. Se non si vuole spendere per controller così costosi, ci sono anche lo yocktec e il tutuo, entrambi col rumble hd.
    Di kick stand di terze parti ce ne sono a iosa, pure sotto i 10 euro.