Recensione OPPO Enco Air 3 Pro: ottimi, ma un po' cari

Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi Tech Master
Recensione OPPO Enco Air 3 Pro: ottimi, ma un po' cari

OPPO è una società che negli ultimi anni è riuscita a stupirmi con i suoi auricolari: gli OPPO Enco X2 sono ancora uno dei modelli che consiglio di più oggi, e in generale l'azienda cinese ha dimostrato di saperci fare, specialmente in rapporto qualità/prezzo. 

Questa è la volta di OPPO Enco Air 3 Pro, cuffiette di fascia media con cui OPPO ha provato a fare un salto di qualità, sia in termini di qualità sonora che di cancellazione del rumore. 

PRO

  • Buona qualità audio con codec LDAC
  • Comodissime e leggere
  • Resistenza a polvere e liquidi (certificazione IP55)
  • Play/Pausa automatico
  • Tante funzioni smart

CONTRO

  • Prezzo di listino non convince
  • Autonomia sottotono
  • Controlli con alti e bassi
  • Il case si graffia facilmente

La confezione di vendita è piuttosto standard: al suo interno, troviamo un cavetto USB/USB-C per la ricarica (piuttosto corto), due coppie di gommini aggiuntivi (S ed L) e un po' di manualistica.

Sia auricolari che case sono realizzati interamente in plastica, ma il coperchio della custodia ha un effetto veramente gradevole e particolare, dato da una doppia finitura. Un rivestimento trasparente lascia intravedere la superficie colorata qualche millimetro più sotto. Peccato solo che il case, per via della finitura molto lucida (e scivolosa), mi sembra sia propenso a graffiarsi. Il modello che ho in prova da un mesetto ha già un graffio importante che non so come si sia fatto, quindi occhio a metterlo in tasca insieme a chiavi o altro. 

Gli auricolari hanno una forma piuttosto standard, sono molto leggere (solo 4,3 grammi per auricolare) e, soprattutto, estremamente comode. Sono proprio gli auricolari che dovrebbe provare chi generalmente non va troppo d'accordo con i gommini: li ho indossati per ore, praticamente tutto il giorno, senza avvertire grandi fastidi.

Insieme ad AirPods Pro 2 e Nothing Ear (2), i modelli della lienea Enco Air Pro sono tra gli auricolari che trovo più comodi in assoluto.

Sono anche piuttosto saldi alle orecchie e potete indossarli anche per andare a correre senza temere troppo per il sudore, grazie alla certificazione IP55.

Per questi auricolari, OPPO ha adottato per la prima volta un driver in fibra di bambù (da 12,4mm): secondo l'azienda, questo materiale, molto elastico ma leggero, garantisce un alto livello di dettagli anche nelle frequenze più alte. A tal proposito, la risposta in frequenza di questi auricolari è piuttosto ampia, da 10 Hz a 40 kHz e, con il codec ad alta risoluzione LDAC, supportano audio fino a 24 bit/96 kHz.

A prescindere dai numeri, comunque, il suono è interessante, specialmente usando il codec LDAC. Sono rimasto piacevolmente stupito dall'alto livello di dettagli, dai bassi rotondi e ben definiti, e da come vengono spinte bene certe alte frequenze, con cui sono riuscito ad apprezzare certi tocchi dei piatti della batteria.

Ma non aspettatevi una qualità da primo della classe, ovviamente: parliamo pur sempre di auricolari medio gamma e, come è lecito aspettarsi, ci sono dei compromessi: ad esempio, il soundstage non è particolarmente ampio e, specialmente in alcuni brani molto concitati, a volte gli strumenti si impastano un po' troppo.

Nonostante tutto, comunque, per ascolti senza grandi pretese vanno più che bene e, anzi, l'app HeyMelody (disponibile per Android e iOS) può anche regalarvi qualche gioia. Oltre alla possibilità di personalizzare l'equalizzatore, scegliendo uno dei tre preset, è possibile configurare il Golden Sound: si tratta di un test audio (in cui spostare uno slider fino al punto in cui non si sente più il beep) che, una volta completato, restituisce un'equalizzazione che esalta le frequenze che sentiamo meno bene. È un peccato che non ci sia anche un equalizzatore manuale a cui mettere mano.

Oltre questo, merita una menzione anche Alive Audio, ossia l'audio spaziale di OPPO: l'effetto è davvero sensibile, non sempre particolarmente piacevole, ma su alcuni brani stupisce davvero per efficacia.

C'è poi l'immancabile test per l'aderenza dei gommini, la game mode per ridurre al minimo la latenza, la possibilità di selezionare o meno il codec LDAC (che migliora la qualità audio, ma riduce l'autonomia) e selezionare la modalità di cancellazione del rumore (scegliendo tra Mild, Moderate, Max e Smart).

Sul tema della cancellazione del rumore, questi nuovi Air 3 Pro fanno un bel salto in avanti rispetto la generazione precedente, dove l'ANC era davvero poco efficace. In questo caso, la cancellazione del rumore fa il suo, ma non brilla particolarmente: è in grado di ridurre e rendere sopportabili i rumori di una metropolitana, ma non aspettatevi miracoli. Siamo parecchie spanne sotto rispetto gli OPPO Enco X2, i top di gamma dell'azienda lanciati ormai un anno fa (e quindi molto più abbordabili).

Buona la modalità trasparenza, che riesce a riprodurre molto naturalmente i suoni esterni, soprattutto le voci.

I comandi touch hanno tanti alti e bassi: sono personalizzabili, ma purtroppo non del tutto.

Dall'app HeyMeloidy, ogni azione (tap / doppio tap / triplo tap / tap prolungato per 1 secondo / tap prolungato per 4 secondi) è associabile solo a un ristretto numero di azioni. È un po' un peccato, perché questo non permette di avere un controllo capillare sui comandi. Dopo un po' di prove, personalmente sono giusto a questa configurazione: 

Auricolare SX:

  • Tap: Play/Pausa
  • Doppio tap: Traccia precedente
  • Triplo tap: Assistente vocale
  • Tap prolungato (1 secondo): ANC/Trasparenza
  • Tap prolungato (4 secondo): Volume-

Auricolare DX:

  • Tap: Play/Pausa
  • Doppio tap: Traccia successiva
  • Triplo tap: Assistente vocale
  • Tap prolungato (1 secondo): ANC/Trasparenza
  • Tap prolungato (4 secondo): Volume+

Gli auricolari sono dotati di sensori di prossimità, che mandano automaticamente in Play o Pausa la riproduzione quando rimuoviamo e re-indossiamo gli auricolari.

Il Bluetooth è in versione 5.3 e la connessione con lo smartphone è stata sempre immediata e molto solida, anche a parecchi metri di distanza.

Gli auricolari supportano il multipoint (connessione simultanea a due dispositivi).

I microfoni sono sufficienti, anche all'aperto. Non sono paragonabili a top di gamma, ma solitamente si riesce a parlare al telefono se non ci sono troppi rumori di fondo. A volte la voce risulta un po' compressa e vagamente metallica (soprattutto quando i rumori di fondo si intensificano); in generale gli OPPO Enco Air 3 Pro vanno bene anche per telefonare, ma senza aspettarsi miracoli.

L'autonomia è un po' sotto la media: OPPO dichiara fino a 7 ore senza ANC. Con la cancellazione del rumore attivata, gli auricolari si sono scaricati dopo circa 4 ore e mezza. L'autonomia compelssiva dichiarata (senza ANC) è di 30 ore. C'è la ricarica rapida, che garantisce 2 ore di autonomia dopo 10 minuti di carica. 

Il prezzo di listino è 89,99€: nonostante gli auricolari siano sicuramente un buon prodotto, il costo di lancio è un po' caro, specialmente considerando che in questa fascia di prezzo si trovano tantissime alternative.

Di recente, gli EarFun Air Pro 3 (79€) mi hanno stupito per l'incredibile ANC per il prezzo, ma in quella zona ci sono anche molti altri modelli come i Soundcore Space A40 o i Sony WF-C700N.

Al momento gli OPPO Enco Air 3 Pro sono disponibili solo sul sito ufficiale di OPPO: ci auguriamo che con il debutto su Amazon (prossimamente), possa arrivare anche uno sconto di qualche decina di euro, che li renderà sicuramente molto più interessanti.

Giudizio Finale

OPPO Enco Air 3 Pro

Gli OPPO Enco Air 3 Pro sono un altro paio buon paio di auricolari di OPPO: sono estremamente comodi da indossare, hanno un buon livello di dettaglio nel suono e una cancellazione del rumore che, pur non facendo miracoli, è dignitosa. Buoni anche i microfoni, che garantiscono chiamate sufficientemente chiare, a patto che i rumori di fondo non siano eccessivi. Ottima anche l'app HeyMelody di OPPO, che in un anno ha aggiunto tantissime funzioni utili. La questione centrale è il prezzo: il costo di listino non è particolarmente invitante e, a quel prezzo, la concorrenza è tanta e agguerrita. Promosse e consigliate, ma meglio attendere qualche decina di euro di sconto.

Voto finale

OPPO Enco Air 3 Pro

Pro

  • Buona qualità audio con codec LDAC
  • Comodissime e leggere
  • Resistenza a polvere e liquidi (certificazione IP55)
  • Play/Pausa automatico
  • Tante funzioni smart

Contro

  • Prezzo di listino non convince
  • Autonomia sottotono
  • Controlli con alti e bassi
  • Il case si graffia facilmente

Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi Sono soprattutto una persona curiosa: mi piace imparare cose nuove e spiegare quel che so. Quindi scusatemi per gli articoli così lunghi. Spesso mi isolo dal mondo con grosse cuffie in testa, a leggere su un ebook reader o ascoltare un podcast, ma ho un cane di nome Dubbio che mi mantiene vigile e mi trascina al parco un paio di volte al giorno.

Tips, tricks e news!
Tutto il meglio della tecnologia in video brevi!
Seguici