Recensione OPPO Reno 10 Pro: con questo prezzo si è venduto al diavolo

Recensione OPPO Reno10 Pro

Torna la serie Reno di OPPO. Non nel segno della continuità e anzi nel segno della discontinuità, con un prodotto diverso ma con spunti interessanti. Scopriamolo in questa recensione completa.

PRO

  • Ricarica velocissima
  • Buona qualità costruttiva
  • Software molto fluido
  • Sottile e leggero

CONTRO

  • Modalità ritratto migliorabile
  • Video 4K un po' tremolanti
  • Non è impermeabile
  • Non c'è più la eSIM

Confezione

Anche quest'anno non c'è più una cover in omaggio, ma troviamo comunque il cavo USB/USB-C e soprattutto un ottimo alimentatore da ben 80W, cosa non certo scontata.

Costruzione ed Ergonomia

La serie OPPO Reno non ha mai avuto un design distintivo e anzi la sua caratteristica era proprio anche quella di essere sempre molto diverso in termini di design anno dopo anno. Anche questa decima versione non è da meno. Quello che è cambiato è però forse il fatto di aver scelto un design più conservativo e meno di rottura, cosa che invece era successo su molti modelli precedenti. In sostanza OPPO Reno 10 Pro è un bello smartphone, ma abbastanza allineato al mercato, senza grandi punti distintivi. La sua caratteristica che lo rende davvero riconoscibile è il modulo della fotocamera a pillola. Questa parte è realizzata in metallo, in contrasto con il retro opaco satinato in vetro. Le due fotocamere nel blocco inferiore invece hanno a loro volta una copertura in vetro.

La finitura del posteriore ha il vantaggio di trattenere molto poco le impronte.

Nel complesso lo smartphone è poi leggero, con soli 185 grammi di peso e abbastanza sottile, con uno spessore di 7,89 millimetri. Il dispositivo non ha certificazioni contro acqua e polvere.

Hardware

L'hardware di questo smartphone porta in dote alcuni cambiamenti, sufficienti per renderlo un prodotto aggiornato al 2023, anche se non mancano i punti in comune con il modello precedente.

Il processore torna a essere uno della famiglia Qualcomm e in particolare il modello è lo Snapdragon 778G octa core da 2,4 GHz a 6 nanometri. La GPU è una Adreno 624L e abbiamo ora 12 GB come unico taglio di memoria. La memoria interna invece è sempre da 256 GB, ancora una volte non espandibile.

Buona la connettività: 5G, Wi-Fi 6, Bluetooth 5.2, NFC e anche un emettitore ad infrarossi (che per qualche ragione viene raccontato come il primo in uno smartphone "globale"). Manca invece il jack audio per le cuffie.

Il lettore di impronte digitali è veloce e preciso ed è collocato all'interno del display, anche se, ancora una volta, un po' troppo in basso.

Fotocamera

Il kit fotografico di questo OPPO Reno 10 Pro segna il ritorno di un grande assente delle ultime versioni. Parliamo della fotocamera zoom 2x. Si tratta di un sensore da ben 32 megapixel con apertura ƒ/2.0. Abbiamo poi una 50 megapixel ƒ/1.8 che gode adesso di stabilizzazione ottica e una 8 megapixel grandangolare ƒ/2.2.

Partiamo da quest'ultima: la fotocamera grandangolare soffre un po' in termini di dettaglio per la sua bassa risoluzione, ma nel complesso si comporta bene e realizza delle discrete foto, mantenendo anche una certa coerenza cromatica rispetto agli altri scatti. La fotocamera principale è un bel passo in avanti rispetto al passato: le foto sono sempre nitide e dettagliate e anche di notte le immagini sono assolutamente apprezzabili. Anzi: meglio non usare la modalità notte che aggiunge un po' di luce allo scatto finale ma sembra portare in errore il bilanciamento del bianco.

La "nuova" fotocamera zoom invece dimostra alti e bassi. Come foto camera zoom è a tutti gli effetti un buon sensore e siamo molto felici del suo ritorno. Siamo invece un po' più perplessi del suo utilizzo, che è poi quello più sponsorizzato, per scattare foto in modalità ritratto. Sono pochi gli scatti realizzati in questa modalità che promuoveremmo: solo quelli con luce perfetta. Un nonsense se pensiamo che il sensore dovrebbe essere abbastanza luminoso e che ci sono della modalità di flare bokeh che dovrebbero dare il meglio proprio con poca luce. Possibile che un aggiornamento software possa riportare sui binari questa modalità.

I video si registrano in 4K a 30fps e hanno un ottimo dettaglio, ma non una buona stabilizzazione (probabilmente solo -o quasi- ottica). Meglio registrare in Full HD dove è possibile anche passare dalla fotocamera principale a quella grandangolare.

Display

OPPO torna ancora una volta sui suoi passi e propone di nuovo un display curvo.

Si tratta di un bellissimo esemplare da 6,7 pollici in tecnologia AMOLED e che per il resto ha le stesse specifiche del modello precedente: risoluzione FullHD+ (1080 x 2412 pixel), luminosità di picco di 950 nits, supporto HDR10+ e una protezione Gorilla Glass 5. Lo spazio dei bordi è ridotto al minimo: lo schermo infatti occupa bel il 93% della superficie frontale. Non manca il refresh rate fino a 120 Hz e il touch sampling a 240 Hz. Presente poi il supporto per l'always-on display, personalizzabile e che mostra tutte le informazioni più importanti.

Software

Questo smartphone OPPO arriva sul mercato aggiornato con l'ultima versione di Android, la 13, e con l'ultima personalizzazione dell'azienda, ovvero la ColorOS 13.1. Le patch di sicurezza sono quelle di giugno 2023, quindi molto recenti. Il software è il classico di OPPO, che tra le altre cose ha ormai contaminato anche Realme e OnePlus. Abbiamo molte possibilità di personalizzazione e alcune funzionalità molto pratiche di utilizzo, come le app in finestra o la barra laterale (che permette di avviare rapidamente le app in modalità schermo diviso).

Il software scorre fulmineo e OPPO ha incluso a grandi linee tutte le funzionalità che si potrebbe volere da uno smartphone di questo tipo. L'azienda ha poi anche una certificazione TÜV di mantenimento della massima fluidità per almeno 4 anni. Ci riesce difficile pensare al significato di una certificazione simile, visto che spesso i fatto di rallentamento non dipendono dallo smartphone stesso, ma è comunque un elemento di fiducia in più. Peccato per le molte app preinstallate (che potete rimuovere).

Autonomia

La batteria di questo smartphone rimane da 4.500 mAh. Non una batteria enorme certo, ma questo ha permesso ad OPPO di mantenere lo smartphone abbastanza leggero e sottile. In più, con il collaudato Snapdragon 778G le prestazioni energetiche sono molto buone. Arrivare a fine giornata con una singola carica è in sostanza la norma e non l'eccezione. In più apprezziamo comunque l'aver favorito l'aspetto di ergonomia, compensando la batteria in meno con una ricarica fulminea da 80W.

Potrete caricare lo smartphone completamente scarico in soli 28 minuti. OPPO chiama la sua tecnologia di ricarica SuperVOOC S.

Prezzo

OPPO Reno 10 Pro costa meno del suo modello precedente. Molto meno. Ha venduto l'anima al diavolo se vogliamo. Non avrà un design ricercato come il suo predecessore e ha perso un paio di "finezze" hardware, ma questo ha permesso all'azienda di abbassare il prezzo di ben 150€, nell'anno in cui tutti alzano i prezzi. E non è cosa da poco. Parliamo di 649€. La promo di lancio dura fino al 16 luglio e prevede un prezzo scontato di 585€, delle cuffie OPPO Enco Air 3 Pro in omaggio, una OPPO Band 2 in omaggio, una cover in omaggio, 6 mesi di garanzia sulla rottura dello schermo e un supporto da auto in omaggio. Se l'acquisto viene fatto su Amazon invece i supporti da auto sono due e non è inclusa la garanzia di rottura schermo. Non siamo grandi fan delle promo di lancio da "pacco di Natale", ma è indubbio che con così tanti omaggi il prezzo promozionale è ancora più ghiotto.

Foto

Giudizio Finale

OPPO Reno 10 Pro

OPPO Reno 10 Pro si è un po' venduto al diavolo. E questo alla fine è un bene. Abbiamo forse perso quell'alternativa per chi voleva un prodotto dal design unico, ma ne abbiamo guadagnato un notevole miglior bilanciamento fra caratteristiche, prestazioni e prezzo. Con la promo di lancio OPPO Reno 10 Pro è un medio gamma come dovrebbero essere tutti. Con qualche aggiustatura da fare nel comparto fotografico.

Sommario

Confezione 8

Costruzione ed Ergonomia 8.5

Hardware 8

Fotocamera 7.5

Display 8.5

Software 8

Autonomia 8

Prezzo 7

Voto finale

OPPO Reno 10 Pro

Pro

  • Ricarica velocissima
  • Buona qualità costruttiva
  • Software molto fluido
  • Sottile e leggero

Contro

  • Modalità ritratto migliorabile
  • Video 4K un po' tremolanti
  • Non è impermeabile
  • Non c'è più la eSIM

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vivo nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Ma quello che provo oggi qui su SmartWorld sono principalmente smartphone, smartwatch e prodotti per la smart home. Ma le mie passioni riguardano anche il LEGO e la musica elettronica.
OPPO Reno10 Pro

OPPO Reno10 Pro

  • Display 6,7" FHD+ / 1080 x 2412 PX
  • Fotocamera 50 MPX ƒ/1.8
  • Frontale 32 MPX ƒ/2.4
  • CPU octa 2.4 GHz
  • RAM 12 GB
  • Memoria Interna 256 GB
  • Batteria 4500 mAh
  • Android 13
Mostra i commenti