Recensione Philips Hue Play HDMI Sync Box: sincronizza TV e luci smart con colori e musica (foto e video)

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola

Philips Hue Play HDMI Sync Box è un sistema di gestione dell'illuminazione smart che riesce a realizzare una piccola magia: sincronizza il colore e l'intensità delle luci con le immagini visualizzate sullo schermo del televisore o del monitor, assicurando un'esperienza di visione molto più immersiva. Abbiamo avuto modo di provare questo particolarissimo box in accoppiata alle lampade smart Philips Hue Play, tra le più consigliate nella gamma Hue. Siamo dunque pronti a svelarvi tutti i segreti di questo sistema domotico: nella nostra recensione completa troverete le informazioni su scheda tecnica, funzionalità, prezzo e acquisto.

PRO

  • Performance di alto livello
  • Nessun ritardo di sincronizzazione
  • Ottima app di gestione delle funzioni
  • 4 ingressi HDMI IN

CONTRO

  • Prezzo troppo elevato
  • Supporta solo sorgenti HDMI esterne
  • Richiede hub Philips per il collegamento
  • Due app diverse per il funzionamento

Confezione

Le confezioni di cui dobbiamo parlare sono ben tre. La prima è quella del Philips Hue Play HDMI Sync Box, in cui troviamo il dispositivo, l'alimentatore (con due spine diverse), il cavo di alimentazione, il cavo HDMI e il manuale utente.

Passiamo poi alla confezione delle lampade Philips Hue Play, dove sono inserite le due lampade (con cavi non staccabili), 4 supporti per il montaggio (2 diversi per ogni lampada), l'alimentatore (con due spine diverse), una serie di adesivi, una bustina di viti con relativa chiave esagonale e la manualistica.

Infine c'è anche la confezione dell'hub Philips Bridge 2.0, un accessorio necessario per il collegamento alla propria rete Internet domestica. Al suo interno ci sono l'hub, un alimentatore e un cavo Ethernet da collegare al modem.

Caratteristiche Tecniche

Philips Hue Play HDMI Sync Box si presenta come uno scatolotto di colore nero, con un LED colorato e un pulsante sulla parte frontale – che integra il ricevitore infrarossi –, più 5 porte HDMI, una microUSB e una porta jack per l'alimentazione sul retro. Le dimensioni sono molto compatte e il design ci è sembrato piacevole e minimale, abbastanza sobrio da poter essere piazzato su qualsiasi scaffale o mobile TV senza dare troppo nell'occhio.

Grazie alle 4 porte HDMI IN posteriori, possiamo collegare fino a 4 dispositivi HDMI esterni – lettori Blu-Ray, decoder satellitari, box TV, console di gioco, PC, soundbar, ecc. – mentre la porta HDMI OUT sarà quella da usare per collegare il box al televisore o al monitor che vogliamo utilizzare. La porta microUSB serve solo per controllare l'accensione e lo spegnimento del televisore. Da sottolineare che i contenuti che passano attraverso il box non perdono di qualità. Philips Hue Play HDMI Sync Box integra il supporto diretto ai contenuti fino a risoluzione 4K, anche quelli trasmessi con standard Dolby Vision e HDR10+.

Probabilmente avrete già intuito il grande limite fisico di questo box: può funzionare solo con riproduttori HDMI esterni. Ciò vuol dire che la sincronizzazione delle luci smart non avviene con i contenuti trasmessi direttamente dal televisore, siano essi canali TV o video in streaming, semplicemente perché questi non passano per il box.

Philips Hue Play HDMI Sync Box supporta fino a 10 luci in contemporanea ed è compatibile con tutta la gamma Hue: potete collegare lampade, lampadine, strisce LED e altro ancora. Anche i sistemi di controllo sono tanti e molto diversi tra loro: l'app per Android e iOS fornisce il supporto più completo in assoluto, ma è possibile usare il pulsante di controllo sulla parte frontale, il telecomando a infrarossi del televisore oppure i comandi vocali di Google Assistant, Amazon Alexa e Apple Siri. Da segnalare che il collegamento al bridge e all'app avviene tramite Wi-Fi 802.11 b/g/n/ a 2,4 GHz, ma è supportato anche il Bluetooth 4.2 che serve durante il processo d'installazione e riconoscimento del box.

Le lampade Philips Hue Play che abbiamo utilizzato durante le nostre prove sono perfette per lo scopo. Hanno una superficie ampia che permette di diffondere la luce in maniera larga e soffusa, con una luminosità che arriva fino a 600 lumen e una capacità di riproduzione di ben 16 milioni di colori. Possono essere posizionate sia in verticale che in orizzontale, appoggiate al tavolo (montando gli appositi supporti) oppure incollati direttamente al retro del televisore.

Curiosità per chi vuole ottimizzare il cable management. Se intendete utilizzare un set simile a quello da noi provato – un box più due lampade – potrete utilizzare un solo alimentatore, visto che sono disponibili tre ingressi di alimentazione su ciascun alimentatore Philips.

Installazione

L'installazione di Philips Hue Play HDMI Sync Box è abbastanza semplice, ma richiede varie fasi. Se non lo avete già fatto in precedenza, per prima cosa bisogna collegare il Philips Bridge 2.0 al modem, perché sarà lui a gestire la connettività dell'intero sistema. Fatto questo, è possibile collegare le luci smart – in questo caso le Philips Hue Play già citate, ma ci sono anche altri modelli compatibili – all'hub di controllo e impostare le stanze e le scene dall'app Philips Hue.

A questo punto saremo pronti a collegare il Philips Hue Play HDMI Sync Box, a cominciare dalle connessioni fisiche: è necessario connettere almeno un riproduttore esterno ad una porta HDMI IN e un televisore/monitor alla porta HDMI OUT. Tramite l'app Philips Hue Sync possiamo collegare il box al bridge dove abbiamo già collegato le luci smart, in modo da poter comunicare sulla stessa rete. Tutto si gestisce in maniera abbastanza intuitiva con l'app, anche se potrebbero sorgere un po' di problemi durante le diverse fasi di installazione del prodotto. Se incappate in quest'eventualità, vi consigliamo semplicemente di ripetere i passaggi per l'installazione.

Dopo aver connesso sia il box che le luci, basta accedere all'app Philips Hue Sync per impostare una o più aree d'intrattenimento, posizionando le luci nella posizione desiderata. Questo passaggio è fondamentale per far capire al box la disposizione delle fonti d'illuminazione che vogliamo usare intorno al televisore.

Software e App

Il vero cuore dell'esperienza d'uso del sistema Philips Hue Play HDMI Sync Box sta nell'app Philips Hue Sync. Attenzione perché si tratta di un'app distinta e separata rispetto alla classica app Hue: con la prima gestirete solo il box HDMI, mentre con la seconda potrete controllare tutte le luci smart e la domotica a marchio Philips. Sono comunque entrambe necessarie per gestire il sistema, dunque vi consigliamo di tenerle installate sul vostro smartphone. Nonostante ci sia un po' di confusione sulle funzionalità delle due app, è molto semplice gestire ogni aspetto dell'esperienza utente, ma di certo sarebbe stato meglio avere una sola app con all'interno tutte le funzioni, magari con una sezione specifica dedicata al box.

L'app Philips Hue Sync ha un'interfaccia intuitiva, con grossi pulsanti per la gestione delle modalità e la regolazione delle impostazioni. Così come la già citata app Hue, rappresenta uno dei migliori software sul mercato per la domotica, un valore aggiunto fondamentale per chi vuole creare un sistema stabile e sempre aggiornato, ampiamente personalizzabile e super integrato con altri sistemi e piattaforme digitali.

Le modalità di funzionamento della sincronizzazione sono tre: Video, Musica e Gioco. Riportiamo a seguire uno schema che spiega brevemente il funzionamento di ciascuna:

  • Video: i colori e la luminosità delle luci riprendono quelli delle immagini mostrate sullo schermo, sincronizzandosi anche a livello di posizione intorno al televisore (intensità Moderata);
  • Musica: i colori ciclano tra un ampio spettro di tonalità, senza riprendere quelli sullo schermo, ma l'intensità delle luci si sincronizza con l'audio trasmesso, seguendo le frequenze della musica (intensità Alta);
  • Gioco: simile alla modalità Video, ma in questo caso il posizionamento dei colori è più preciso e molto più reattivo (intensità Estrema).

Ogni modalità può essere impostata su 4 livelli d'intensità, da Semplice a Estrema. L'intensità rappresenta la frequenza di aggiornamento della sincronizzazione, per meglio dire la velocità con il quale i colori si adattano all'immagine visualizzata a schermo oppure alla musica trasmessa. La luminosità può essere regolata finemente tramite la barra posta a metà schermo, molto comoda da utilizzare.

Il cambiare di sorgente tra le 4 porte HDMI IN sul box è automatico, ma è possibile fare un cambio manuale tramite il selettore sulla parte bassa dell'interfaccia dell'app. Nelle impostazioni, inoltre, si possono creare nuove aree d'intrattenimento, cambiare gli ingressi HDMI, attivare il controllo tramite telecomando o assistente vocale, regolare la sincronizzazione e procedere all'aggiornamento software.

Esperienza d'uso

L'esperienza d'utilizzo complessiva è davvero piacevole. Philips Hue Play HDMI Sync Box e le due lampade Philips Hue Play comunicano alla perfezione, sia per quanto riguarda la sincronizzazione del video che dell'audio. I colori delle luci cambiano e si adattano all'istante rispetto al contenuto sullo schermo, non ci sono ritardi, tutto si muove in maniera armoniosa e consistente, grazie alla latenza bassissima.

Guardare un film con il supporto del box e delle luci è un'esperienza di visione coinvolgente, che amplifica le sensazioni visive e permette un'immersione totale all'interno della scena. Anche la modalità musica è però molto interessante, soprattutto collegando una soundbar o un impianto audio di qualità: in questo caso si può creare una piccola discoteca domestica, con luci a tempo di musica che non perdono un colpo.

L'unica modalità che abbiamo apprezzato meno è quella Gioco, in particolare su PC. Probabilmente è la più bella da vedere, ma è meno efficace quando la si usa su monitor di dimensioni medie – diciamo fino a 27" – perché la concentrazione è troppo focalizzata allo schermo e non ci si accorge delle luci intorno. Può essere certamente più utile per i giocatori console che utilizzano il televisore come schermo di gioco, in modo da avere un'atmosfera immersiva.

Vi lasciamo a seguire il video di prova di Philips Hue Play HDMI Sync Box con due lampade Philips Hue Play connesse e posizionate ai lati del televisore. Potete ammirare tutte le modalità disponibili, provate a diverse intensità.

Prezzo e Acquisto

Philips Hue Play HDMI Sync Box ha un prezzo di listino pari a 249€. Come detto, non basta avere questo accessorio per poter controllare le luci, ma dovrete dotarvi anche del Philips Bridge 2.0, che costa 59€ circa, e di un set di luci compatibili: le Philips Hue Play che abbiamo usato in questa prova costano 129€ in confezione da due.

A conti fatti, si spendono quasi 440€ per realizzare un set-up come il nostro, un prezzo molto alto. Sebbene sia un prodotto funzionale, con un bel design e un buon software integrato, è difficile consigliarlo per un utente generico. A nostro parere, può essere utile per chi ha già un sistema domotico a marchio Philips in casa – magari con tante luci smart già disponibili – e vuole completare il set aggiungendo il Sync Box, molto meno per altri clienti.

Per fortuna alcuni dei prodotti Philips citati si trovano spesso in sconto su Amazon e su altri store online. Se volete verificare le ultime offerte, basta cliccare su questo link oppure sui pulsanti in basso.

Giudizio Finale

Philips Hue Play HDMI Sync Box

Il sistema con Philips Hue Play HDMI Sync Box e le lampade Philips Hue Play è uno spettacolo per gli occhi. Al netto di un'installazione un po' lunga e dell'impossibilità di usarlo coi contenuti nativi del televisore, il box assicura un'esperienza utente ottima, grazie a prestazioni elevate e bassissima latenza. È compatibile con tanti dispositivi HDMI diversi e supporta anche Dolby Vision e HDR10+. Il vero limite è il prezzo, troppo alto per chi non ha già un sistema Hue montato in casa e vuole partire da zero. Una soglia all'ingresso così alta ne limita moltissimo l'appetibilità.

Voto finale

Philips Hue Play HDMI Sync Box

Pro

  • Performance di alto livello
  • Nessun ritardo di sincronizzazione
  • Ottima app di gestione delle funzioni
  • 4 ingressi HDMI IN

Contro

  • Prezzo troppo elevato
  • Supporta solo sorgenti HDMI esterne
  • Richiede hub Philips per il collegamento
  • Due app diverse per il funzionamento

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola Nato in un posto che sicuramente non conoscerete, romano d'adozione, affascinato da qualsiasi cosa abbia tasti, schermi o lucine colorate.

Commenta