Recensione Pro Cycling Manager 2021: la forza della tradizione su due ruote (foto)

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola

Pro Cycling Manager 2021 è il nuovo capitolo della longeva serie di manageriali ciclistici sviluppati da Cyanide Studio. Come da tradizione, anche per l'edizione annuale sono presenti tutte le più importanti corse internazionali e i grandi campioni del pedale, con un vasto catalogo di licenze ufficiali sia per le squadre che per i materiali. Le novità rispetto al passato sono, però, molto limitate, dunque vale la pena dare una rispolverata alla nostra recensione di Pro Cycling Manager 2019 se volete avere una prima infarinatura sulle meccaniche di gioco. In questa nuova recensione ci occuperemo di spiegare le novità e le differenze rispetto alle versioni precedenti, facendo anche un confronto con il gioco Tour de France 2021, una versione più arcade e meno gestionale – trovate la recensione completa dal link a seguire.

PRO

  • Grande database con licenze ufficiali
  • Gare divertenti e bilanciate
  • Interfaccia gestionale ricca di opzioni
  • Poco esoso di risorse hardware

CONTRO

  • Poche novità rispetto al passato
  • Grafica non sufficiente
  • Caricamenti troppo lunghi
  • Alcune modalità meno curate (Pista, Multiplayer)

Editore Nacon
Sviluppatore Cyanide Studio
Piattaforme PC Windows
Genere Gestionale sportivo
Modalità di gioco Giocatore singolo, Multiplayer online
Lingua Italiano (testo), Inglese (audio)
Prezzo e acquisto 39,99€ (PC Steam)

Che cos’è Pro Cycling Manager 2021?

Pro Cycling Manager 2021 è un gioco gestionale sportivo, che ci mette nei panni di un Direttore Sportivo di una squadra di ciclismo. Viene sviluppato da Cyanide Studio e prodotto da Nacon, che già da qualche anno si occupano delle due serie Pro Cycling Manager e Tour de France.

Rispetto al fratello minore Tour de France 2021, che ha un approccio impostato quasi totalmente sulla Grande Boucle e sulle principali classiche, in Pro Cycling Manager 2021 è possibile correre sulle strade di tutto il mondo, allestendo la propria squadra e pianificando tutta la stagione in maniera molto approfondita.

C'è una netta differenza anche a livello di gameplay: Tour de France 2021 permette di controllare un solo ciclista alla volta, mentre con Pro Cycling Manager 2021 è possibile guidare tutta la squadra allo stesso tempo, anche se con meno precisione. Se il primo è un titolo che punta i riflettori sui campioni in bici, il secondo è molto più orientato alla gestione dall'Ammiraglia.

Gran parte dell'esperienza di gioco si fa in singolo, ma è presente anche una modalità multiplayer online, con la quale è possibile creare la propria corsa e sfidare avversari reali. Vista la difficoltà di organizzare una partita online, vi consigliamo di sfruttare il multiplayer con gli amici, in modo da poter giocare con persone fidate e reperibili.

Novità rispetto al passato

Abbiamo già parlato in maniera approfondita della serie Pro Cycling Manager un paio d'anni fa, in occasione della recensione del capitolo Pro Cycling Manager 2019. Come già detto all'inizio, se volete conoscere con dovizia di particolari tutto ciò che c'è all'interno dei giochi della serie, potete leggere la recensione che trovate a questo indirizzo.

Le novità specifiche di Pro Cycling Manager 2021 rispetto ai capitoli precedenti sono abbastanza poche, come da tradizione. Anche quest'anno nel gioco trovate quasi tutte le licenze ufficiali di ciclisti, squadre e fornitori, anche se si nota qualche assenza. Da segnalare le licenze legate ai nuovi marchi presenti in gioco (Lazer, Specialized, Vision, Rudy Project, Corima, HJC, Canyon, POC, Merida), che si possono selezionare come fornitori durante la carriera. Sono state riprodotte fedelmente tutte le tappe del Tour de France 2021 e i percorsi delle corse più importanti, e c'è anche il Campionato Europeo per nazionali.

Per la parte del gameplay è stato inserito un nuovo sistema di obiettivi da raggiungere, è stata migliorata l'intelligenza artificiale dei ciclisti ed è presente un meteo più realistico, che va ad impattare sulle condizioni di corsa. Per il resto, le rodatissime meccaniche della serie Pro Cycling Manager sono più o meno sempre le stesse.

Se avete già giocato ai titoli delle scorse annate, vi ritroverete a casa vostra, e questa non è per forza una buona notizia. La mancanza di grandi novità è un fattore non nuovo per la serie Pro Cycling Manager, che però in questa edizione 2021 si fa sentire più che in passato.

Modalità di gioco

Le modalità di gioco di Pro Cycling Manager 2021 sono principalmente due: la Carriera e la Pro Cyclist. Ci sono poi anche altre due possibilità, quella per organizzare una Gara singola oppure gareggiare in Pista, ma riteniamo che siano meno interessanti. Nello specifico, quella delle gare su Pista è una modalità molto più sacrificata rispetto al resto e si può considerare più un mini-gioco che una vera sezione di Pro Cycling Manager 2021.

Per la Carriera è possibile prendere in gestione una qualsiasi delle tante squadre ufficiali a disposizione in varie categorie (World Tour, Continental Pro, Continental) oppure creare un proprio team completamente personalizzato. Tramite i tanti menu dell'interfaccia di gestione si possono fare tante operazioni: scorrere i messaggi e le notizie più recenti, controllare le statistiche e il morale dei corridori, pianificare gli allenamenti e le gare a cui partecipare, gestire contratti con sponsor e fornitori, dare un'occhiata a tutti i risultati e gli obiettivi della stagione. Insomma, tanto lavoro, che deve poi essere ripagato dalle prestazioni in corsa.

La modalità Pro Cyclist presenta una natura molto simile, in termini gestionali, anche se si concentra principalmente su un'esperienza individuale. In questo caso, infatti, si può creare il proprio ciclista personalizzato, scegliendo l'aspetto e le caratteristiche, per poi essere messi sotto contratto con una squadra e iniziare la scalata verso il successo. Molto importante per questa modalità sono gli obiettivi, che permettono di accumulare Punti Esperienza e salire di livello, migliorando le proprie statistiche e facendo contenti sponsor e manager.

Considerando l'enorme database di corse e ciclisti disponibile nel gioco, è davvero uno spasso mettersi a costruire la propria squadra, studiando attentamente i parametri di ogni corridore e andando ad ingaggiare il campione dei sogni, quello che può farci vincere una classica monumento o un grande giro.

Inoltre, se volete andare a personalizzare ancora più in profondità l'esperienza di gioco, è possibile aggiungere mod per allargare il database e inserire nuovi ciclisti. La community di Pro Cycling Manager è sempre molto attiva a riguardo, dunque non faticherete a trovare le mod in giro per la rete.

La corsa

La parte più interessante di Pro Cycling Manager 2021 è la Corsa 3D, vale a dire la partecipazione in prima persona alla gara. Ovviamente non tutte le corse devono essere affrontate in questa modalità: se ci sono gare che volete saltare, potete affidarvi alla simulazione rapida, che però come al solito tanto rapida non è. Il problema dei caricamenti troppo lunghi è ormai un marchio di fabbrica di Pro Cycling Manager, come avremo modo di dire quando parleremo di prestazioni.

Nell'interfaccia di corsa è possibile controllare direttamente tutti i ciclisti (in modalità Carriera) oppure solo il proprio ciclista e i gregari concessi (in Pro Cyclist), regolando lo sforzo della pedalata e le varie azioni da compiere in ogni momento. Come sempre nella serie, è molto importante stare attenti alle tre barre dell'energia presenti per ogni ciclista, che indicano resistenza, grinta e attacco.

La parte della Corsa 3D è sicuramente quella più riuscita di Pro Cycling Manager 2021, perché è ricca di variabili e colpi di scena potenziali. Al contrario di quanto avviene in Tour de France 2021, il comportamento dei ciclisti e delle situazioni di gara sono più realistici, con possibilità di gestire il gruppo e le fughe in maniera strategica. Bisogna fare sempre attenzione a proteggere il proprio capitano, entrare nella fuga giusta, non rimanere a secco di borracce ed evitare le cadute – che in Pro Cycling Manager 2021 ci sono e fanno davvero male, provocando infortuni che possono pesare sull'intera stagione.

Arrivare alla vittoria non è semplice, soprattutto se nella nostra squadra non ci sono campioni, ma se indoviniamo una buona strategia e gestiamo le forze nel modo giusto, vincere una tappa o un'intera corsa è comunque possibile. Anche in questo Pro Cycling Manager 2021 si dimostra un gioco molto più equo e bilanciato rispetto a quanto visto in Tour de France 2021.

Grafica

Uno dei punti dolenti di Pro Cycling Manager 2021 è l'aspetto grafico. Non perché sia un titolo realizzato con poca attenzione – anzi ci sono dettagli molto precisi su ogni mappa – ma semplicemente perché il motore grafico utilizzato da Cyanide ha ormai fatto il suo tempo. I modelli poligonali sembrano provenire da un'epoca passata e ci sono diversi problemi di compenetrazione tra ciclisti e oggetti sul percorso. Per fortuna sono meno rispetto al passato, ma continuano ad esserci.

Per migliorare un po' l'aspetto grafico è possibile attivare dei filtri visivi nelle impostazioni del gioco, in modo da avere un'immagine in stile più televisivo o cinematografico, ma la sostanza non cambia molto. A proposito di stile televisivo, all'interno del gioco sono previsti tantissimi replay a fine gara, che possono però essere disattivati nelle impostazioni.

Prestazioni

Pro Cycling Manager 2021 è un gioco poco esoso di risorse, dunque è possibile farlo girare su macchine dotate di hardware di fascia bassa senza tanti problemi. Noi lo abbiamo testato in versione PC su una macchina di fascia medio-alta, con processore AMD Ryzen 7 3800X e scheda video NVIDIA GeForce RTX 3070 Ti, riuscendo a giocare in 4K ad alti fps con ottime prestazioni.

Attenzione al problema dei lunghi caricamenti, già annunciato poco sopra. Sia quando andate avanti con il calendario che con la simulazione rapida delle gare, ci saranno tempi di attesa abbastanza dilatati. Molte parti del gioco soffrono di una lentezza abbastanza esasperante, dovuta probabilmente ad una scarsa ottimizzazione per lo sfruttamento delle risorse hardware.

Prezzo

Pro Cycling Manager 2021 ha un prezzo pari a 39,99€ ed è acquistabile in versione PC Windows su Steam a questo indirizzo. Come detto all'inizio, non è prevista alcuna edizione per console: su queste piattaforme potete invece trovare il fratello minore Tour de France 2021.

Pro Cycling Manager 2021 – Screenshot

Giudizio Finale

Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 è un gioco che punta sulla tradizione: ci sono pochissime novità, la grafica non è al passo coi tempi e l'ottimizzazione lascia a desiderare, ma ha un grande database ed è un piccolo parco giochi per gli appassionati di ciclismo. Il leggero miglioramento dell'intelligenza artificiale rende ancora più realistiche e appassionanti le gare, nelle quali è possibile rivaleggiare con i grandi campioni del momento. La serie ha certamente bisogno di una svecchiata, ma rimane ancora il miglior gioco per chi vuole mettersi nei panni di un Direttore Sportivo di una squadra sportiva.

Voto finale

Pro Cycling Manager 2021

Pro

  • Grande database con licenze ufficiali
  • Gare divertenti e bilanciate
  • Interfaccia gestionale ricca di opzioni
  • Poco esoso di risorse hardware

Contro

  • Poche novità rispetto al passato
  • Grafica non sufficiente
  • Caricamenti troppo lunghi
  • Alcune modalità meno curate (Pista, Multiplayer)

Vezio Ceniccola
Vezio Ceniccola Nato in un posto che sicuramente non conoscerete, romano d'adozione, affascinato da qualsiasi cosa abbia tasti, schermi o lucine colorate.

Commenta