7.7

Recensione bridge Panasonic DC-FZ82: parole d’ordine versatilità e 4K (foto e video)

Cosimo Alfredo Pina -




Recensione Panasonic DC-FZ82

Mentre i video in 4K fanno fatica a sfondare tra le fotocamere di fascia alta, Panasonic propone la DC-FZ82. Questa bridge superzoom non solo permette di riprendere video a questa risoluzione, ma offre qualche funzione davvero interessante, considerando quanto costa. Andiamo a vedere di che pasta è fatta.

6.0

Confezione

La Panasonic DC-FZ82 arriva in una confezione senza troppi fronzoli e forse di cartone un po’ troppo sottile. Comunque all’interno la fotocamera è ben protetta dall’imballaggio ed accompagnata da abbondante manualistica, batteria, cavetto USB-micro USB, alimentatore da 5 V e 1 A, tappo e relativo laccetto, oltre che l’immancabile cinghia a tracolla.

7.5

Costruzione

La Panasonic DC-FZ82 si presenta come una fotocamera certamente non tascabile, ma per essere una bridge superzoom è piuttosto piccola e leggera, tanto da stare (obiettivo escluso) sul palmo di una mano. Non per questo Panasonic ha sacrificato i controlli e sia il lato superiore che quello posteriore sono ricchi di pulsanti.

Andando nello specifico sul lato frontale troviamo l’illuminatore AF e l’obiettivo. Sotto troviamo il classico attacco a vite per il cavalletto, in metallo, e lo sportellino che cela il vano batteria e lo slot per la scheda SD. Sul lato destro della fotocamera, impugnandola come per scattare, troviamo uno sportellino che nasconde la porta mini HDMI e quella micro USB.

Passando sopra, da sinsitra verso destra, troviamo l’altoparlante, il flash pop-up su cui ci sono anche i due microfoni (stereo), la ghiera per la selezione delle modalità di scatto, l’interruttore di accensione, tasto di registrazione video, quello di scatto circondato dalla leva per lo zoom, oltre a due pulsanti dedicati rispettivamente alla funzione 4K Photo e Post Focus.

Dietro invece c’è il tasto che fa saltare fuori il flash, quello per commutare tra display e mirino, pulsante per cambiare la modalità di messa a fuoco (normale, macro, manuale), una ghiera che serve per regolare i parametri di scatto e i tasti immancabili (direzionali, blocco dell’esposizione, riproduzione…).

La costruzione della fotocamera è più che buona: la maggior parte del corpo è realizzata in plastica di ottima qualità e le parti più importanti, come quella che alloggia l’obiettivo, è realizzata in metallo.

Foto Panasonic DC-FZ82

7.5

Hardware

  • Sensore: 18 megapixel, 1/2,3” BSI CMOS
  • Obiettivo: 20-1200 mm f/2.8-5.9 equivalenti
  • Processore d’immagine: Venus Engine
  • Sensibilità: 80-6.400 ISO
  • Tempi di scatto: 4 secondi – 1/16.000 secondo (otturatore elettronico)
  • Flash: integrato, fino a 14,10 metri
  • LCD: 3” touch, fisso, da 1,04 milioni di punti
  • Mirino: elettronico, ingrandimento 0,46x, 1,166 milioni di punti
  • Video: fino a 4K a 30 fps (100 Mbps)
  • Connettività: Wi-Fi
  • Batteria: 895 mAh, 330 scatti dichiarati
  • Dimensioni: 130 x 94 x 119 mm
  • Peso: 616 grammi

Display e mirino

Fin dal momento della prima accensione il display della DC-FZ82 restituisce una buona sensazione. Risoluto, retroilluminazione omogenea e buona leggibilità. Il touch è equilibrato e le attivazioni accidentali, ad esempio quelle attraverso la maglietta, sono pressoché inesistenti.

Inoltre buona parte delle funzioni è abbinata ad un controllo fisico e il touch serve principalmente per la messa a fuoco (cosa che a noi piace). Peccato che non sia orientabile. La DC-FZ82 monta anche un mirino elettronico che va attivato tramite un apposito pulsante (non c’è un sensore di prossimità). Un po’ piccolo ma è un plus notevole che aiuta quando la luce del sole è diretta, ma occhio ai consumi maggiori rispetto all’uso con LCD. Se portate gli occhiali potete contare anche su un certo grado di correzione delle diottrie.

Obiettivo

L’obiettivo della Panasonic DC-FZ82 è degno della categoria bridge superzoom. Si tratta infatti di un 20-1200 mm equivalenti con f/2.8-5.9. La qualità è nella media; in condizioni di normale utilizzo soffre un po’ di vignettatura sulle focali più spinte, ma niente che non possa essere corretto rapidamente in post-produzione.

Quello che invece si fa più fatica a gestire è il controluce spinto che in certi casi porta a molteplici riflessi (lens flare) non particolarmente desiderabili. In compenso il grandangolo 20 mm è perfetto per paesaggi ed architetture. Tra l’altro a questa focale, dove l’apertura può essere portata ad f/2.8, può essere sfruttata quando c’è poca luce; in questo caso il campo di ripresa ampio può essere in parte compensato sfruttando i 18 megapixel della cam per fare dei ritagli (non troppo spinti).

Plauso anche alla stabilizzazione che anche quando portiamo l’obiettivo al massimo dell’escursione aiuta sensibilmente a tenere inquadrato il soggetto e a contenere l’effetto di micromosso.

Connettività

Il comparto wireless della DC-FZ82 non è dei più ricchi: niente Bluetooth, GPS od NFC. La connettività Wi-Fi è però davvero ben implementata offrendo molte opzioni per facilitare la comunicazione verso un PC o, caso più probabile, uno smartphone.

Oltre alla connessione diretta al dispositivo si può connettersi alla fotocamera tramite una rete Wi-Fi locale (ad esempio quella di casa) e l’FZ82 integra anche la comodità del WPS che, con un router compatibile, vi eviterà di dover inserire la password a mano.

L’applicazione è ben realizzata e permette sia di trasferire le immagini (anche a piena risoluzione) sia controllare i parametri di scatto.

Autonomia

In termini di autonomia questa bridge si comporta piuttosto bene. Gli scatti dichiarati dal produttore sono 330 per ciclo di ricarica ma, con un uso sporadico di funzioni come 4K Photo, Post Focus e ripresa video in 4K, si riesce ad arrivare senza troppi problemi a 400 foto. La ricarica tramite porta micro USB è una bella comodità ma la fotocamera può essere alimentata da questa porta solo quando è spenta.

8.2

Software e performance

A discapito del target abbastanza entry level la Panasonic DC-FZ82 offre un’interfaccia completa e ricca di funzioni, qualcuna ereditata dai modelli più costosi dell’azienda. Oltre a tutto quello che ci si può aspettare da una fotocamera del genere, come controlli manuali, modalità di scatto assistite o filtri, ci trovate la possibilità di scattare in RAW e le modalità esclusive di Panasonic 4K Photo e Post Focus.

4K Photo vi permette di effettuare una raffica (un breve filmato 4K a tutti gli effetti) ed estrapolarne scatti da 8 megapixel. Con Post Focus (anche questo basato su un breve filmato in 4K) potete invece fare una foto e scegliere a posteriori quale parte mettere a fuoco: primo piano, sfondo o tutto il campo. Entrambe le funzioni funzionano molto bene e Panasonic è stata brava ad implementarle in questa fascia.

Filmato derivato dalla funzione Post Focus della Panasonic DC-FZ82.

Oltre a questo, i menu sono veramente ben articolati e pieni di feature tra cui sono certamente degne di nota l’espansione della gamma dinamica, una modalità di “risoluzione intelligente” (interpolazione per più dettagli), la correzione della diffrazione oppure cose più classiche come il timelapse.

Come detto nel paragrafo dedicato al display la schermata di scatto è perlopiù dedicata alla messa a fuoco con tap, ma un menu laterale permette comunque di accedere al volo a molte funzioni come filtri o la visualizzazione dell’istogramma.

Passando al lato performance una nota di merito va all’autofocus davvero molto rapido, anche quando c’è poco luce, e capace di agganciare soggetti tosti, come un ramo in primo piano su uno sfondo articolato. Presente anche il riconoscimento dei volti.

Dopo aver scattato con 4K Photo, Post Focus, HDR o si riprende un video, la fotocamera non è subito pronta ma le si deve lasciare il tempo di finire l’elaborazione.

7.0

Foto: qualità d’immagine e sample

Chi acquista la Panasonic DC-FZ82 deve sapere che dovrà fare dei compromessi in termini di qualità. La combo sensore/processore d’immagine fa un ottimo lavoro quando le condizioni di illuminazione sono buone, restituendo immagini mediamente di buona qualità e comunque sempre utilizzabili per social e piccole stampe.

I limiti della fotocamera sono principalmente legati alle piccole dimensioni del sensore e la cosa si fa subito vedere quando la luce inizia a scarseggiare e si deve quindi andare sugli 800 ISO. Questa sensibilità è infatti da usare quando c’è sufficiente luce, mentre spingersi oltre significa sacrificare dettagli e colori.

L’obiettivo non troppo luminoso alle focali spinte non aiuta. Il fattore nitidezza che non sempre  al top può essere corretta sia in post produzione sia aumentando il relativo parametro nelle impostazioni. Altra cosa degna di nota è il flash: qualora si decida di usarlo tenete a mente che per soggetti ravvicinati potrebbe essere necessario abbassarne l’intensità.

Potete farvi un’idea più chiara di come scatta questa DC-FZ82 con la galleria qui sotto, dove trovate alcuni sample leggermente compressi.  Se volete approfondire vi lasciamo ai link degli archivi con gli scatti non compressi, RAW inclusi.

7.0

Video: qualità e sample

Uno dei punti di forza di questa fotocamera è il comparto video. Infatti la Panasonic DC-FZ82 è una delle poche in questa fascia di prezzo che permette di spingersi fino al 4K a 30 fps (massimo 15 minuti per file). Molte reflex digitali non arrivano a questa risoluzione.

Certo non aspettatevi risultati professionali, ma se volete iniziare ad affacciarvi nel mondo del 4K con questa fotocamera potete farlo. Anche nel caso dei video la qualità è legata principalmente alla quantità di luce presente però la presenza dei controlli manuali può aiutare ad affrontare ogni situazione in maniera creativa. Degna di nota la presenza del codec AVCHD ed anche l’attenuazione del rumore del vento, purtroppo non troppo efficace in modalità “Standard”. A seguire un video sample girato in 4K dalla fotocamera in questione e uno a 1080p a 60 fps.

8.5

Prezzo ed acquisto

La Panasonic DC-FZ82 non è un prodotto di fascia alta. Se però cercate una entry level ricca di funzioni con questa fotocamera averete di che sbizzarrirvi. A ricordarci la sua natura è anche il prezzo.  Lanciata qualche mese fa a quasi 500€, la trovate online (ad esempio su ePRICE) già a prezzi molto più interessanti, intorno ai 300€.

Giudizio Finale

Panasonic DC-FZ82

7.7

Panasonic DC-FZ82

La Panasonic DC-FZ82 si propone come una fotocamere piuttosto interessante. In un corpo ben fatto e dalle dimensioni accettabili offre un sacco di funzioni e uno zoom 20-1200 mm molto versatile. La qualità d'immagine non è sempre al top, soprattutto quando la luce scarseggia, ma nel complesso è una bridge superzoom da tenere in considerazione, anche in relazione al suo prezzo.

di Cosimo Alfredo Pina
Pro
  • Zoom versatile, con un bel grandangolo 20 mm
  • Relativamente leggera
  • 4K, e funzioni 4K Photo e Post Focus
  • Prezzo
Contro
  • Gestione del controluce
  • Il rumore si fa sentire già ad 800 ISO
  • Display non ribaltabile
  • M4nder

    Proprio negli ultimi tempi mi volevo approcciare al mondo della fotografia,per mesi ho cercato di uscirne fuori e decidere se prendere una reflex base o una bridge decente (partendo da neofita) che fosse quanto meno completa senza avere la necessità di dovermi comprare e portare dietro un’infinità di obiettivi per ogni evenienza,mi ero focalizzato su questa panasonic (in realtà sulla fz72,ignoravo la presenza di un refresh del modello fatto di recente) e con l’ottima recensione che avete pubblicato avete confermato ciò che pensavo (e che spero diventi presto la mia prima fotocamera! :D)

    Peccato solo che la qualità delle foto non sia eccelsa soprattutto per quanto riguarda gli ISO elevati,d’altronde da quel che mi è parso di capire il sensore è identico a quello della fz-72 di ben 4 anni fa

  • Tarozzo Redirect

    Vorrei comprarla per i video in 4K ma il vs esempio mi ha fatto venire il mal di mare………….